1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Incontro alla sposa, il valore straordinario dello Shabbat

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Affermano i Maestri che “qualora il popolo di Israele osservasse interamente un solo Shabbat, immediatamente all’uscita del Sabato arriverebbe il profeta Elia ad annunciare la redenzione messianica”.

Molteplici e diversificate sono le opinioni dei Maestri e dei filosofi sull’era messianica e sulla figura della discendenza del Re David: certamente, come afferma l’Anì Maamin del Maimonide, dobbiamo avere fiducia nella venuta del Messia, “qualora ritardasse, ogni giorno attendo che venga”. Leggi tutto l’articolo


Seminario Venezia (3-6 novembre): il Cantico dei Cantici, un inno all’amore sacro o all’amore profano?

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Il Cantico dei Cantici: uno dei poemi più conosciuti e amati al mondo, eppure misterioso. Lo ha scritto il re Salomone? Per la regina di Saba? E’ un canto d’amore o un’allegoria religiosa? O tutt’e due insieme?

Grandi esegeti, letterati, poeti si sono confrontati per duemila anni con le liriche magiche di questo antichissimo canto, sognando l’oasi profumata di En Ghedi, l’amante “nigra sed formosa”, le sue guance “rosse come uno spicchio di melograna”, le labbra, “un nastro di porpora”, i seni che “sembrano cerbiatti o gemelli di una gazzella che pascolano tra i gigli”.

Forse un inno alla passione dei sensi, forse una metafora del rapporto tra uomo e D-o, come per secoli hanno proposto esegeti ebrei e cristiani, tanto da includerlo nel canone biblico. Leggi tutto l’articolo