1537401600<=1347580800
1537401600<=1348185600
1537401600<=1348790400
1537401600<=1349395200
1537401600<=1350000000
1537401600<=1350604800
1537401600<=1351209600
1537401600<=1351814400
1537401600<=1352419200
1537401600<=1353024000
1537401600<=1353628800
1537401600<=1354233600
1537401600<=1354838400
1537401600<=1355443200
1537401600<=1356048000
1537401600<=1356652800
1537401600<=1357257600
1537401600<=1357862400
1537401600<=1358467200
1537401600<=1359072000
1537401600<=1359676800
1537401600<=1360281600
1537401600<=1360886400
1537401600<=1361491200
1537401600<=1362096000
1537401600<=1362700800
1537401600<=1363305600
1537401600<=1363910400
1537401600<=1364515200
1537401600<=1365120000
1537401600<=1365724800
1537401600<=1303171200
1537401600<=1366934400
1537401600<=1367539200
1537401600<=1368144000
1537401600<=1368748800
1537401600<=1369353600
1537401600<=1369958400
1537401600<=1370563200
1537401600<=1371168000
1537401600<=1371772800
1537401600<=1372377600
1537401600<=1372982400
1537401600<=1373587200
1537401600<=1374192000
1537401600<=1374796800
1537401600<=1375401600
1537401600<=1376006400
1537401600<=1376611200
1537401600<=1377216000
1537401600<=1377820800
1537401600<=1378425600

Parashà di Ki Tavò: Non si può fuggire dalla benedizione divina

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Questa parashà comprende alcune delle più belle benedizioni promesse al popolo d’Israele se osserveranno le mitzvòt che l’Eterno ha comandato loro. Nella Torà è scritto: “Se ascolterai la voce dell’Eterno tuo Dio, osservando ed eseguendo tutte le Sue mitzvòt che io [Moshè] ti comando oggi, l’Eterno tuo Dio ti porrà al di sopra di tutte le nazioni della terra. Verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste benedizioni se avrai dato ascolto alla voce dell’Eterno tuo Dio. Sarai benedetto in città e in campagna; sarà benedetto il frutto del tuo ventre, il prodotto della terra e il frutto del tuo bestiame; il parto delle tue mucche e gli agnelli del tuo gregge. Sarà benedetto il tuo cesto e la tua madia…” (Devarìm, 28-1-5).

Le benedizioni continuano per altri nove versetti.

R. ‘Ovadià Sforno (Cesena (1475-1550, Bologna) nel suo commento scrive che normalmente una persona cerca il successo e le benedizioni materiali. L’Eterno ha promesso a Israele che non è necessario affaticarsi, perché le benedizioni arriveranno senza alcuno sforzo da parte loro a condizione che Israele obbedisca e osservi le mitzvòt che l’Eterno ha comandato.

R. Moshe Alshich (Adrianopoli, 1508-1593, Safed) commenta che l’espressione “e ti raggiungeranno” significa che le benedizioni correranno dietro a coloro che ascoltano le parole dell’Eterno e ne osservano le mitzvòt senza alcun motivo ulteriore e solo perché così ha comandato l’Eterno.

R. Eliyahu Benamozegh (Livorno, 1823-1900) nel suo commento Panìm La-Torà (Devarìm, p. 51) offre una spiegazione di ispirazione cabalistica. Anch’egli afferma che l’espressione “ti raggiungeranno” appare non necessaria. Egli spiega che anche se una persona ha tutti i requisiti per ricevere il flusso (shefa’) della benedizione divina grazie ai suoi meriti, talvolta vi sono degli ostacoli che ne impediscono la discesa dall’alto al basso, sia per via degli intermediari celesti, sia per la natura della persona più o meno soggetta a malattie o a causa della vita più breve del normale. In questa situazione sarebbe quindi possibile dire che anche se la persona meritasse di ricevere il flusso della benedizione divina, questo flusso di benedizione non lo raggiungerebbe […]. Per questo nel versetto è scritto “E ti raggiungeranno […] se ascolterai le parole dell’Eterno tuo Dio”, in modo che non si possa pensare che vi sia una cortina che separi e impedisca la discesa della benedizione divina. R. Benamozegh aggiunge: E non sarai soggetto all’influenza degli intermediari celesti nello stesso modo in cui i maestri spiegarono [come scritto nel commento di Rashì a Bereshìt,  15:5] che l’Eterno disse ad Avraham che non era soggetto all’influenza di intermediari celesti e quindi avrebbe potuto avere dei discendenti. R. Benamozegh conclude quindi che il senso dell’espressione “e ti raggiungeranno” va compreso alla luce del versetto che lo precede dove è scritto “l’Eterno tuo Dio ti porrà al di sopra di tutte le nazioni della terra”.  Questo significa che mentre i popoli della terra sono sotto l’influenza di intermediari celesti, il popolo d’Israele riceve la benedizione direttamente dal Santo Benedetto ed è assicurato che le benedizioni lo raggiungeranno.

R. Avraham Kroll (Lodz, 1912-1983, Gerusalemme) in Bifkudèkha Asìcha (p. 389) chiede quale sia lo scopo della parola “ti raggiungeranno” come se vi fossero delle persone che scappano quando stanno arrivando delle benedizioni. Egli aggiunge che prima di “ti raggiungeranno” è scritto “verranno su di te”.   La benedizione è quindi già arrivata e pertanto  cosa altro è necessario?  R. Kroll aggiunge che un’espressione simile è scritta nei Tehillìm (Salmi, 23:6) dove re Davide chiede: “Ma che il bene e la Tua benevolenza mi raggiungano per tutti i giorni della mia vita…”.   Citando l’opera Dèghel Machanè Efràim (di R. Moshè Chayim Efraim di Sudlikov, nipote del Ba’al Shem Tov), R. Kroll spiega che gli esseri umani non sanno sempre cosa sia di loro beneficio e talvolta fuggono erroneamente da una cosa che ritengono sia per loro nociva. Per questo motivo re Davide chiedeva che il bene divino lo raggiungesse per tutti i giorni della sua vita anche se lui lo rifuggiva perché riteneva che fosse una cosa a lui nociva.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS