1558656000<=1347580800
1558656000<=1348185600
1558656000<=1348790400
1558656000<=1349395200
1558656000<=1350000000
1558656000<=1350604800
1558656000<=1351209600
1558656000<=1351814400
1558656000<=1352419200
1558656000<=1353024000
1558656000<=1353628800
1558656000<=1354233600
1558656000<=1354838400
1558656000<=1355443200
1558656000<=1356048000
1558656000<=1356652800
1558656000<=1357257600
1558656000<=1357862400
1558656000<=1358467200
1558656000<=1359072000
1558656000<=1359676800
1558656000<=1360281600
1558656000<=1360886400
1558656000<=1361491200
1558656000<=1362096000
1558656000<=1362700800
1558656000<=1363305600
1558656000<=1363910400
1558656000<=1364515200
1558656000<=1365120000
1558656000<=1365724800
1558656000<=1303171200
1558656000<=1366934400
1558656000<=1367539200
1558656000<=1368144000
1558656000<=1368748800
1558656000<=1369353600
1558656000<=1369958400
1558656000<=1370563200
1558656000<=1371168000
1558656000<=1371772800
1558656000<=1372377600
1558656000<=1372982400
1558656000<=1373587200
1558656000<=1374192000
1558656000<=1374796800
1558656000<=1375401600
1558656000<=1376006400
1558656000<=1376611200
1558656000<=1377216000
1558656000<=1377820800
1558656000<=1378425600

Rapporti Israele-Italia: oggi focus a Tel Aviv

in: Israele | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

I rapporti diplomatici e militari fra Israele e Italia hanno scritto questa mattina una pagina importante con la visita nello stato ebraico del capo di stato maggiore della difesa italiano, generale Vincenzo Camporini. Visita che infittisce la dialettica fra i due paesi e segna la volontà del governo di Tel Aviv di rafforzare la cooperazione con altre forze armate nel Mediterraneo e quella del governo di Roma di intensificare il dialogo con lo stato mediorientale.

Al tavolo dei colloqui si è discusso del rafforzamento della collaborazione strategica al livello politico, militare e tecnico-industriale; il consolidamento della conoscenza dell’apparato militare israeliano (con un occhio di riguardo alle azioni contro il terrorismo) e lo sviluppo di strumenti di raccordo e coordinamento delle attività di pace italiane nelle aeree d’interesse per lo stato ebraico.


L’Italia è uno dei maggiori fornitori di forze nella regione”, ha detto il generale israeliano Gaby Ashkenazi, che ha aggiunto: “ Abbiamo un reciproco interesse a combattere il terrorismo”. Camporini, dal canto suo, ha sottolineato che l’Italia “è pienamente impegnata nella stabilità di questa regione, per noi vitale” ed è per questo che è stato importante “sostenere fortemente la missione di Unifil alcuni anni fa e a divenirne il principale fornitore” di unità. L’Unifil, Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite, è la forza di pace Onu dispiegata nella parte meridionale del Libano.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,