1558656000<=1347580800
1558656000<=1348185600
1558656000<=1348790400
1558656000<=1349395200
1558656000<=1350000000
1558656000<=1350604800
1558656000<=1351209600
1558656000<=1351814400
1558656000<=1352419200
1558656000<=1353024000
1558656000<=1353628800
1558656000<=1354233600
1558656000<=1354838400
1558656000<=1355443200
1558656000<=1356048000
1558656000<=1356652800
1558656000<=1357257600
1558656000<=1357862400
1558656000<=1358467200
1558656000<=1359072000
1558656000<=1359676800
1558656000<=1360281600
1558656000<=1360886400
1558656000<=1361491200
1558656000<=1362096000
1558656000<=1362700800
1558656000<=1363305600
1558656000<=1363910400
1558656000<=1364515200
1558656000<=1365120000
1558656000<=1365724800
1558656000<=1303171200
1558656000<=1366934400
1558656000<=1367539200
1558656000<=1368144000
1558656000<=1368748800
1558656000<=1369353600
1558656000<=1369958400
1558656000<=1370563200
1558656000<=1371168000
1558656000<=1371772800
1558656000<=1372377600
1558656000<=1372982400
1558656000<=1373587200
1558656000<=1374192000
1558656000<=1374796800
1558656000<=1375401600
1558656000<=1376006400
1558656000<=1376611200
1558656000<=1377216000
1558656000<=1377820800
1558656000<=1378425600

Parashà di Toledòt: La stanchezza e gli incubi del peccatore

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

La parashà racconta la nascita dei gemelli Esau e Ya’akov (Giacobbe). Quando raggiunsero la maturità ognuno di loro scelse una diversa strada (Bereshit; 25:27-34): “I due giovani crebbero, ed Esaù divenne un esperto cacciatore, un uomo di campagna, e Ya’akov un uomo pacifico, che se ne stava nelle tende […].  Un giorno che Ya’akov si era preparato cuocere una minestra, Esaù tornò stanco dalla campagna. Esaù disse a Ya’akov: “Dammi da mangiare un po’ di questa minestra rossa (“adom”); perché sono stanco”. Per questo fu chiamato “Edom”. E Ya’akov gli rispose: ‘Vendimi la tua primogenitura’.  Ed Esaù disse: ‘Ecco io sto per morire; che mi giova la primogenitura?’ E Ya’akov disse: ‘Prima, giuramelo’. Ed Esaù glielo giurò, e vendé la sua primogenitura a Ya’akov. E Ya’akov diede a Esaù del pane e della minestra di lenticchie. Ed egli mangiò e bevve; poi si levò, e se ne andò. Così Esaù sprezzò la primogenitura” .

Rashì (Francia, 1040-1104) commenta che fintanto che i due gemelli erano piccoli le loro azioni non erano distinte e nessuno ci faceva caso; quando raggiunsero i tredici anni uno (Ya’akov) si diresse verso le case di studio e l’altro (Esau) verso l’idolatria […].

R. ‘Ovadià Sforno (Cesena, 1475-1550, Bologna) commenta: Ya’akov “stava nelle tende”: una era la tenda del pastore; e l’altra quella della meditazione dove imparò a conoscere il Creatore.

Rav Yosef Shalom Elyashiv (Lituania, 1910-2012, Gerusalemme) in Divrè Aggadà (pp. 69-70) commenta che Esau e tutti coloro che seguivano la sua strada consideravano Ya’akov un insensato (chassèr da’at) e lo prendevano in giro per il fatto che si dedicasse allo studio e non sapesse godere la vita. Poi però  venne il giorno in cui Esau tornò stanco dalla campagna. Cosa era questa stanchezza? Chi gli impediva di riposarsi? Perché, come è raccontato nel Midràsh (Bereshìt Rabbà, 63:15), era andato a combattere con Nimrod? Esau sentiva all’interno di se un tumulto interiore e una inquietudine di spirito. Qual era il motivo? Questo segreto lo conosceva Ya’akov. Un’anima priva di contenuto non può essere soddisfatta da tutti i piaceri del mondo. Nella Torà è scritto che “L’uomo non vive di solo pane” (Devarìm, 8:3). Un uomo che vede la sua vita come una missione, trova soddisfazione dalle sue fatiche. Per questo nei Pirkè Avòt (Massime dei Padri, 4:17) è detto: “È meglio un’ora di penitenza e di buone azioni in questo mondo di tutto il mondo a venire”. Coloro che vivono seguendo la Torà, amano la vita e non la disprezzano perché sanno  tutto il bene che si può fare. Ma “Coloro che mi odiano amano la morte” (Proverbi, 8:36); coloro che si allontanano dalla Torà amano la morte: una vita senza scopo. Ed ora tutto divenne chiaro. Venne il giorno in cui Esau dichiarò “Sono stanco”. Dopo aver provato ad appagare tutti i suoi desideri si sentiva ancora affamato e stanco e disse “Ecco io sto per morire”. Non aveva ancora trovato nessuno scopo in una vita spirituale e pertanto cosa se ne poteva fare della primogenitura? E in verità se guardiamo all’interno del peccatore vediamo che egli non trova soddisfazione nel suo mondo. Egli prova un bruciore come se avesse bevuto acqua salata. Si sente stanco perché l’anima ha bisogno di un suo nutrimento. È stanco per avere passato la notte senza aver potuto avere un sonno tranquillo, disturbato dagli incubi. Si sveglia di mattina distrutto, stanco e spossato.  

Una grande descrizione della inquietudine di spirito del peccatore la diede il Manzoni nel descrivere la notte dell’Innominato nel capitolo XXI dei Promessi Sposi: “ “Ma c’era qualchedun altro in quello stesso castello, che avrebbe voluto fare altrettanto, e non poté mai” […] e il tormentato esaminator di se stesso, per rendersi ragione d’un sol fatto, si trovò ingolfato nell’esame di tutta la sua vita. Indietro, indietro, d’anno in anno, d’impegno in impegno, di sangue in sangue, di scelleratezza in scelleratezza: ognuna ricompariva all’animo consapevole e nuovo, separata da sentimenti che l’avevan fatta volere e commettere; ricompariva con una mostruosità che que’ sentimenti non avevano allora lasciato scorgere in essa. Eran tutte sue, eran lui: l’orrore di questo pensiero, rinascente a ognuna di quell’immagini, attaccato a tutte, crebbe fino alla disperazione”. E, conclude r. Elyashiv, Ya’akov si sentiva soddisfatto, non era stanco quando si alzava all’alba e si sentiva fresco per tutta la giornata.

Di Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS