1569024000<=1347580800
1569024000<=1348185600
1569024000<=1348790400
1569024000<=1349395200
1569024000<=1350000000
1569024000<=1350604800
1569024000<=1351209600
1569024000<=1351814400
1569024000<=1352419200
1569024000<=1353024000
1569024000<=1353628800
1569024000<=1354233600
1569024000<=1354838400
1569024000<=1355443200
1569024000<=1356048000
1569024000<=1356652800
1569024000<=1357257600
1569024000<=1357862400
1569024000<=1358467200
1569024000<=1359072000
1569024000<=1359676800
1569024000<=1360281600
1569024000<=1360886400
1569024000<=1361491200
1569024000<=1362096000
1569024000<=1362700800
1569024000<=1363305600
1569024000<=1363910400
1569024000<=1364515200
1569024000<=1365120000
1569024000<=1365724800
1569024000<=1303171200
1569024000<=1366934400
1569024000<=1367539200
1569024000<=1368144000
1569024000<=1368748800
1569024000<=1369353600
1569024000<=1369958400
1569024000<=1370563200
1569024000<=1371168000
1569024000<=1371772800
1569024000<=1372377600
1569024000<=1372982400
1569024000<=1373587200
1569024000<=1374192000
1569024000<=1374796800
1569024000<=1375401600
1569024000<=1376006400
1569024000<=1376611200
1569024000<=1377216000
1569024000<=1377820800
1569024000<=1378425600

Parole che non si dimenticano. Così testimoniò Giuliana Tedeschi Fiorentino, sopravvissuta ad Auschwitz

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Claudia De Benedetti

2 Commenti

Tenere viva la memoria della Shoah è un dovere imprescindibile che ho assunto, da sempre, senza alcuna riserva.

Nelle celebrazioni di questi giorni, ai miei più disparati uditori ripeto, ma mai abbastanza, le parole di Giuliana Tedeschi Fiorentino, spentasi a 96 anni due anni or sono, l’ultima testimone ebrea torinese della deportazione nazista.

Al Teatro Regio di fronte ad una platea immensa disse: “Siamo tornati, siamo tornati in pochi, anzi in pochissimi; abbiano lasciato laggiù milioni di essere umani, consumati dalle malattie, dagli stenti, dalle violenze; milioni di donne, bambini, vecchi trasformati in fumo. Siamo tornati in un mondo in cui ci siamo subito sentiti estranei, dove non abbiamo trovato ascolto ma sola una desolata solitudine. Allora abbiamo scritto: prima gli uomini, poi a poco a poco le donne che faticosamente uscivano dalla propria riservatezza e dai propri pudori. Abbiamo scritto con le lacrime per un bisogno estremo di sfogo personale e con disperata rabbia per vendicare le offese e le violenze subite. Ma oggi abbiamo la certezza di avere condannato, con la nostra testimonianza, all’esecrazione universale, una intera generazione di feroci, disumani assassini, per i quali non potrà mai esistere perdono. Le parole sono pietre e pietre auspichiamo che restino i nostri racconti, li lasciamo a voi perché li trasmettiate agli altri, in una catena che non trovi interruzione, perché i nostri racconti rappresentano anche le voci di chi non è tornato”.

“Birkenau mi ha inghiottita il 10 aprile del 1944 e non sto ora a raccontare la fame, il freddo, la sete, il sonno e le malattie, la fatica estenuante, la brutalità, la violenza: sono questi i tragici aspetti di tutti i Lager che molti di voi certo conoscono già. Voglio solo ora concentrare il mio ricordo sul terrore spasmodico che incuteva il crematorio, perché del crematorio, nemmeno Primo Levi ha potuto narrare per esperienza diretta. Ogni giorno ritornando dal lavoro scrutavamo al di là del filo spinato l’indice del nostro ipotetico futuro ‘come è alta la fiamma oggi!’, pensavamo con terrore, e superato il cancello ci ammorbava il lezzo di carne umana bruciata. Con il buio della notte andare alle latrine significava vedere riflesso sui vetri delle baracche il bagliore del fuoco. Lo sferragliare dei treni sulle rotaie che solcavano l’infinita distesa del campo, l’abbaiare furioso dei cani ed il ringhiare di bestiali voci umane, annunciavano l’arrivo inarrestabile dei convogli dei deportati, ma noi, sconvolte nel sonno, sapevamo che lo scalpiccio dei piedi era diretto verso quel locale, mascherato da doccia, destinato alla gasazione e a quello della successiva cremazione, a pochi metri dalla nostra baracca. Nemmeno dopo essere tornata il crematorio ha cessato di tormentarmi, mi sono destata per mesi con un sussulto alle tre di notte, con al sopravvenire di un sogno ricorrente, anche se irreale: vedevo mia suocera, deportata con me nel Lager e soppressa nella camera a gas appena giunta a destinazione, scendere da una scala e dirigersi verso un misterioso edificio, gridavo: ‘non entrate non entrare’. Quello, nel sogno, era il crematorio, ma la voce, per il trauma, non mi usciva dalla gola.”

Il suo ricordo sia di benedizione.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: