1542326400<=1347580800
1542326400<=1348185600
1542326400<=1348790400
1542326400<=1349395200
1542326400<=1350000000
1542326400<=1350604800
1542326400<=1351209600
1542326400<=1351814400
1542326400<=1352419200
1542326400<=1353024000
1542326400<=1353628800
1542326400<=1354233600
1542326400<=1354838400
1542326400<=1355443200
1542326400<=1356048000
1542326400<=1356652800
1542326400<=1357257600
1542326400<=1357862400
1542326400<=1358467200
1542326400<=1359072000
1542326400<=1359676800
1542326400<=1360281600
1542326400<=1360886400
1542326400<=1361491200
1542326400<=1362096000
1542326400<=1362700800
1542326400<=1363305600
1542326400<=1363910400
1542326400<=1364515200
1542326400<=1365120000
1542326400<=1365724800
1542326400<=1303171200
1542326400<=1366934400
1542326400<=1367539200
1542326400<=1368144000
1542326400<=1368748800
1542326400<=1369353600
1542326400<=1369958400
1542326400<=1370563200
1542326400<=1371168000
1542326400<=1371772800
1542326400<=1372377600
1542326400<=1372982400
1542326400<=1373587200
1542326400<=1374192000
1542326400<=1374796800
1542326400<=1375401600
1542326400<=1376006400
1542326400<=1376611200
1542326400<=1377216000
1542326400<=1377820800
1542326400<=1378425600

Parashà di Chayè Sarà: La continuità d’Israele è nelle mani delle madri

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Dopo la morte di Sara, il patriarca Avraham decise che era tempo che il figlio Yitzchàk (Isacco) prendesse moglie. Così egli incaricò il fedele servitore Eli’ezer di andare a Haràn (Carrhae, dove nel 53 a.E.V. ebbe luogo la battaglia tra romani e parti dove Crasso fu ucciso) in Mesopotamia, la città del fratello Nachòr, a cercare una moglie per il figlio. Arrivato a Haràn, Eli’ezer fece inginocchiare i cammelli alla fonte al di fuori della città e attese che le ragazze venissero ad attingere acqua. Quando chiese a Rivkà, nipote di Nachòr, di dargli da bere, essa fece molto di più di quanto richiesto, diede da bere anche ai cammelli e offrì ospitalità per uomini e animali nella vasa paterna.

R. Chayim Yosef David Azulai (Gerusalemme, 1823-1806, Livorno) in Penè David, scrive che Eli’ezer quando si rivolse a Rivkà voleva verificare che la ragazza fosse caritatevole e generosa come Avraham.

Infatti riguardo ad Avraham è scritto che “piantò un èshel a Beer Sheva’” (Bereshìt, 21:33). Nel Talmud babilonese (Sotà, 10a) un maestro sostiene che èshel fosse un orto per offrire frutta agli ospiti e un secondo maestro sostiene invece che èshel fosse un albergo per gli ospiti con tutto il necessario. Rashì  (Francia, 1040-1104) nel trattato Ketubbòt (8b) commenta che le iniziali della parola èshel (alef-shin-lamed) alludono a akhilà (mangiare), shetiyà (bere) e levayà (accompagnamento). Da qui impariamo che Avraham era caritatevole e generoso. 

R. Yosef Shalom Elyashiv (Lituania, 1910-2012, Gerusalemme) in Divrè Aggadà (p. 64) cita un passo talmudico (Ta’anìt, 26b) dove è scritto: “Non vi erano giorni più festivi Israele del 15 del mese di Av e del giorno di Kippur, quando le giovani di Gerusalemme uscivano vestite di bianco, con abiti presi a prestito per non imbarazzare chi non ne aveva […] e danzavano nelle vigne esclamando: Giovane guarda cosa scegli, non guardare la bellezza ma guarda la famiglia […] e così è detto nel Shir Ha-Shirìm: “Uscite, figlie di Sion, guardate il re Salomone con la corona di cui lo cinse sua madre nel giorno delle sue nozze, giorno di letizia del suo cuore” (Cantico dei Cantici, 3:11). Le parole “Nel giorno delle sue nozze” alludono al giorno in cui fu data la Torà [al monte Sinai], e le parole “Nel giorno di letizia del suo cuore” alludono alla costruzione del Bet Ha-Mikdàsh [il Santuario di Gerusalemme]. R. Elyashiv chiede quale sia lo scopo della conclusione di questo passo talmudico con le allusioni al giorno in cui fu data la Torà e alla costruzione del Bet Ha-Mikdàsh. E risponde che i Maestri vollero sottolineare che la Torà e la costruzione del Bet Ha-Mikdàsh furono messi nelle mani della donna ebrea. Quando venne data la Torà fu prima detto: “Così dirai alla casa di Ya’akòv” [cioè alle donne] e solo dopo “e racconterai ai figli d’Israele” [agli uomini] (Shemòt, 35:22). La donna può costruire o distruggere il Bet Ha-Mikdàsh; essa può dare continuità alla Torà o interromperla, perché lo spirito dei figli d’Israele è nelle sue mani. Un esempio di madre israelita è quello di Miriam che venne a vedere cosa sarebbe successo con la cassettina galleggiante nella quale era stato messo il fratellino Moshè per trovare un’opportunità per salvarlo (Shemòt, 2:4).  Non come Hagàr che si allontanò per non vedere morire il figlio Yishma’el (Bereshìt, 21:16).

R. Beniamino Artom (Asti, 1835-1879, Londra) in un sermone dato alla Bevis Marks Synagogue di Londra disse che le madri si danno da fare per vestire i bambini. Tuttavia non è sufficiente coprirli con i vestiti. Bisogna anche coprire la loro anima con la prima educazione. Dopo aver dato vita ai figli bisogna anche proteggerli e fare in modo come dice il profeta Yeha’yà (Isaia: 59:21) che ”il Mio spirito che riposa su te e le mie parole che ho messe nella tua bocca non si dipartiranno mai dalla tua bocca né dalla bocca della tua progenie né dalla bocca della progenie della tua progenie, dice l’Eterno, da ora in perpetuo”.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS