1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Parashà di Devarìm: A cosa serve ricordare i peccati del passato

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

La prima parashà del quinto libro della Torà inizia con queste parole: “Queste sono le parole che Moshè rivolse a tutto Israele al di là del Giordano, nel deserto, nella ’Aravà, di fronte a Suf, tra Paràn, Tòfel, Lavàn, Chatzeròt e Di-Zahav” (Devarìm, 1:1). Apparentemente questo versetto della Torà viene a indicare i luoghi dove Moshè si rivolse al popolo prima dell’entrata nella Terra Promessa.

Rashì (Francia, 1040-1105) citando i maestri, commenta che questo versetto nasconde delle ammonizioni e che Moshè elencò i luoghi nel quali gli israeliti avevano commesso delle trasgressioni nei confronti dell’Onnipresente. Nel deserto: dove dissero “magari morissimo nel deserto”. Nella ‘Aravà: dove peccarono con il culto idolatrico del Ba’al Pe’or (in italiano: Belfagor).  Di fronte a Suf: quando di fronte al Mar Rosso (Yam Suf) dissero “non vi sono abbastanza tombe in Egitto?”. A Paràn: quando accettarono il rapporto degli esploratori e rifiutarono di entrare nella Terra di Canaan. Tòfel: le parole vane (tafèl) che dissero riguardo alla manna. Chatzeròt: dove avvenne la rivolta di Kòrach. Di-Zahàv:  è un accenno al vitello d’oro (fatto di oro, zahàv).

Rashì aggiunge che Moshè decise di ammonire il popolo solo nel quarantesimo anno poco prima della sua morte, imparando dal patriarca Ya’akòv che ammonì i figli solo prima di morire.

R. Moshè Feinstein (Belarus, 1895-1886, New York) in Daràsh Moshè (ed. inglese, p. 275) cita Rashì che scrive che i luoghi menzionati da Moshè nel primo versetto della parashà erano un modo per alludere alle trasgressioni del popolo. Moshè non voleva essere esplicito per non imbarazzare il popolo.

R. Feinstein fa notare però che più avanti Moshè ammonì il popolo in modo esplicito riguardo al rifiuto del popolo di entrare nella Terra di Canaan. In quell’occasione Moshè disse loro: “Nessuno degli uomini di questa generazione malvagia vedrà la buona terra […] se non Calev, figlio di Iefunnè” (ibid., 35). E ancora più avanti riguardo al peccato del vitello d’oro Moshè disse al popolo: “Guardai ed ecco, avevate peccato contro l’Eterno vostro Dio. Avevate fatto per voi un vitello di metallo fuso: avevate ben presto lasciato la via che il l’Eterno vi aveva prescritto. Allora afferrai le due tavole, le gettai con le mie mani, le spezzai sotto i vostri occhi (ibid., 9:16-17). Perché Moshè parlò con un’allusione all’inizio della parashà se poi ripeté in modo esplicito le stesse ammonizioni?

R. Feinstein spiega che all’inizio Moshè si rivolse alla nuova generazione nata o cresciuta nel deserto e non a coloro che avevano commesso tutte quelle trasgressioni nei confronti dell’Eterno. Per questo motivo usò un tono pacato usando delle allusioni per menzionare i peccati della generazione precedente.

Più avanti invece, Moshè ripeté le ammonizioni che aveva già dato alla generazione precedente. Nel fare ciò doveva essere molto più diretto per fare capire quale era stata la gravità dei peccati e la severità delle punizioni. [Il fatto che tutto il discorso venne fatto con la seconda persona plurale anche se nessuno dei presenti erano stati coinvolti nelle trasgressioni descritte, deriva dal fatto che il popolo d’Israele, in quanto popolo, non muore mai. Pertanto in ogni generazione il leader può dire: “avete commesso una trasgressione quattrocento anni fa” anche se nessuno era vivo quando la trasgressione venne commessa]. Nel rivolgersi alla seconda generazione che non aveva commesso queste trasgressioni a Moshè fu sufficiente accennare ai peccati dei padri per sradicare ogni possibilità che essi avrebbero seguito la stessa strada. E fino a quando Moshè non fosse convinto che la seconda generazione fosse immune dalle tendenze che avevano causato le trasgressioni della prima generazione, Moshè decise di ammonirli, anche se per rispettarli si limitò ad accennare alle trasgressioni.  In modo simile la mitzvà di ricordare quello che ‘Amalèk fece ad Israele serve a renderci conto quali terribili crimini possono commettere gli esseri umani. Solo ricordando a quale livello un essere umano può scendere, possiamo evitare di cadere così in basso.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS