1560643200<=1347580800
1560643200<=1348185600
1560643200<=1348790400
1560643200<=1349395200
1560643200<=1350000000
1560643200<=1350604800
1560643200<=1351209600
1560643200<=1351814400
1560643200<=1352419200
1560643200<=1353024000
1560643200<=1353628800
1560643200<=1354233600
1560643200<=1354838400
1560643200<=1355443200
1560643200<=1356048000
1560643200<=1356652800
1560643200<=1357257600
1560643200<=1357862400
1560643200<=1358467200
1560643200<=1359072000
1560643200<=1359676800
1560643200<=1360281600
1560643200<=1360886400
1560643200<=1361491200
1560643200<=1362096000
1560643200<=1362700800
1560643200<=1363305600
1560643200<=1363910400
1560643200<=1364515200
1560643200<=1365120000
1560643200<=1365724800
1560643200<=1303171200
1560643200<=1366934400
1560643200<=1367539200
1560643200<=1368144000
1560643200<=1368748800
1560643200<=1369353600
1560643200<=1369958400
1560643200<=1370563200
1560643200<=1371168000
1560643200<=1371772800
1560643200<=1372377600
1560643200<=1372982400
1560643200<=1373587200
1560643200<=1374192000
1560643200<=1374796800
1560643200<=1375401600
1560643200<=1376006400
1560643200<=1376611200
1560643200<=1377216000
1560643200<=1377820800
1560643200<=1378425600

Shoah, Napoli: “Memoriae” ricorda l’orrore di Auschwitz

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

La Shoah vista con gli occhi di chi l’ha subita sulla proprio pelle. Il dolore, l’angoscia e i ricordi mai svaniti di un’esperienza che segna per tutta la vita.

E’ l’obiettivo di “Memoriae”, l’iniziativa promossa dall’Associazione libera italiana, Ali, dalla Fondazione Mediterraneo e dalla Fondazione Valenzi. La seconda edizione dell’evento è divisa in tre sezioni: una dedicata alla memoria della Shoah, una alla Postmemoria e l’ultima alle Altre memorie.

Oggi nella sala Filangieri del Tar della Campania erano presenti molti ragazzi delle scuole di Napoli, che hanno ascoltato la testimonianza di Tatiana e Alessandra Bucci, deportate ad Auschwitz, quando avevano 4 e 7 anni.

Noi ce l’abbiamo fatta – ha detto Tatiana – ma il dolore resta pensando a chi, invece, non è sopravvissuto”.

Per il rabbino capo della Comunità ebraica di Napoli e dell’Italia meridionale, Shalom Bahbout, manifestazioni come quella odierna servono a evitare che “il male possa a ripetersi”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,