1558656000<=1347580800
1558656000<=1348185600
1558656000<=1348790400
1558656000<=1349395200
1558656000<=1350000000
1558656000<=1350604800
1558656000<=1351209600
1558656000<=1351814400
1558656000<=1352419200
1558656000<=1353024000
1558656000<=1353628800
1558656000<=1354233600
1558656000<=1354838400
1558656000<=1355443200
1558656000<=1356048000
1558656000<=1356652800
1558656000<=1357257600
1558656000<=1357862400
1558656000<=1358467200
1558656000<=1359072000
1558656000<=1359676800
1558656000<=1360281600
1558656000<=1360886400
1558656000<=1361491200
1558656000<=1362096000
1558656000<=1362700800
1558656000<=1363305600
1558656000<=1363910400
1558656000<=1364515200
1558656000<=1365120000
1558656000<=1365724800
1558656000<=1303171200
1558656000<=1366934400
1558656000<=1367539200
1558656000<=1368144000
1558656000<=1368748800
1558656000<=1369353600
1558656000<=1369958400
1558656000<=1370563200
1558656000<=1371168000
1558656000<=1371772800
1558656000<=1372377600
1558656000<=1372982400
1558656000<=1373587200
1558656000<=1374192000
1558656000<=1374796800
1558656000<=1375401600
1558656000<=1376006400
1558656000<=1376611200
1558656000<=1377216000
1558656000<=1377820800
1558656000<=1378425600

Parashà di Lekh Lekhà: gli indistruttibili discendenti di Abramo

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Dopo la vittoria di Abramo con i quattro re, quelli venuti dalla Mesopotamia che avevano sconfitto i re di Sodoma e dintorni, ed avere liberato il nipote Lot e gli altri abitanti presi prigionieri, l’Eterno apparse ad Abramo in una visione profetica e gli disse: “Non avere timore Abramo, Io ti sono scudo; la ricompensa che riceverai sarà grandissima” (Bereshìt, 15:1). Abramo rispose: “Cosa mi darai? Io vado vivendo senza figli e il provveditore della mia casa è Eli’ezer di Damasco. Ed Abramo disse: “Non mi hai dato discendenti e l’uomo che dirige la mia casa mi erediterà” (ibid., 2-3). “Ed ecco che venne a lui la parola dell’Eterno che disse: costui non ti erediterà ma piuttosto colui che uscirà dalle tue viscere. E lo fece uscire all’aperto e gli disse: ti prego di osservare [“habèt- na”] il cielo e conta le stelle, se puoi contarle. Così numerosa sarà la tua discendenza” (ibid., 4-5).

Il Maimonide (Cordova, 1138-1204, Il Cairo) nella Guida degli Smarriti (I:4) scrive che vi sono tre termini in ebraico per il verbo “guardare”. Quello usato nel passo succitato [“habèt”] appare con significati diversi. Uno dei significati è quello di dirigere la mente per comprendere qualcosa.

Rav Joseph Beer Soloveitchik (Belarus, 1903-1993, Boston) in Mesoras Harav (Bereshit, p. 94) aggiunge che quando l’Eterno promise ad Abramo che i suoi figli sarebbero stati numerosi come la  polvere della terra (ibid., 13:16), Egli usò la parola “limnòt”, contare.  In questo passo invece, quando l’Eterno dice ad Abramo di contare le stelle, Egli usa la parola “lispòr”.  “Limnòt” indica un semplice conto, mentre “lispòr” indica contare cerando di comprendere. R. Soloveitchik cita il Sèfer Yetzirà dove è scritto che l’Eterno creò il mondo con “sèfer” (un testo), con un conto (“sefòr”) e con comunicazione (“sippùr”). L’Eterno disse ad Abramo non solo di contare ma di capire che non sarebbe stato in grado di contare le stelle; che non sarebbe stato in grado di capire il dramma cosmico, le nebule volanti ai margini  dell’universo. E che il suo destino era enigmatico e incomprensibile come la grande storia dei cieli. Così pure sarebbe stato con la sua discendenza; lo stesso mistero e lo stesso enigma sarebbe stato legato al suo popolo.

R. Aharon Benzion Shurin (Lituania, 1912-2012, Brooklyn) in Kèshet Aharon (p.58) cita il Midràsh Hagadòl (Bereshìt, 15:243) nel quale i maestri insegnano che la frase “Così sarà la tua discendenza” significa che non sarebbero mai cessati dei discendenti che avrebbero seguito la sua strada. “Come tu Abramo ti sei cinto i fianchi e hai pregato chiedendo misericordia per le Mie creature [a Sodoma] così non cesseranno di fare i tuoi figli e nipoti. R. Shemuel figlio di Nachmani paragonava Abramo a un albero nel deserto che dava ombra ai viaggiatori, i cui frutti erano dolci e che aveva una fonte che scorreva al di sotto. Un viaggiante voleva benedire l’albero e disse: Cosa posso fare per benedirti? Che i tuoi frutti siano dolci? Lo sono già! Che la tua ombra sia bella?  Lo è già!  Che vi sia una fonte che scorre sotto di te? Ce l’hai già!  Questa è la benedizione che ti posso dare: che tutti i rami che prendono da te per trapiantarli in altri terreni abbiano lo stesso successo. Così disse l’Eterno ad Abramo: ti ho già benedetto con argento, oro e ricchezze (Bereshìt, 13:2) e ti ho già benedetto con ogni bene (ibid., 24:1).  Questa è la benedizione che ti posso dare: che non cessino dalla tua discendenza delle persone che ti assomigliano fino alle ultime generazioni.   

R. Shimshon Nachmani (Modena, 1707-1778, Reggio Emilia) in Zera’ Shimshon (p. 72) commenta che nel chiedere ad Abramo di osservare le stelle, l’Eterno gli accennò al futuro dei suoi discendenti: anche se esiliati più volte, sarebbero stati come le stelle che non sarebbero mai sparite, che salgono, scendono ma risalgono e durano per sempre sotto la protezione dell’Eterno.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS