1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Razzismo nello sport e non solo

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Dcontro il razzismoai cori negli stadi a svastiche sui muri, cresce l’intolleranza

Cori e insulti razzisti sui campi di calcio, svastiche e scritte negazioniste sui muri delle città.

Sono già diversi dall’inizio dell’anno – e siamo soltanto ai primi giorni di febbraio – gli episodi di intolleranza registrati dalla cronaca.

All’elenco si è aggiunta l’aggressione, con un cavo d’acciaio e una spranga di ferro, a tre nordafricani e una educatrice per motivi razziali, a Triggiano, in provincia di Bari.

Il 3 gennaio allo stadio Carlo Speroni di Busto Arsizio l’amichevole del Milan con la Pro Patria da festa e’ diventata incubo per colpa di un gruppo di ultras che dal primo minuto ha intonato cori razzisti contro gli ‘avversari’ di colore. Boateng non e’ riuscito a toccare palla, stesso trattamento per Niang, Muntari, Emanuelson. Neanche mezz’ora e la partita si e’ chiusa bruscamente: il Milan ha abbandonato il campo.

Stesso mese, ancora teatro un campo di calcio. Il 28 gennaio due ragazzi africani della squadra di calcio dello Sporting Pontecorvo, in provincia di Frosinone, nel corso di una partita del girone B del campionato juniores provinciale, sono stati pesantemente insultati e intimiditi a causa del colore della pelle da giovanissimi tifosi di una squadra avversaria.

Sempre il 28 gennaio un altro episodio di intolleranza e’ finito sulle pagine dei giornali. Di stampo diverso, ma di uguale gravità. Svastiche e insulti sono comparsi sui muri di Torino, in occasione delle cerimonie per il Giorno della memoria. La città della Mole, medaglia d’oro della Resistenza, ha visto oltraggiate alcune lapidi partigiane, nello storico quartiere di Borgo Vittoria. Il giorno prima era toccato alla Capitale essere sfregiata con l’affissione di scritte negazioniste della Shoah. In piazzale della Radio, di fronte allo store di Oviesse, le scritte recitavano: ‘Sei milioni numero truccato antisemitismo non e’ reato”.

 

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,