1561420800<=1347580800
1561420800<=1348185600
1561420800<=1348790400
1561420800<=1349395200
1561420800<=1350000000
1561420800<=1350604800
1561420800<=1351209600
1561420800<=1351814400
1561420800<=1352419200
1561420800<=1353024000
1561420800<=1353628800
1561420800<=1354233600
1561420800<=1354838400
1561420800<=1355443200
1561420800<=1356048000
1561420800<=1356652800
1561420800<=1357257600
1561420800<=1357862400
1561420800<=1358467200
1561420800<=1359072000
1561420800<=1359676800
1561420800<=1360281600
1561420800<=1360886400
1561420800<=1361491200
1561420800<=1362096000
1561420800<=1362700800
1561420800<=1363305600
1561420800<=1363910400
1561420800<=1364515200
1561420800<=1365120000
1561420800<=1365724800
1561420800<=1303171200
1561420800<=1366934400
1561420800<=1367539200
1561420800<=1368144000
1561420800<=1368748800
1561420800<=1369353600
1561420800<=1369958400
1561420800<=1370563200
1561420800<=1371168000
1561420800<=1371772800
1561420800<=1372377600
1561420800<=1372982400
1561420800<=1373587200
1561420800<=1374192000
1561420800<=1374796800
1561420800<=1375401600
1561420800<=1376006400
1561420800<=1376611200
1561420800<=1377216000
1561420800<=1377820800
1561420800<=1378425600

La sedia vuota

in: Israele | Pubblicato da: Ariel David

Nessun Commento

La libertà per più di mille prigionieri palestinesi, molti dei quali con le mani sporche di sangue. Questo il prezzo che Israele ha accettato di pagare per riportare a casa Gilad Shalit, il soldato di Tsahal tenuto in ostaggio da Hamas dal 2006.

Difficile, soprattutto fuori dallo Stato ebraico, capire perché il governo di Benjamin Netanyahu e, secondo i sondaggi, la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica israeliana abbiano detto sì al ricatto dell’organizzazione terroristica che controlla la Striscia di Gaza.

Difficile comprendere un accordo che premia e incoraggia il terrorismo e ulteriori rapimenti, che scavalca e umilia i moderati dell’Anp e che concede una vittoria strepitosa ad Hamas sul piano interno e internazionale. Sarà infatti molto più arduo per Israele mantenere l’embargo su Gaza, rifiutare di negoziare con Hamas e bloccare i contatti tra l’organizzazione estremista e i governi occidentali ora che lo stesso governo di Gerusalemme si è seduto a un tavolo con uno dei suoi nemici giurati.

Tutte queste considerazioni non sfuggono agli israeliani, ma quasi sempre passano in secondo piano di fronte al valore incommensurabile dato alla vita di un singolo soldato in virtù di una ferrea tradizione di solidarietà che vieta di abbandonare un connazionale, in primis un soldato, e che ha portato ad un’identificazione totale con il dramma della famiglia Shalit.

Nel paese in cui tutti, uomini e donne, fanno rispettivamente tre e due anni di servizio militare, spesso in situazioni di guerra, Gilad è stato automaticamente adottato da tutti gli israeliani. Per spingere il governo a scendere a patti, in decine di migliaia hanno marciato per le strade del paese o visitato la famiglia nella tenda di protesta piantata di fronte alla residenza del premier a Gerusalemme. Sulle auto nastri gialli e adesivi ricordano che “Gilad è ancora vivo” e persino per il seder di Pesach molte famiglie aggiungono un’altra sedia vuota, oltre a quella tradizionale per il profeta Elia, riservata al soldato prigioniero.

Netanyahu, costretto ad affrontare proteste sociali interne, il crescente isolamento internazionale d’Israele, le tante incognite della Primavera araba e il deterioramento della situazione di sicurezza, potrebbe dunque aver scelto l’unico fronte che oggi gli permetteva di segnare con relativa facilità un punto per il proprio governo e, forse, per il paese.

Le conseguenze dell’accordo con Hamas si conosceranno solo nei prossimi mesi e anni. Nei prossimi giorni però tutta Israele potrà gioire quando Gilad tornerà ad occupare la sedia che lo aspetta da cinque anni.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , , ,