1490227200<=1347580800
1490227200<=1348185600
1490227200<=1348790400
1490227200<=1349395200
1490227200<=1350000000
1490227200<=1350604800
1490227200<=1351209600
1490227200<=1351814400
1490227200<=1352419200
1490227200<=1353024000
1490227200<=1353628800
1490227200<=1354233600
1490227200<=1354838400
1490227200<=1355443200
1490227200<=1356048000
1490227200<=1356652800
1490227200<=1357257600
1490227200<=1357862400
1490227200<=1358467200
1490227200<=1359072000
1490227200<=1359676800
1490227200<=1360281600
1490227200<=1360886400
1490227200<=1361491200
1490227200<=1362096000
1490227200<=1362700800
1490227200<=1363305600
1490227200<=1363910400
1490227200<=1364515200
1490227200<=1365120000
1490227200<=1365724800
1490227200<=1303171200
1490227200<=1366934400
1490227200<=1367539200
1490227200<=1368144000
1490227200<=1368748800
1490227200<=1369353600
1490227200<=1369958400
1490227200<=1370563200
1490227200<=1371168000
1490227200<=1371772800
1490227200<=1372377600
1490227200<=1372982400
1490227200<=1373587200
1490227200<=1374192000
1490227200<=1374796800
1490227200<=1375401600
1490227200<=1376006400
1490227200<=1376611200
1490227200<=1377216000
1490227200<=1377820800
1490227200<=1378425600

Quando lo stomaco influenza la mente e il cuore

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

4 Commenti

Esiste un rapporto strettissimo tra alimentazione e spiritualità. L’uomo dovrebbe adottare una dieta con poca carne, imparando a cibarsi in modo limitato e senza eccessi anche attraverso qualche digiuno

La fisica quantistica concorda con la Cabalà affermando che il cibo, oltre alle vitamine, proteine, minerali ed enzimi dei quali abbiamo bisogno, contiene anche qualcosa di più sottile: la sua componente energetica e spirituale che dipende tanto dalla qualità e dalla freschezza del cibo, quanto dallo stato d’animo di chi l’ha preparato e di chi l’ha mangiato.

Secondo la Cabalà è compito dell’uomo mangiare con consapevolezza; solo in questo modo egli può riuscire da un lato a estrarre per il suo benessere il massimo livello di nutrimenti e dall’altro a ‘liberare le scintille di luce’ imprigionate nel cibo e dunque a elevare la materia stessa. Leggi tutto l’articolo


Kasherut, approfondimento

in: | Scritto da: Redazione

Un Commento

Carne Kasher

La normativa ebraica sul cibo è detta kasherut. L’aggettivo kasherkosher, che significa adatto, conforme, opportuno, indica quei cibi che si possono consumare appunto perchè conformi alle regole; il contrario di kasher è taref. In origine questa parola indicava la carne degli animali uccisi da bestie predatrici; in seguito è passata ad indicare tutti quegli animali che, non macellati secondo le regole alimentari ebraiche, restano proibiti. Per estensione, nel linguaggio comune è definito taref qualsiasi cibo che non sia kosher.

La kasherut è sostanzialmente fondata sulla Torah e sull’interpretazione che di essa i rabbini hanno fornito. Quando D-o creò l’uomo, lo concepì originariamente come un essere vegetariano, pur se sovrano di tutti gli animali. In effetti, la normativa ebraica sul cibo è centrata sulla questione dell’alimentazione carnivora: se non fosse per il consumo di carni, in pratica non esisterebbe. La carne entra a far parte dei cibi concessi all’uomo solo dopo il Diluvio, con Noè.

La normativa ebraica sul cibo è centrata sulla questione dell’alimentazione della carne. Ecco le principali regole della kasherut che la riguardano, riassunte in pochi punti:

  • Distinzione tra animali permessi e proibiti.

Sono lecite le carni di quei quadrupedi che hanno l’unghia fessa e che ruminino (come il vitello, ma non il maiale o il coniglio). I volatili sono quasi tutti leciti, salvo i rapaci, proibiti probabilmente per il loro contatto con il sangue delle prede. Sono illeciti tutti quegli animali che strisciano o hanno contatto stretto con il suolo, come il topo, il serpente, le lucertole e gli insetti, tranne alcuni tipi di cavallette permessi in particolari zone. Per quanto riguarda gli animali acquatici, si possono mangiare tutti quelli che hanno pinne e squame: sono quindi proibiti i molluschi, i crostacei, i frutti di mare e i pesci di dubbia conformazione, come la coda di rospo, che non presenta squame, o l’anguilla.

  • Macellazione rituale degli animali permessi.

La cosiddetta shechitah. Colui che esercita il mestiere di macellaio rituale, lo schochet, deve avere la competenza per farlo, deve cioè conoscere approfonditamente le regole ed essere dotato della licenza fornita dai rabbini. La macellazione ebraica prevede uccisione dell’animale con un solo taglio alla gola eseguito con un coltello affilatissimo, in modo da provocarne l’immediata morte e il completo dissanguamento. Successivamente vengono esaminati gli organi interni dell’animale per controllare che non ci siano difetti o tracce di malattia che lo rendano impuro: questa operazione si chiama bediqat, controllo. Ogni animale non macellato secondo le regole è automaticamente impuro, illecito.

  • Divieto di consumare il sangue.

Oltre che testimone attraverso il sacrificio del patto tra D-o e il popolo d’Israele, il sangue contiene il segreto della vita ed è quindi patrimonio esclusiva del Creatore. Affinchè venga spurgato tutto il sangue rimasto dopo la macellazione rituale, sono prescritte la salatura delle carni, per non meno di venti minuti e non più di un’ora, e la scottatura del fegato.

  • Divieto di consumare alcune parti di grasso.

Un tempo queste parti erano riservate al culto al Tempio di Gerusalemme.

  • Divieto di mangiare il nervo sciatico.

Si vuole in questo modo ricordare l’episodio biblico di Giacobbe che uscì azzoppato dalla lotta con l’angelo. Dopo questo evento Giacobbe fu chiamato Israele, ovvero “colui che lotta con D-o”.

  • Divieto di mangiare parti tratte da animali vivi.
  • Divieto di mangiare un animale permesso e macellato ritualmente qualora presenti malattie o difetti fisici.
  • Divieto di mescolare carne e latticini nello stesso pasto.

La Torah in ben tre passi raccomanda di non cuocere “il capretto nel latte di sua madre”. Partendo da questa norma, la tradizione rabbinica ha proibito la commistione nello stesso pasto di latte (o dei suoi derivati) e carne di qualunque animale; per questo gli ebrei osservanti hanno due servizi di piatti e stoviglie diversi, scomparti distinti in frigorifero, addirittura lavelli, spugne e lavastoviglie separati.

Per quanto riguarda i latticini, ricordiamo che anche il formaggio deve essere kasher, e cioè sottoposto a controllo rabbinico per accertarsi che sia prodotto da caglio vegetale oppure di animale macellato secondo le regole.

Il vino kasher non richiede particolari procedure di preparazione o di invecchiamento, ma è stato semplicemente sorvegliato nel corso delle varie fasi di lavorazione, dalla spremitura all’imbottigliamento, per evitare il contatto con sostanze considerate impure.

Pasticceria "Boccione" a RomaSe, come abbiamo detto, la kasherut riguarda essenzialmente il consumo di carne, vi sono però alcune norme relative anche ai vegetali; così, ad esempio, in base all’idea che ogni primogenito appartenga al Signore, è proibito cibarsi del primo frutto di un nuovo albero.

Vi è un’altra regola assai complessa. Secondo la Torah l’uomo non possiede nulla definitivamente e la terra non è suo esclusivo patrimonio; proprio per ribadire questo, il corso degli anni, a immagine del ciclo settimanale composto di sei giorni lavorativi ed uno di riposo, prevede un anno sabbatico, in cui avviene la remissione dei debiti e la terra viene lasciata a riposo. Durante questo anno, detto di shemittah, gli ebrei osservanti badano a non far uso di vegetali coltivati da ebrei che non seguono questa regola; resta invece lecito ciò che viene prodotto su campi di proprietà non ebraica.

Bisogna infine rimarcare come agli ebrei sia fatto assoluto divieto di consumare sostanze che mettano in pericolo la salute e la vita.

Nella città di Roma ci sono molti ristoranti e attività dove si possono consumare pasti kasher e dove è possibile acquistare prodotti sotto la sorveglianza dei vari rabbinati, la città vive in questi ultimi anni un grandissima crescita, la scelta è molta, e spazia dalla cucina nordafricana a quella, più tipica, cucina giudaico-romanesca.

Mangiare Kasher è sempre più apprezzato anche da chi non è ebreo, per il legame con la vera cucina romana tradizionale e la qualità degli alimenti usati.

[Per chi fosse interessato ad una conoscenza più dettagliata della materia del cibo kosher, consigliamo il libro “Guida alle norme alimentari ebraiche” di Rav Riccardo Di Segni, un testo autorevole e in Italiano. Per conoscere gli ultimi aggiornamenti sugli alimenti permessi, consulta questo approfondimento ]


Ristoranti Kasher

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

La cucina ebraica, chiamata “giudaica-romanesca” – come il dialetto – occupa un posto di assoluto rilievo nelle tradizioni culinarie romane, e se è vero che molti piatti romaneschi restano esclusi per i loro ingredienti, dalle prescrizioni kasher, i piatti della tradizione israelita sono praticamente tutti entrati nella gastronomia capitolina.

Tra i più celebri troviamo senza dubbio i carciofi alla giudia, lo stracotto di manzo, la “concia” di zucchine, gli aliciotti con l’indivia, i “pezzetti” fritti (una frittura mista, fatta con gli avanzi), le “paste povere” (pasta e ceci, pasta e patate, ecc.) e le frittate.

La matrice popolare, gli alimenti poveri sono spessi condivisi da due culture che hanno vissuto a braccetto per tanti anni (il vecchio ghetto di Roma, è nell’area dell’Isola Tiberina – portico d’Ottavia – e i mercati in cui trasteverini ed ebrei si servivano erano spesso gli stessi). Molti dei ristoranti kasher di Roma oggi offrono una cucina fusion, capace di soddisfare palati con pietanze orientali ed occidentali. Accanto agli agnolotti con il ragù non è quindi difficile trovare tipici piatti ashkenaziti come lo schnitzel, latkes di patate, goulash, oppure,  qualche metro più in là: houmous, cuscus, falafel, shwarma, e altri piatti della tradizione israeliana e nordafricana.

Ba Ghetto Carne יבשר
Via Portico d’Ottavia, 57 Tel. 06.68892868 – 3928432213
www.kosherinrome.it

Ba Ghetto Carne יבשר
Via Livorno, 8/10 Tel. 06.4404840
www.kosherinrome.it

Ba Ghetto Milky Latte יחלב
Via del Portico d’Ottavia 2/a Tel. 06.68300077
www.kosherinrome.it

Daruma Sushi Kosher Carne יבשר
Piazza Bologna 8/9 Tel. 06.4404962
www.darumasushi.com

Dolce Kosher Latte יחלב
Via Fonteiana, 18°/b Tel/Fax 06.5809940
www.dolcekosher.it

La Taverna Del Ghetto Carne יבשר
Via Portico d’Ottavia,8 Tel. 06.68809771
www.latavernadelghetto.com

Le Bon Ton Catering Carne e Latte (catering su prenotazione) יוחלב בשרי
Via Casoria, 19 Tel. 06.7026889 Fax. 06.7026920 lebonton@lebonton.it

Little Tripoli Glatt carne יבשר
Ristorante, Catering
Via Polesine, 16 – Cell.  3383071745 mazaltovmazon@gmail.com

Yotvata Latte יחלב
Piazza Cenci, 70 Tel. 06.68134481
www.yotvata.it


Kasherut

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Kasher significa “buono”, “adatto” e può riferirsi tanto a persone che ad oggetti o cibi. Per questi ultimi vigono le regole alimentari ebraiche, comunemente riassunte nel termine ebraico kasherut. Vi sono molte possibilità di interpretare i significati delle varie regole alimentari. In ogni caso, tali regole appartengono alla categoria dei chukkìm, cioè di quei precetti il cui significato ultimo esula dalla capacità di comprensione umana. La loro osservanza è comunque necessaria non meno che per altri precetti più “logici” e pone l’uomo di fronte alla necessità di scegliere se osservare o trasgredire le mitzvot: l’uomo ha la costante responsabilità di cercare il comportamento corretto, che rispecchi la volontà del Signore, anche in attività semplici e di routine come il mangiare.

Sulla kasherut si pùo consultare in italiano: Riccardo S. Di Segni, Guida alle regole alimentari ebraiche, Lamed, oppure l’adattamento per ragazzi Gaia Piperno Besso – Deborah Cohenca, Mangio kashèr, Morashà. Inoltre, è bene sottolineare che molti prodotti di produzione industriale possono essere consentiti anche in assenza di tale controllo. 
In questo caso, è necessario controllare scrupolosamente tutti gli ingredienti. La tabella degli additivi potrà risultare utile a questo fine ma non solo gli additivi vanno verificati! In ogni caso in cui il cibo venga cucinato o comunque preparato dopo il confezionamento industriale, è necessario il controllo rabbinico. Dunque pizzerie, ristoranti, snack bar, cibi pronti sul bancone del supermercato e simili non possono in alcun modo ritenersi consentiti in assenza di supervisione.

Nella città di Roma ci sono molti ristoranti e attività dove si possono consumare pasti kasher e dove è possibile acquistare prodotti controllati. In questi ultimi anni c’è una grandissima crescita di esercizi kasher, nella ristorazione per esempio, la scelta è molto ampia, si va dalla cucina nordafricana a quella, più tipica, giudaico-romanesca. Tutti gli esercizi che seguono sono kasher sotto la diretta sorveglianza dell’Ufficio Rabbinico di Roma, eccetto quanto segnalato.