1563580800<=1347580800
1563580800<=1348185600
1563580800<=1348790400
1563580800<=1349395200
1563580800<=1350000000
1563580800<=1350604800
1563580800<=1351209600
1563580800<=1351814400
1563580800<=1352419200
1563580800<=1353024000
1563580800<=1353628800
1563580800<=1354233600
1563580800<=1354838400
1563580800<=1355443200
1563580800<=1356048000
1563580800<=1356652800
1563580800<=1357257600
1563580800<=1357862400
1563580800<=1358467200
1563580800<=1359072000
1563580800<=1359676800
1563580800<=1360281600
1563580800<=1360886400
1563580800<=1361491200
1563580800<=1362096000
1563580800<=1362700800
1563580800<=1363305600
1563580800<=1363910400
1563580800<=1364515200
1563580800<=1365120000
1563580800<=1365724800
1563580800<=1303171200
1563580800<=1366934400
1563580800<=1367539200
1563580800<=1368144000
1563580800<=1368748800
1563580800<=1369353600
1563580800<=1369958400
1563580800<=1370563200
1563580800<=1371168000
1563580800<=1371772800
1563580800<=1372377600
1563580800<=1372982400
1563580800<=1373587200
1563580800<=1374192000
1563580800<=1374796800
1563580800<=1375401600
1563580800<=1376006400
1563580800<=1376611200
1563580800<=1377216000
1563580800<=1377820800
1563580800<=1378425600

Incontro alla sposa, il valore straordinario dello Shabbat

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Affermano i Maestri che “qualora il popolo di Israele osservasse interamente un solo Shabbat, immediatamente all’uscita del Sabato arriverebbe il profeta Elia ad annunciare la redenzione messianica”.

Molteplici e diversificate sono le opinioni dei Maestri e dei filosofi sull’era messianica e sulla figura della discendenza del Re David: certamente, come afferma l’Anì Maamin del Maimonide, dobbiamo avere fiducia nella venuta del Messia, “qualora ritardasse, ogni giorno attendo che venga”. Leggi tutto l’articolo


Parashà Toledot: il commento della settimana

in: Blog/News | di: Donato Grosser

Nessun Commento

R. Yosef Albo nel Sefer Ha-Ikkarim chiede cosa siano le berachot che danno i profeti e i giusti.

Se la beracha è una preghiera per quale motivo Isacco, quando venne a sapere che aveva benedetto Giacobbe e non Esau, tremò quando si accorse di aver benedetto Giacobbe. Avrebbe potuto pregare per Esau cosi come aveva fatto per Giacobbe.

E se la beracha è una profezia che predice il futuro per quale motivo Esau se la prese così tanto? Isacco non aveva fatto altro che profetizzare su Giacobbe e non su Esau! Leggi tutto l’articolo


Nell’ora di Ne’ilà 5772: il discorso del Rabbino capo di Roma, rav Riccardo Di Segni

in: Ebraismo | di: Rav Riccardo Di Segni

Un Commento

Qualche giorno fa Gadi Luzzatto Voghera ha raccontato questa storia su Moked, il giornale online dell‘UCEI:

“Mi è capitato un anno fa di fare un bel viaggio nella Polonia ebraica e ad Auschwitz con un gruppo di amici padovani, ebrei e non ebrei. Persone colte, che hanno dato vita a un bel dibattito intellettuale […]. L’ultimo giorno siamo stati raggiunti da un nutrito gruppo di ebrei romani, la classica “piazza”, e l’indomani siamo andati insieme a visitare Auschwitz. Bandiere israeliane, hatikva, commozione. Ma anche uno sguardo supponente e, direi, “di superiorità” che si percepiva nei confronti degli amici romani. Una signora di passata militanza comunista mi avvicina e mi chiede lumi: “ma chi sono, ma come si comportano, ma proprio non c’è terreno di confronto”, mi dice. La guardo un po’ stupito e le rispondo: “amica mia, questo è il popolo”, chiedendomi per cosa avesse mai combattuto in questi anni di militanza politica da sinistra.”

La scena qui descritta è un po’ esagerata, ma reale. La “piazza” classica non esiste più, ma così da fuori vedono il nostro “popolo ebraico romano” che abbraccia un’ampia fascia di famiglie che vivono soprattutto di commercio, e che si esprime in un certo modo, tanto più in momenti di forte emotività come in una visita ad Auschwitz. Così come esiste un altro mondo ebraico, chiamiamolo “intellettuale”, non solo fuori Roma, che non capisce questo popolo e se ne tiene lontano con una certa spocchia. La distanza tra i due mondi si manifesta soprattutto nel campo politico e nel rapporto con lo Stato d’Israele. Leggi tutto l’articolo


Berachot

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Lavaggio delle mani: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu ‘al netillat iadaim.

Dopo aver fatto i propri bisogni si recita: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher yatzar et ha-adam bekhokhmà uvarà vò neqavim neqavim khalulim khalulim. Galui veiadua’ lifnè kissè kevodekha sheim ippateakh ekhad meem o issatem echad meem ì efshar leitqaiem vela’amod lefanekha afilu sha’à ekhat. Barukh attà A. rofè kol basar umaflì la’asot.

Sul Talled: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu leit’atef betzitzit.

Sui Tefillin: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu leanniach tefillin.

Sulla Mezuzà: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu liqboa’ mezuzà.

Sulla Tevilà: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu ‘al ha-tevilà.

Sulla tevilat kelim: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam asher qiddeshanu bemitzvotav vetzivvanu ‘al tevilat kelim (quando si tratta di un solo oggetto, ad. es. una pentola: kelì).

Sul pane: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam ha-motzì lechem min ha-aretz.

Dolci, pasta, riso, e altri derivati dei cereali: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè minè mezonot.

Sul vino: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè perì hagafen

Sui frutti dell’albero: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè perì ha-’etz.

Sui frutti della terra: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè perì ha-adamà.

Su carne, pesce, uova, latte, formaggi, funghi, bevande: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam sheha-kol niià bidvarò. (dopo aver mangiato si dice: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè nefashot rabbot vekhesronan ‘al kol mà shebarà leakhaiot baen nefesh kol khai barukh khè ha-’olamim).

Sui profumi: Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam borè minè besamim.

Berachà acharonà me’en shalosh (si recita dopo aver consumato alcune specie di cibi): Barukh Attà A. Eloqenu Melekh ha-’olam

1) sul vino: ‘al haghefen ve’al perì haghefen

2) sui frutti della terra di Israele: ‘al ha-’etz ve’al perì ha-’etz

3) su pasta, dolci, etc.: ‘al ha-michià ve’al ha-kalkalà we’al tenuvat ha-sadè we’al eretz chemdà tovà urkhavà sheratzita veinkhalta laavotenu leekhol mipirià velisboa’ mituvà, rakhem nà A. Eloqenu ‘al Israel ‘ammekha ve’al Yerushalaim ‘irekha ve’al Tzion mishkan kevodekha ve’al mizbekhekha ve’al ekhalekha uvnè Yerushalaim ‘ir ha-qodesh bimerà beiamenu vea’alenu letokhà vesammekhenu bevinianà venokhal mipirià venisbà’ mittuvà unvarechechà ‘alea biqdushà uvtaorà. Ki attà A. tov umetiv lakol venodè lekhà ‘al ha-aretz

1) sul vino: ve’al perì gafnà. Barukh attà A. ‘al ha-aretz ve’al perì gafnà.

2) sui frutti della terra di Israele: ve’al perotea Barukh attà A.’al ha-aretz ve’al perotea.

3) su pasta, dolci, etc.: ve’al michià Barukh attà A.’al ha-aretz ve’al ha-michià.

Kiddush per il venerdì sera: Iom ha-shishì va-ichullù ha-shamaim ve-ha-arez vechol zevaam. Va-ichal E-lohim ba-iom hasheviì melachtò asher ‘asà, va-ishbot ba-iom-ha-sheviì mikol melachtò asher asà. Va-ivarech E-lohim et-iom ha-sheviì va-ikaddesh, otò, ki vò shavat mikol melacthò asher barà E-lohim la-asot. (continua)

Kiddush per il sabato mattina: Veshamerù benè Israel et hashabbat laasot et hashabbat ledorotam berit olam, benì uven benè Israel ot hi leolam ki sheshet iamim asà A-donai et hashamaim veet aarez uvaiom hashevii shavat vainnafash. (continua)

Havadalah: Kos yeshu’ot essà uvshem  A. eqrà.  Annè A. oshì a nà annà A. azlicha nà. Annà A. ‘anenu beiom qorenu. Hù ishlakh lanu berakhà revakhà veatzlachà bekol ma’asè iadenu venomar amen. (continua)