1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Cinema: torna il “Pitigliani Kolno’a Festival”, alla scoperta dei film israeliani

in: Eventi | Pubblicato da: Redazione

2 Commenti

Il grande cinema israeliano e di argomento ebraico torna alla Casa del Cinema di Roma grazie al “Pitigliani Kolno’a Festival“, che porta dal 12 al 16 novembre una maratona di anteprime, ospiti illustri, documentari, pellicole ispirate a grandi libri sul filo rosso del confronto con gli stessi scrittori, fino alle novità dell’animazione. La kermesse, che avrà come ospite d’onore la Bezalel Academy of Arts and Design, è guidata dai direttori artistici Dan Muggia e Ariela Piattelli.

Tra le premiere, “Ajami” film d’esordio dei due registi Scandar Copti e Yaron Shani, considerata una tra le opere più significative e originali della cinematografia d’Israele, già insignita della Nomination agli Oscar per il miglior film straniero.

Ancora, “Mabul” di Guy Nattiv, dramma sulle problematiche sociali, “The Matchmaker” di Avi Nesher, ambientato ad Haifa nell’estate del 1968.

Sul tema “Cinema e letteratura”, spicca “Infiltration” di Dover Koshashvili, tratto dall’omonimo romanzo di Yehoshua Kenaz, così come la versione cinematografica dell’omonimo romanzo di Abraham B. Yehoshua, “Il responsabile delle risorse umane”, trasformato dallo sceneggiatore Noah Stollman e dal regista Eran Riklis in un road movie.

Per i “Percorsi ebraici” dedicati ai ritratti di donne che hanno scritto la Storia, ecco “Ahead of time” di Bob Richman, ritratto di Ruth Gruber – centenaria reporter americana. Il documentario “Shining Stars” la regista Yael Kipper racconta la storia di Maytal: un attentato terroristico le ha ucciso il fratello e devastato il corpo ma lei vuole riappropriarsi della vita diventando madre.

Spicca anche la sezione “Jewish Animation” con le nuove animazioni di argomento ebraico: “Mary and Max” del premio Oscar Adam Elliot, la serie di corti satirici sulla Bibbia “God & Co”, firmati dall’americano Stephen Levinson e “A Jewish Girl in Shanghai” di Wang Genfa e Zhang Zhenhui prima animazione cinese di argomento ebraico.

Interessante il programma dei documentari, “The Hangman”, di Netalie Braun, su Shalom Nagar, l’uomo che giustiziò il criminale nazista Adolf Eichmann. “Teacher Irena” diretto da Itamar Chen sulla maestra Irena e il suo vivere ogni giorno dal suo squallido appartamento alla classe. Fino a “Wandering Eyes”, di Ofir Trainin, sul musicista israeliano Gabriel Belhassan, affetto da una grave depressione.

Tra gli ospiti del Pitigliani Kolno’a Festival, Roi Werner, apprezzato regista di videoclip musicali che presenta, insieme agli attori protagonisti Yaron Brovinsky e Keren Berger, il suo “2 Night”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,