1506297600<=1347580800
1506297600<=1348185600
1506297600<=1348790400
1506297600<=1349395200
1506297600<=1350000000
1506297600<=1350604800
1506297600<=1351209600
1506297600<=1351814400
1506297600<=1352419200
1506297600<=1353024000
1506297600<=1353628800
1506297600<=1354233600
1506297600<=1354838400
1506297600<=1355443200
1506297600<=1356048000
1506297600<=1356652800
1506297600<=1357257600
1506297600<=1357862400
1506297600<=1358467200
1506297600<=1359072000
1506297600<=1359676800
1506297600<=1360281600
1506297600<=1360886400
1506297600<=1361491200
1506297600<=1362096000
1506297600<=1362700800
1506297600<=1363305600
1506297600<=1363910400
1506297600<=1364515200
1506297600<=1365120000
1506297600<=1365724800
1506297600<=1303171200
1506297600<=1366934400
1506297600<=1367539200
1506297600<=1368144000
1506297600<=1368748800
1506297600<=1369353600
1506297600<=1369958400
1506297600<=1370563200
1506297600<=1371168000
1506297600<=1371772800
1506297600<=1372377600
1506297600<=1372982400
1506297600<=1373587200
1506297600<=1374192000
1506297600<=1374796800
1506297600<=1375401600
1506297600<=1376006400
1506297600<=1376611200
1506297600<=1377216000
1506297600<=1377820800
1506297600<=1378425600

Shalom Giuseppe Di Porto

in: Blog/News | Pubblicato da: Eleonora Pavoncello

Nessun Commento

Giuseppe Di Porto Shoah ex deportato

Si è spento ieri Giuseppe Di Porto, detto Peppe, uno degli ultimi sopravvissuti romani ai campi di stermino nazisti. Nato nel 1923 a Roma venne deportato nel campo di Auschwitz Birkenau nel novembre 1943. Si salvò dopo aver affrontato la marcia della morte e tornò nella capitale l’8 ottobre 1945. Nel 1949 sposò Marisa Di Porto anche lei sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti. “Un dolore enorme per la nostra comunità, Giuseppe è stato una figura fondamentale nel raccontare la tragedia della Shoah. Insieme a Marisa, anche lei sopravvissuta, ha costruito una famiglia ebraica numerosa che è stata la risposta più bella e significativa nei confronti di chi voleva distruggere il popolo ebraico. Alla famiglia la nostra più sentita vicinanza.”

Lo comunicano in una nota il Rabbino Capo Riccardo Di Segni e la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS