1561420800<=1347580800
1561420800<=1348185600
1561420800<=1348790400
1561420800<=1349395200
1561420800<=1350000000
1561420800<=1350604800
1561420800<=1351209600
1561420800<=1351814400
1561420800<=1352419200
1561420800<=1353024000
1561420800<=1353628800
1561420800<=1354233600
1561420800<=1354838400
1561420800<=1355443200
1561420800<=1356048000
1561420800<=1356652800
1561420800<=1357257600
1561420800<=1357862400
1561420800<=1358467200
1561420800<=1359072000
1561420800<=1359676800
1561420800<=1360281600
1561420800<=1360886400
1561420800<=1361491200
1561420800<=1362096000
1561420800<=1362700800
1561420800<=1363305600
1561420800<=1363910400
1561420800<=1364515200
1561420800<=1365120000
1561420800<=1365724800
1561420800<=1303171200
1561420800<=1366934400
1561420800<=1367539200
1561420800<=1368144000
1561420800<=1368748800
1561420800<=1369353600
1561420800<=1369958400
1561420800<=1370563200
1561420800<=1371168000
1561420800<=1371772800
1561420800<=1372377600
1561420800<=1372982400
1561420800<=1373587200
1561420800<=1374192000
1561420800<=1374796800
1561420800<=1375401600
1561420800<=1376006400
1561420800<=1376611200
1561420800<=1377216000
1561420800<=1377820800
1561420800<=1378425600

Parashà di Sheminì: Perché due benedizioni dopo l’inaugurazione del Mishkàn?

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Nel “Yom Sheminì”, nell’ottavo giorno, terminarono i giorni dell’inaugurazione ufficiale del Mishkàn, il tabernacolo, il santuario mobile che accompagnò gli israeliti nel deserto per altri trentotto anni fino a quando entrarono nella Terra Promessa. Dopo avere offerto i korbanòt, i sacrifici prescritti per l’occasione, è scritto: “Ed Aharon alzò le braccia verso il popolo e li benedisse e discese dopo avere fatto il sacrificio per l’espiazione del peccato, l’olocausto e i sacrifici di pace. Poi Moshè ed Aharon entrarono nella tenda di riunione, ne uscirono e benedissero il popolo, ed allora la gloria dell’Eterno apparve a tutto il popolo” (Vaykrà, 9:22-23).

In questo passo vengono menzionate due benedizioni: la prima data da Aharon e la seconda data da Moshè insieme con Aharon.

Rashì (Francia, 1040-1105) nel suo commento scrive che la prima benedizione data da Aharon era la birkàt kohanìm, la nota benedizione data dai kohanìm nelle sinagoghe fino ai nostri giorni il cui testo appare più avanti nella Torà: “Ti benedica l’Eterno e di protegga; faccia l’Eterno risplendere verso di te il Suo volto e usi grazie nei tuoi confronti; possa l’Eterno volgere il Suo volto verso di te e ti conceda pace”(Bemidbàr, 6:24-26). 

R. Naftalì Tzvi Yehudà Berlin (Belarus, 1816-1893, Varsavia), detto il Natziv dalle sue iniziali, nel suo commento Ha’amèk Davàr, fa notare che nel primo versetto di questa parashà è scritto che Aharon alzò le sue braccia (yadàv), tuttavia la parola braccia nel testo è scritta al singolare (yadò). Egli spiega che Aharon alzò un braccio per avvertire il popolo che si apprestava a dare loro la benedizione in modo che si mettessero nello stato d’animo appropriato e solo dopo alzò entrambe le braccia per dare la benedizione dei kohanim al popolo. Per dare la benedizione Aharon salì sul mizbèach (altare) in modo da poter dare la benedizione a tutto il popolo dall’alto. R. Berlin osserva che da qui deriva l’usanza che i kohanìm quando danno la benedizione nelle sinagoghe salgono sulla piattaforma di fronte all’arca della Torà.

Rashì spiega che la seconda benedizione era una tefillà (preghiera) all’Eterno che accettasse il loro servizio. Il testo di questa preghiera venne poi inserito in un versetto nei Tehillìm (Salmi, 90:17).

R. Lelio della Torre (Cuneo, 1805-1871, Padova) nella sua versione in italiano dei Tehillìm pubblicata nel 1845, tradusse il versetto con queste parole: “Il favor dell’Eterno sia su di noi. L’opra delle nostre mani stabile fa per noi; l’opra delle nostre mani rendi stabile”. Questo capitolo dei Salmi è parte della tefillà mattutina di Shabbàt e dei Yamìm Tovìm (giorni festivi).

R. Joseph Beer Soloveitchik (Belarus, 1903-1993, Boston) in Mesoras Harav (p. 58) scrive che da qui si impara la halakhà (regola) che obbliga i kohanìm che servono nel Santuario a pregare alla fine del servizio affinché venga accettato. Egli aggiunge che la formula di questa supplica fu trasferita dal suo posto originale nel Bet Ha-Mikdàsh di Gerusalemme [dopo la sua distruzione] alla ‘amidà, la tefillà (preghiera) con le sue diciotto benedizioni che si fa stando in piedi e costituisce un atto sacrificale personale. Alla conclusione della ‘amidà quando si recitano le ultime tre benedizioni, nel paragrafo che inizia con la parola “retzè” (accetta) si prega che l’Eterno accetti le preghiere del popolo d’Israele.

In questa parashà viene raccontato che la benedizione dei kohanìm, data da Aharon, precedette la preghiera per l’accettazione del servizio. Tuttavia nel Talmud babilonese (Berakhòt, 11b) è raccontato che nel Bet ha-Mikdàsh la benedizione per l’accettazione del servizio precedeva quella dei kohanìm. R. Soloveitchik ne spiega il motivo: durante l’inaugurazione del Mishkàn la benedizione dei kohanìm era parte integrale del servizio dei sacrifici. Successivamente la benedizione dei kohanìm divenne parte del servizio del Bet Ha-Mikdàsh e non fu più connesso ai sacrifici. Pertanto la benedizione per l’accettazione dei sacrifici veniva fatta subito dopo il termine dei sacrifici e la benedizione di kohanim seguiva più tardi.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS