1555804800<=1347580800
1555804800<=1348185600
1555804800<=1348790400
1555804800<=1349395200
1555804800<=1350000000
1555804800<=1350604800
1555804800<=1351209600
1555804800<=1351814400
1555804800<=1352419200
1555804800<=1353024000
1555804800<=1353628800
1555804800<=1354233600
1555804800<=1354838400
1555804800<=1355443200
1555804800<=1356048000
1555804800<=1356652800
1555804800<=1357257600
1555804800<=1357862400
1555804800<=1358467200
1555804800<=1359072000
1555804800<=1359676800
1555804800<=1360281600
1555804800<=1360886400
1555804800<=1361491200
1555804800<=1362096000
1555804800<=1362700800
1555804800<=1363305600
1555804800<=1363910400
1555804800<=1364515200
1555804800<=1365120000
1555804800<=1365724800
1555804800<=1303171200
1555804800<=1366934400
1555804800<=1367539200
1555804800<=1368144000
1555804800<=1368748800
1555804800<=1369353600
1555804800<=1369958400
1555804800<=1370563200
1555804800<=1371168000
1555804800<=1371772800
1555804800<=1372377600
1555804800<=1372982400
1555804800<=1373587200
1555804800<=1374192000
1555804800<=1374796800
1555804800<=1375401600
1555804800<=1376006400
1555804800<=1376611200
1555804800<=1377216000
1555804800<=1377820800
1555804800<=1378425600

Parashà di Terumà: Chi è adatto a raccogliere le offerte per la comunità?

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Diversi commentatori della Torà si soffermano su una inconsueta espressione all’inizio della parashà: “L’Eterno parlò a Moshè dicendo: parla ai figli d’Israele che prendano per Me un’offerta…” (Shemòt, 25:1).

R. Avraham Saba’ (Castiglia, 1440-1508, Verona?) in Tzeròr Ha-Mor, scrive che nella Torà è scritto “che prendano per Me un’offerta” invece di “che diano” per insegnare che in questo mondo tutto appartiene al Padreterno. Questo concetto era stato già espresso da re David quando disse: “E chi sono io e chi è il mio popolo, per essere in grado di offrirti tutto questo spontaneamente? Tutto proviene da Te: noi, dopo averlo ricevuto dalla Tua mano, te l’abbiamo ridato” (2, Divrè Hayamìm, 29:14). Questo ci insegna che le offerte e la beneficienza che facciamo volontariamente al Santuario o ai poveri, non sono cose che noi diamo ma sono cose che riceviamo perché nessuno può pretendere di dare qualcosa all’Eterno a cui tutto appartiene (e che non ha bisogno di nulla). Ed è l’Eterno che da’ in pegno agli uomini le cose buone di questo mondo con il permesso di usare queste risorse per le proprie necessità a condizione che l’uomo usi tutto al servizio del Creatore e non abbia l’arroganza di dire “la mia forza e l’energia del mio braccio mi hanno procurato questa ricchezza” (Devarìm, 17:8). Chi pensa in questo modo non farà mai beneficenza.

In modo analogo R. Moshè Feinstein (Belarus, 1895-1886, New Yok) in Daràsh Moshè commenta che da questo versetto impariamo che l’Eterno desidera ricevere offerte solo da coloro che ritengono che le loro proprietà siano come un fondo fiduciario che l’Eterno ha messo a loro disposizione e da usare solo a fini di bene. In questo modo quando qualcuno da’ tzedakà (beneficienza) permette semplicemente a coloro che la raccolgono di prendere qualcosa che non gli appartiene. Pertanto chi raccoglie riceve qualcosa, ma chi fa beneficienza in effetti non da’ nulla di suo.

R. ‘Ovadià Sforno (Cesena, 1475-1550, Bologna) spiega che l’espressione “che prendano per Me” significa che il versetto vuole istruire i gabbaìm, gli amministratori, a raccogliere le offerte per la costruzione del Mishkàn, il tabernacolo mobile usato dagli israeliti nel deserto.

R. Eliyahu Benamozegh (Livorno, 1823-1900) nel suo commento Panìm la-Torà suggerisce che la Torà ordina che gli israeliti si sollecitino a vicenda ed ognuno di loro raccolga l’offerta dal proprio vicino.

R. Israel Meir Kagan (Belarus, 1839-1933), noto con l’appellativo Chafètz Chayìm, dal titolo della sua opera più famosa, disse che bisognava essere molto pedanti nel selezionare gli incaricati che viaggiavano per raccogliere donazioni per la sua yeshivà. Nel dare questa raccomandazione egli citò il versetto dove è scritto “e prenderanno per Me” e non “e daranno a Me”. Questo versetto insegna che i donatori non mancano perché gli israeliti sono generosi. La difficoltà consiste nel trovare persone per bene, capaci e oneste e che ispirano fiducia.

Per questo motivo gli emissari che viaggiavano da Eretz Israel per raccogliere fondi per l’antico Yishùv venivano generalmente selezionati tra i leader della comunità. Nel Settecento uno dei più famosi emissari fu rav Chayim Yosef David Azulai (Gerusalemme, 1724-1806, Livorno, il cui ritratto è qui allegato) che dopo anni di viaggi nei paesi del Mediterraneo e in Germania, si stabilì a Livorno dove nel 1778 sposò in seconde nozze una ebrea pisana. Seguendo questo esempio, nel Novecento fu inviato in America rav Ya’akov Kamenetzky (Lituania, 1891-1886, New York), che più tardi divenne Rosh Yeshivà a Brooklyn, a raccogliere fondi per un’organizzazione lituana. R. Kamenetzky era una personalità esemplare e quando scoprì che l’organizzazione per la quale era stato inviato in America aveva falsificato una ricevuta per fare credere a un filantropo americano che nel passato aveva donato una cifra superiore a quella reale e pertanto facesse una donazione migliore, si dimesse sul posto anche se non aveva altri mezzi per mantenersi.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS