1566086400<=1347580800
1566086400<=1348185600
1566086400<=1348790400
1566086400<=1349395200
1566086400<=1350000000
1566086400<=1350604800
1566086400<=1351209600
1566086400<=1351814400
1566086400<=1352419200
1566086400<=1353024000
1566086400<=1353628800
1566086400<=1354233600
1566086400<=1354838400
1566086400<=1355443200
1566086400<=1356048000
1566086400<=1356652800
1566086400<=1357257600
1566086400<=1357862400
1566086400<=1358467200
1566086400<=1359072000
1566086400<=1359676800
1566086400<=1360281600
1566086400<=1360886400
1566086400<=1361491200
1566086400<=1362096000
1566086400<=1362700800
1566086400<=1363305600
1566086400<=1363910400
1566086400<=1364515200
1566086400<=1365120000
1566086400<=1365724800
1566086400<=1303171200
1566086400<=1366934400
1566086400<=1367539200
1566086400<=1368144000
1566086400<=1368748800
1566086400<=1369353600
1566086400<=1369958400
1566086400<=1370563200
1566086400<=1371168000
1566086400<=1371772800
1566086400<=1372377600
1566086400<=1372982400
1566086400<=1373587200
1566086400<=1374192000
1566086400<=1374796800
1566086400<=1375401600
1566086400<=1376006400
1566086400<=1376611200
1566086400<=1377216000
1566086400<=1377820800
1566086400<=1378425600

La vedova di Arafat: amavo Yasser ma avrei divorziato 100 volte

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Suha Arafat poses in front of a portraitIntervista alla stampa turca: “Il matrimonio fu uno sbaglio ma lui mio eroe”. “Ricevo una pensione di 10.000 euro al mese”

Yasser Arafat resta il suo ”eroe” ma, nonostante l’amore, il matrimonio con lo storico leader palestinese è stato ”uno sbaglio” e per questo ha pensato più di 100 volte che la cosa migliore sarebbe stata divorziare. Suha Arafat, oggi 49 anni, è tornata a parlare, in un’intervista al giornale turco ‘Sabah’, della sua storia con l’ex presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), sposato nel 1990 quando lei aveva 27 anni e lui 61. Leggi tutto l’articolo


Obama pensa ad un summit con Netanyahu e Abbas

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Obama-NetanyahuL’ipotesi di agenda del viaggio che Obama terrà in Israele nella prossima primavera.

Secondo il vice ministro degli Esteri israeliano uscente, Danny Ayalon, il presidente americano vorrebbe organizzare un summit con il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu e il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Mahmoud Abbas. Ayalon ha spiegato alla radio dell’esercito che “alcuni” sforzi per organizzare il summit sono in corso. Leggi tutto l’articolo


Come vanno le cose veramente in Medio Oriente

in: Medioriente | di: Angelo Pezzana

Nessun Commento

La non notizia delle celebrazioni del 48° anniversario della fondazione di Al Fatah

Hamas ha autorizzato Al Fatah a celebrare a Gaza il 48° anniversario della propria fondazione. Non si capisce perché il 48° e non il 50° fra due anni, oltre a tutto Abu Mazen si è ben guardato dall’andarci, non si sa mai, avrà pensato, potrebbero esserci dei problemi a tornare a Ramallah. Leggi tutto l’articolo


I cattivi israeliani curano a spese loro i bambini palestinesi

in: Israele | di: Dimitri Buffa

Un Commento

Il cado del bambino Jihad, affetto da una rarissima malattia

Lui si chiama Jihad, è un bambino palestinese, e soffre di una rara sindrome che se non curata lo porterà a restare alto al massimo un metro e venti e a diventare cieco.

L’Anp non può assisterlo e quelli di Hamas pensano solo alla “jihad” di cui proprio questo piccolo porta l’orrendo nome. Chi lo salverà allora? Leggi tutto l’articolo


Monti, le relazioni con Israele restano eccellenti

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Mario Monti, incontrando i rappresentanti delle comunità ebraiche, ha sottolineato ”la natura eccellente delle relazioni tra Italia e Israele”, spiegando che il voto italiano all’Onu sullo status della Palestina mirava a ”rafforzare la leadership” di Mahmoud Abbas. E’ quanto si legge in una nota di palazzo Chigi. Leggi tutto l’articolo


Per l’ambasciatore israeliano Naor Gilon: “Abu Mazen dimostri di meritare il credito ricevuto”

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

”Ora Abu Mazen deve dimostrare di meritare il credito che ha ricevuto”.

Così l’ambasciatore israeliano a Roma Naor Gilon ha commentato la visita del leader dell’Anp in Italia, ricordando che ”anche l’Italia attraverso le parole del Presidente Monti ieri ha ribadito l’importanza che i negoziati riprendano rapidamente, senza precondizioni e come resti essenziale che l’Anp si impegni a non ricorrere alla giurisdizione del tribunale penale internazionale e a non utilizzare retroattivamente il nuovo status acquisito’. Leggi tutto l’articolo


Israele sospende piani per invasione di terra

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Concesso ai negoziati tempo fino giovedì in contemporanea alla missione del segretario americano Clinton

Israele ha temporaneamente “sospeso” i piani per l’offensiva di terra a Gaza per dare più tempo ai negoziati per la tregua. è quanto hanno reso noto fonti del governo israeliano, dopo la riunione del governo israeliano di questa notte in cui comunque non è stata accolta nessuna delle proposte avanzate dai mediatori egiziani.

Il governo israeliano avrebbe deciso di dare tempo fino a giovedì ai negoziati. “Vogliamo dare più tempo ma non illimitato” ai negoziati, ha detto il portavoce del governo. Leggi tutto l’articolo


Hamas? A Gaza non esiste

in: Medioriente | di: Dimitri Buffa

5 Commenti

Per Amnesty International (o forse andrebbe chiamata Amnesy) le violazioni dei diritti umani di palestinesi contro altri palestinesi semplicemente non avvengono

Nel rapporto 2012 di “Amnesty international” su Israele e i Territori occupati, leggi Gaza e Cisgiordania, c’è una bella amnesia, anzi “amnesy”, che difficilmente può trovare una spiegazione se non nel delirio politically e islamically correct che da un po’ di tempo a questa parte caratterizza la più nota e stimata ong che si occupa di diritti umani: Hamas non viene mai citata. Il rapporto infatti, opportunamente “ri – monitorato” dalla ong “Secondo Protocollo”, in un dettagliato contro rapporto dell’analista Miriam Bolaffi, è orientato al 100 per cento contro Israele.

Non fa ad esempio alcun cenno all’omicidio Arrigoni, ai blogger incarcerati da Hamas e dalla ANP, ai bambini e ai civili usati come scudi umani dai terroristi, al fatto che i terroristi non vestono una divisa e quindi si rendono irriconoscibili rispetto ai civili. Nomina appena le centinaia di missili sparati dai terroristi su Israele e sui civili israeliani (14 parole in tutto in otto pagine). “Sembra quasi un comunicato dell’Onu o di Catherine Ashton”, ironizza la analista di cui sopra. Leggi tutto l’articolo


Il Gran Mufti Hussein e i proclami antisemiti

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Hussein, nei suoi discorsi, ricorda il suo predecessore al-Husseini che collaborò con i nazisti

E’ dovere dei palestinesi combattere gli ebrei e uccidere quei discendenti delle scimmie e dei maiali”. Così, secondo quanto riportato dal quotidiano Israel ha-Yom, si sarebbe espresso di fronte alla Tv dell’ANP, il Mufti Muhammad Hussein, massima guida religiosa dell’Autorità Palestinese, in occasione di una cerimonia per celebrare il 47esimo anniversario della fondazione di al-Fatah.

La resurrezione dei morti – avrebbe proseguito il Mufti – non avverrà fintanto che non sarà realizzata la prima fase di un vasto processo, ossia che i musulmani non abbiano ucciso più quanti ebrei possibile”. Parole che hanno ricordato quelle del predecessore di Hussein, Haj Amin al-Husseini, che durante il mandato britannico in Palestina (1922-1948), collaborò con i nazisti nella deportazione degli ebrei nei campi di concentramento. Leggi tutto l’articolo


Dieci sindaci israeliani e palestinesi a Torino

in: Ebraismo | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Una sorta di Camp David torinese quella che riunisce oggi e domani a Torino dieci sindaci: cinque israeliani e 5 palestinesi. Prove di dialogo con i buoni auspici del sindaco Piero Fassino.

Dopo 60 anni – ha detto Fassino – è urgente dare al conflitto tra israeliani e palestinesi una soluzione di pace in grado di soddisfare aspirazioni e ragioni di entrambe le parti”.

I dieci primi cittadini ospiti provengono dalle zone di Ra’anana (Israele) e Gerico (territori dell’Anp) e sono accompagnati da rappresentanti delle autonomie locali. Discuteranno di possibili soluzioni al conflitto ma anche di temi specifici dei loro Comuni e delle eventuali possibilità di cooperazione. Leggi tutto l’articolo