1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Giornata della Memoria: saranno poste 54 nuove “pietre d’inciampo”

in: Blog/News, Eventi | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Le “pietre d’inciampo” nascono dall’iniziativa dell’artista Guenter Demnig e sono sampietrini che servono a ricordare gli ebrei e gli oppositori politici deportati nei campi di sterminio nazisti.

Domani e dopodomani verranno apposte 54 pietre in cinque diversi municipi di Roma: Primo, Secondo, Terzo, Nono e Diciassettesimo. La superficie in ottone trasparente le distinguerà dal resto della pavimentazione. Sulle pietre verranno incisi il nome e cognome del deportato, l’anno di nascita, la data e il luogo della deportazione e, quando conosciuta, la data di morta.

Adachiara Zevi, la curatrice dell’iniziativa, giunta alla sua seconda edizione, ha dichiarato nella conferenza stampa di presentazione: “L’ inciampo non è fisico, ma visivo e mentale, costringe chi passa a interrogarsi su quella diversità e agli attuali abitanti della casa a ricordare quanto accaduto in quel luogo e a quella data, intrecciando continuamente il passato e il presente, la memoria e l’attualità”.

Alcune fra le pietre di quest’anno saranno dedicate alle famiglie Spizzichino e Levi, deportate il 16 ottobre del 1943 e Terracina che invece fu arrestata in un secondo momento.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,