1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Parashà di Shoftìm: I dispensati dalle armi

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Verso la fine della parashà la Torà tratta l’argomento di chi viene dispensato dall’andare in guerra: “Gli ufficiali diranno al popolo: «C’è qualcuno che abbia costruito una casa nuova e non vi abbia ancora abitato? Vada, torni a casa, perché non muoia in battaglia e un altro vi abiti. C’è qualcuno che abbia piantato una vigna e non ne abbia ancora usato il primo frutto? Vada, torni a casa, perché non muoia in battaglia e un altro lo usi. C’è qualcuno che si sia sposato con una donna e non abbia ancora convissuto con lei? Vada, torni a casa, perché non muoia in battaglia e un altro la prenda». Gli ufficiali aggiungeranno al popolo: «C’è qualcuno che abbia paura e a cui venga meno il coraggio? Vada, torni a casa, perché il coraggio dei suoi fratelli non venga a mancare come il suo»”(Devarìm: 20: 5-8).

Rashì (Francia, 1040-1105) nel suo commento spiega che è cosa angosciosa morire in guerra senza aver potuto andare ad abitare nella casa appena costruita. Egli aggiunge che il versetto che istruisce a chi ha paura di tornare a casa, tratta di colui che ha paura di andare a combattere perché si sente colpevole per via dei suoi peccati. Egli cita R. Yosè il Galileo che afferma che la Torà ha elencato le esenzioni di chi ha costruito una casa nuova, ha piantato una vigna o ha sposato una donna in modo che la gente dica che è tornato a casa per uno di questi motivi e non perché ha paura. Nel Talmud Yerushalmì (Sotà, 8:9) i maestri insegnano che tutti coloro che vogliono essere dispensati dal servizio militare devono portare testimoni sulla casa, sulla vigna e sulla moglie.

R. Meir Simcha Hakohen di Dvinsk (Lituania, 1843-1926, Riga-Lettonia) spiega che nel versetto è scritto: “vada e torni a casa” e non “torni e vada a casa” perché coloro che vengono dispensati dal combattere devono ugualmente “andare” a riparare le strade e a fornire cibo e bevande ai combattenti. E solo a guerra finita potranno “tornare a casa”. 

R. Yosef Shalom Elyashiv (Lituania, 1910-2012, Gerusalemme) in Divrè Aggadà (p. 352) osserva che è strano che chi ha dei palazzi di tre o quattro piani che valgono un’enormità è obbligato ad andare a combattere e non deve avere timore che le sue proprietà finiscano nelle mani di altri; mentre chi ha appena costruito una casetta di dimensioni minime viene esentato per timore che un altro vi vada ad abitare se muore in guerra. Così pure chi ha moglie e sette figli deve andare a combattere anche se non  sa chi manterrà la famiglia se  muore in guerra; mentre colui che ha dato l’anello alla moglie ma non l’ha ancora portata sotto la chuppà e vissuto con lei può essere dispensato dal combattere.

R. Elyashiv risponde che chi possiede tanti palazzi non pensa a nessuno di loro in particolare e pertanto non li ha in mente quando va a combattere.  E invece il poveretto che solo dopo tanti anni è riuscito a costruirsi una casetta o a piantare una vigna, non può fare a meno di pensare a quello che ha lasciato a casa. Per una persona in questa situazione c’è da temere che muoia in guerra perché non può concentrarsi nel combattere. Tutte queste regole valgono solo per le guerre che non sono obbligatorie. Per le guerre obbligatorie come per quelle di Yehoshua’ per la conquista di Eretz Israel o per difendersi dalle invasione del nemico, non vi sono esenzioni per la casa, per la vigna o per la moglie. R. Elyashiv spiega che se il popolo d’Israele non ha la propria terra che importanza hanno la casetta e la vigna? E fino a che Israele non ha la propria terra non vi è di che gioire.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS