1556064000<=1347580800
1556064000<=1348185600
1556064000<=1348790400
1556064000<=1349395200
1556064000<=1350000000
1556064000<=1350604800
1556064000<=1351209600
1556064000<=1351814400
1556064000<=1352419200
1556064000<=1353024000
1556064000<=1353628800
1556064000<=1354233600
1556064000<=1354838400
1556064000<=1355443200
1556064000<=1356048000
1556064000<=1356652800
1556064000<=1357257600
1556064000<=1357862400
1556064000<=1358467200
1556064000<=1359072000
1556064000<=1359676800
1556064000<=1360281600
1556064000<=1360886400
1556064000<=1361491200
1556064000<=1362096000
1556064000<=1362700800
1556064000<=1363305600
1556064000<=1363910400
1556064000<=1364515200
1556064000<=1365120000
1556064000<=1365724800
1556064000<=1303171200
1556064000<=1366934400
1556064000<=1367539200
1556064000<=1368144000
1556064000<=1368748800
1556064000<=1369353600
1556064000<=1369958400
1556064000<=1370563200
1556064000<=1371168000
1556064000<=1371772800
1556064000<=1372377600
1556064000<=1372982400
1556064000<=1373587200
1556064000<=1374192000
1556064000<=1374796800
1556064000<=1375401600
1556064000<=1376006400
1556064000<=1376611200
1556064000<=1377216000
1556064000<=1377820800
1556064000<=1378425600

“Pietre di Inciampo” anche a L’Aquila

in: Blog/News | Pubblicato da: Pierpaolo Pinhas Punturello

Nessun Commento

In memoria di Giulio Della Pergola su iniziativa della nipote Fausta Carli Finzi e di Guido Coen, pronipote della sua vedova, Ada Coen, è stata posta una “pietra di inciampo” a L’Aquila, dove Giulio Della Pergola, ebreo fiorentino di adozione aquilana, morto ad Auschwitz il 6 febbraio del 1944 all’età di 49 anni, viveva e gestiva il negozio di abbigliamento e stoffe dei suoceri, negozio situato in Piazza del Duomo, luogo dove è stata deposta la pietra.

La cerimonia è avvenuta alla presenza dei discendenti delle famiglie Della Pergola e Coen e dei loro amici arrivati da Torino, Milano, Roma, Terni e Gerusalemme. Il valore della memoria, la straziante emozione del ricordo di una vita distrutta dalla Shoà, così bene stigmatizzati nelle parole del nipote Corrado Vivanti lette dal figlio Alessandro, in una città come L’Aquila hanno acquisito un valore aggiunto.

Intorno alla famiglia di Giulio Della Pergola erano anche presenti il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, l’assessore alle Politiche sociali Stefania Pezzopane ed una rappresentanza di alunni di un liceo aquilano, elementi che hanno dato a quel momento fonti ulteriori di riflessioni.

Le ferite della città dell’Aquila, aperte e visibili a tutti coloro che hanno partecipato alla giornata, con al centro della Piazza del Duomo la pietra di inciampo, hanno raccontato contemporaneamente il dolore non comprensibile della Shoà ed il dolore di una città sfregiata a apparentemente abbandonata. La piccola placca di ottone con il nome di Giulio Della Pergola ed il suo tremendo destino, proprio perché posti al centro della città dell’Aquila con l’aiuto di una amministrazione cittadina che non si è fermata di fronte alle difficoltà oggettive del post terremoto, ricordano un racconto di speranza del Talmud: Rabban Gamliel, Rabbi Elazar ben Azarià, Rabbi Yeoshua e Rabbi Akiva, stavano salendo a Gerusalemme.

Quando arrivarono sul Monte degli Ulivi, stracciarono le loro vesti. Quando poi giunsero al monte del Tempio, videro una volpe uscire dal luogo del Kodesh HaKodashim. Gli altri iniziarono a piangere, Rabbi Akiva rise. Gli dissero: “Perché stai ridendo?” Lui disse loro: “Perché state piangendo?”. Gli risposero: “Un posto così sacro per il quale è detto: ‘L’estraneo che si avvicinerà morirà’ ( Numeri 1, 51) è attraversato da volpi e noi non dovremmo piangere?”. Lui disse loro: “E’ per questo che rido. Perché è scritto: ‘Ed io presi per testimoni di questo dei testimoni fedeli, cioè: il sacerdote Uria e Zaccaria, figlio di Ieberechia’ (Isaia 8, 2).

Qual è il legame fra Uriah e Zecharia? Uriah ha vissuto nel tempo del Primo Tempio e Zecharia nel tempo del Secondo Tempio! La Torà fa dipendere la profezia di Zecharià da quella di Uriah e per Uriah è scritto: ‘Perciò per vostra colpa Zion sarà arata come un campo (Michea 3, 12). Per Zechariah è scritto: ‘Ancora siederanno anziani ed anziane nelle strade di Gerusalemme’ ( Zechariah 8,4). Fin quando la profezia di Uriah non si era avverata, temevo che non si avverasse nemmeno quella di Zechariah. Adesso che la profezia di Uriah si è avverata, è certo che anche quella di Zechariah si avvererà”. Con queste parole loro gli risposero: “Akiva tu ci hai consolato! Akiva tu ci hai consolato!” (T.B. Makkot24a). Il ricordo di Giulio Della Pergola è anche il segno di una città che ha coscienza del proprio passato e guarda avanti verso uno splendido futuro.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,