1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Parashà di Shelàch: Perché si rompe un bicchiere sotto la chuppà?

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

In questa parashà dopo il ritorno degli esploratori dalla terra di Canaan e la loro affermazione che il paese non era conquistabile, è scritto: “Tutta la congrega alzò la voce e il popolo pianse in quella notte” (Bemidbàr, 14:1-2). Nella traduzione in aramaico denominata Targùm Yonatàn, dopo la traduzione  viene aggiunto: “e quella notte fu fissata come notte di pianto per le loro generazioni”.

La fonte di questa aggiunta è nel Talmud babilonese (trattato Ta’anìt 29a) dove è scritto: “Disse Raba a nome di R. Yochanàn: quella notte era il 9 di Av. Il Santo Benedetto disse loro: voi avete pianto senza motivo e pertanto vi dò una motivo per piangere nelle [future] generazioni”. Nel 9 di Av furono distrutti sia il primo Bet Ha-Mikdàsh dai babilonesi guidati dal re Nevukhadnetzar, sia il secondo dai romani guidati da Tito figlio dell’imperatore Vespasiano. Da allora questa data è un giorno di pianto e di digiuno.

Nel trattato Bavà Batrà (60b) è raccontato che dopo la distruzione del secondo Bet Ha-Mikdàsh vi furono degli ebrei pii che vollero cessare di mangiare carne e bere vino in segno di lutto perché con la distruzione del santuario erano cessati i sacrifici e le libagioni. R. Yehoshua’ disse loro che su questa base avrebbero dovuto cessare di mangiare pane perché erano cessate le offerte farinacee e anche di mangiare frutta perché non si potevano più portare le primizie a Gerusalemme. Egli aggiunse: “Figli miei, venite che vi spiego: non fare lutto per niente non è possibile; perché vi è stato un decreto; fare un lutto eccessivo non è possibile perché non si fanno decreti che impegnano tutto il pubblico se il pubblico non è in grado di osservarli, ma così hanno detto i maestri […]. Tra le misure decretate dai maestri per la distruzione di Gerusalemme vi fu quella di mettere, durante i matrimoni, della cenere sulla testa dello sposo al posto dove si posano i tefillìn

Nello Shulchàn ‘Arùkh (Orach Chayìm, 560:2) è scritto che “… quando un chatàn (sposo) prende moglie prende della cenere e la posa sulla testa dove si posano i tefillìn”. A questo paragrafo R. Moshè  Isserles (Cracovia, 1530-1572) aggiunge: “Vi sono località dove si usa rompere un bicchiere durante la chuppà...”. La fonte di questa usanza è nel trattato talmudico di Berakhòt (30b) dove è raccontato che Mar figlio di Ravina durante il matrimonio del figlio vide che i maestri erano troppo allegri e quindi prese un bicchiere del valore di 400 denari e lo ruppe alla loro presenza. Secondo quanto scritto da R. Isserles è evidente che la cosa venne fatta per ricordare la distruzione di Gerusalemme e per ridurre la gioia del momento.

R. Ya’akov Farbstein in Aholè Ya’akov (Bemidbàr, p. 232) chiede per quale motivo durante la chuppà dopo che lo sposo rompe il bicchiere seguendo l’uso citato da R. Isserles, il pubblico dice “Mazal Tov”. Se la rottura viene fatta per ricordare la distruzione di Gerusalemme non si capisce perché il pubblico deva gioire per la rottura del bicchiere il cui scopo è appunto di ridurre l’allegria. E infatti egli cita R. Chayìm Hezekià Medini (Jerusalem 1834 – 1904, Hebron), che nella sua opera Sedè Chèmed (Asifàt Dinìm, Ma’arakhà 7:12) scrive che la rottura del bicchiere si è trasformata in un motivo per gioire e se dipendesse da lui abolirebbe il minhàg (usanza).

Per questo motivo R. Rafael Meldola (Livorno, 1754-1828, Londra) nella sua opera classica Chuppàt Chatanìm (Livorno, 1787) sulle regole e usanze dei matrimoni scrive: “E come sarebbe bene se il chatàn (quando rompe il bicchiere) dicesse almeno in silenzio il mizmòr “Sui fiumi di Babilonia là sedemmo piangendo ripensando a Sion” (Salmi, 137:1). R. Meldola scrive anche: “E sarebbe ancora meglio fare come raccomanda  R. David Halevi Segal (Ludmir, 1586-1667, Lwow) autore dell’opera Turè Zahàv nella quale scrive che in alcune località lo shamàsh legge il versetto “Se ti scordassi mai, o Gerusalemme, me scordi la mia destra” (ibid., 137:5) e il chatàn ripete il versetto parola per parola. Oggi l’usanza prevalente è che prima o dopo la rottura del bicchiere un chazàn canta questo versetto. (Il quadro con il ritratto di rav Rafael Meldola è nella Lauderdale Road Synagogue di Londra).

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS