1513382400<=1347580800
1513382400<=1348185600
1513382400<=1348790400
1513382400<=1349395200
1513382400<=1350000000
1513382400<=1350604800
1513382400<=1351209600
1513382400<=1351814400
1513382400<=1352419200
1513382400<=1353024000
1513382400<=1353628800
1513382400<=1354233600
1513382400<=1354838400
1513382400<=1355443200
1513382400<=1356048000
1513382400<=1356652800
1513382400<=1357257600
1513382400<=1357862400
1513382400<=1358467200
1513382400<=1359072000
1513382400<=1359676800
1513382400<=1360281600
1513382400<=1360886400
1513382400<=1361491200
1513382400<=1362096000
1513382400<=1362700800
1513382400<=1363305600
1513382400<=1363910400
1513382400<=1364515200
1513382400<=1365120000
1513382400<=1365724800
1513382400<=1303171200
1513382400<=1366934400
1513382400<=1367539200
1513382400<=1368144000
1513382400<=1368748800
1513382400<=1369353600
1513382400<=1369958400
1513382400<=1370563200
1513382400<=1371168000
1513382400<=1371772800
1513382400<=1372377600
1513382400<=1372982400
1513382400<=1373587200
1513382400<=1374192000
1513382400<=1374796800
1513382400<=1375401600
1513382400<=1376006400
1513382400<=1376611200
1513382400<=1377216000
1513382400<=1377820800
1513382400<=1378425600

Ebraismo e conversioni

in: Ebraismo | di: Pierpaolo Pinhas Punturello

3 Commenti

Compiti, doveri e ruolo dei convertiti in senso al popolo di Israele

Basta sfogliare un semplice lunario, un qualsiasi calendario che riporti indirizzi, nomi di associazioni e comunità ebraiche e dei loro amministratori e rappresentanti per rendersi conto che al di là delle statistiche demografiche o proprio all’interno di queste, anche il piccolo ebraismo italiano sta cambiando ed è cambiato anche nella fisionomia dei propri cognomi.

Basta partecipare ad una tefillà in un qualsiasi Bet HaKnesset d’Italia, specie nelle piccole e medie comunità, per rendersi conto di quanti figli di Avraham Avinu sono chiamati a Sefer il Sabato mattina, il Lunedì, il Giovedì. A volte anche per rendersi conto che lo stesso rav… è figlio di Avraham Avinu. Leggi tutto l’articolo


La conversioni di minori

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Documento introduttivo al problema del Ghiur Katan

La conversione all’ebraismo è sempre stata considerata cosa molto delicata e da evitare quando non si sia certi delle reali intenzioni della persona che chiede di convertirsi. In alcune Comunità sono state emanate in passato delle takkanoth (disposizioni) per proibire la conversione; a Roma non c´è mai stata nessuna takkanà del genere e questo fatto ha consentito e consente al Beth Din (Tribunale Rabbinico) di procedere alla conversione secondo le valutazioni che il Tribunale stesso deve fare caso per caso.

La conversione è l’atto con cui si entra a fare parte del Kelàl Israel (“globalità della comunità di Israele”), assumendo su di sé sia il destino che la missione del popolo ebraico. Ciò comporta sia l´osservanza dei precetti che l’assunzione su di sé sia delle gioie che dei dolori che hanno accompagnato e accompagnano la storia del popolo ebraico. La conversione può avvenire quindi alla fine di un processo nel corso del quale il “candidato” mette sé stesso alla prova, per vedere se questa volontà sia davvero completa e spontanea. Nel caso degli adulti, il Beth Din deve accertare la corrispondenza tra le dichiarazioni e le reali intenzioni della persona e in ogni caso la responsabilità ultima della decisione di convertirsi ricade sulla persona che lo chiede: in un certo senso il Tribunale fa da “notaio” in quanto certifica che in quel preciso istante la persona in buona fede si è convertita all’ebraismo, con l’intenzione di mettere in pratica le mitzvoth e di assumere su di sé la storia e il destino del popolo ebraico.

Diversa è la situazione nel caso dei bambini figli di madre non ebrea, i cui genitori chiedono la conversione; in tal caso la responsabilità dell’atto di conversione ricade esclusivamente sul Beth Din che lo fa nella presunzione di fare cosa benefica e utile al bambino. Ma l’utilità e il beneficio si hanno solo se la persona osserva le regole; altrimenti non c’è nessun beneficio ma solo esposizione a un sistema di rigori e punizioni. Quindi affinché si possa arrivare a un risultato positivo è necessaria la presenza di condizioni che garantiscano un’educazione appropriata.

L’educazione all’osservanza dei precetti è condizione essenziale e, anche se non potrà esserci la certezza, ci deve essere una sostanziale probabilità che il processo di conversione possa veramente portare il bambino alla loro osservanza. Bisogna evitare, come molto spesso è avvenuto, che una volta divenuti adulti, i bambini convertiti in età minore non manifestino una reale volontà di osservare le mitzvoth, tanto da allontanarsi del tutto o in parte dalla Torà e dalla Comunità ebraica.

E’ evidente che per realizzare questo obiettivo sia necessaria la collaborazione materna, ma non è lecito al Beth Din esercitare alcuna pressione in questo senso sulla madre, la quale dovrà farlo, se lo desidera, spontaneamente. Il Beth Din deve rispettare il diritto della madre a mantenere le sue convinzioni e il suo desiderio di educare i figli come meglio crede. I genitori che si rivolgono a noi dovranno prima chiarire questo aspetto tra di loro per evitare spiacevoli equivoci.


Obiettivi del processo proposto.

1) Il processo che si vuole mettere in atto si propone una serie di obiettivi generali che vogliamo indicare per maggior chiarezza: Il processo di conversione deve portare in ultima analisi all´osservanza delle mitzvoth da parte del bambino e da parte della famiglia.

2) Il processo di conversione deve portare alla comprensione che la conversione è cosa seria e non automatica e che non è detto che si debba procedere ad essa in ogni caso; infatti, pur nel contesto di regole generali, ogni caso costituisce un caso particolare da analizzare e giudicare a parte. La conversione di un bambino non deve mai suonare come una legittimazione a priori dei matrimoni misti.

3) Il processo di conversione di un bambino può arrivare a buon fine solo se c’è la collaborazione di entrambi i genitori e della madre in particolare, che dovrà imparare a mettere in pratica quelle mitzvoth che riguardano più da vicino la vita familiare e quella del bambino.

4) Il processo di conversione di minori deve creare nella Comunità un’atmosfera tale che il matrimonio tra ebrei venga considerata la scelta più naturale e che, nel caso si verifichino delle eccezioni, la conversione deve essere fatta in maniera tale che possa essere veramente applicato il principio Zakhìn laadàm shelò befanàv, “Si può conferire un merito a una persona anche in sua assenza” (quindi a sua insaputa, come nel caso di un minore, per il quale l’ingresso nell’ebraismo sia un merito e non l’assunzione di responsabilità che non vuole o non può onorare).

5) Il processo di conversione deve essere fatto in maniera da dare al convertendo la certezza del riconoscimento giuridico dell´atto di conversione, e non come è già successo che altri rabbinati ortodossi mettano in dubbio la validità della conversione.

Prima di ogni certificazione, un gher adulto si presenta da solo: se non si comporta in conformità alle regole, la sua conversione potrebbe essere messa in discussione.

Il processo educativo deve essere quanto più precoce e continuativo. Le situazioni in cui un bambino/a senza formazione viene frettolosamente preparato solo alla vigilia del bar o bat-mizwà sono problematiche e da evitare.


Processo di conversione dei minori

Processo di conversione, qualora la madre decida di non fare il ghiur assieme al bambino:

a) Il Beth Din nominerà un mohel che procederà alla milà del bambino con il consenso dei genitori. La milà dovrà essere fatta davanti al Beth Din, nel luogo e nei tempi indicati dal Beth Din.

b) Il bambino/a riceverà un’educazione ebraica nelle scuole della Comunità, preferibilmente già dall´asilo e comunque nel periodo della scuola dell’obbligo.

c) Il bambino/a frequenterà attività ebraiche sociali integrative che abbiano lo scopo di educarlo all´osservanza e alla socialità ebraica.

d) Il Beth Din sottoporrà il bambino/a alla Tevilà: il momento della Tevilà verrà deciso in rapporto ai progressi dell’educazione del bambino. In linea di principio non sarà prima dell’ingresso alla prima classe elementare.

e) La casa nella quale crescerà il bambino/a non dovrà contenere elementi di culto non ebraico.

f) I genitori dovranno far sì che il bambino venga preservato dall´influenza di culti non ebraici anche fuori di casa.

g) L’alimentazione “kasher” sarà assicurata sia in casa che all´esterno.

h) In casa verranno gradualmente osservati il sabato e le feste, nella parte cerimoniale (il qiddush di sera e mattino, la riunione di famiglia), nella parte organizzativa (timer, plata, ecc.) e nell’astensione dai lavori proibiti.

i) Il bambino sarà portato al Beth ha-Keneseth con frequenza almeno settimanale.

j) I genitori (sia il padre ebreo che la madre non ebrea) seguiranno dei corsi di cultura ebraica, per aiutare il bambino ad inserirsi meglio nella vita ebraica.

k) La famiglia, di concerto con il Beth Din, identificherà una famiglia religiosa (e se possibile anche un “Rav Omèn” ovvero rav-tutore) che la affianchi e che la coadiuvi all’interno del beth ha-keneseth, la segua nelle scelte dell’educazione ebraica al fine di introdurre un’atmosfera ebraica tradizionale nella casa del bambino e nel far conoscere al bambino e alla sua stessa famiglia cosa significhi e come si faccia ad organizzare in pratica una vita basata sulla tradizione.

l) Prima di procedere al Bar/Bat mitzvà, dopo aver ascoltato la relazione del rabbino e di tutti coloro che sono stati coinvolti nell’educazione del ragazzo/a, il Beth Din lo/la chiamerà e gli/le comunicherà che, essendo stato convertito ‘al da’ath beth din, cioè per decisione del Beth Din, egli/ella può fare mechaà (rifiutare la decisione del Tribunale): in tal caso egli/ella non verrà considerato per questo un Yehudì mumar (cioè un ebreo che abbia abiurato all´ebraismo). Se il ragazzo/a confermerà la sua volontà di rimanere ebreo con tutto ciò che questo comporta, potrà essere fatto il Bar / Bat mitzvà (che avverrà al compimento dei tredici anni per i maschi e dei dodici per le femmine) e gli si chiederà di impegnarsi a continuare i suoi studi ebraici, sotto la guida del rabbino, almeno fino al raggiungimento dei 18 anni di età. Raggiunta questa età, così come previsto dall’Intesa e dallo Statuto delle Comunità, il giovane potrà confermare l’iscrizione alla Comunità, previa approvazione del Rabbino Capo.


Processo di conversione, qualora la madre decida di fare il ghiur assieme al bambino:

In tal caso, decisamente preferibile, il processo di conversione del bambino sarà diverso e verrà esaminato caso per caso.

Per concludere, vale la pena sottolineare nuovamente come le condizioni essenziali per un esito positivo del processo di conversione sono:

1) un’educazione ebraica che accompagni la crescita del bambino dalla nascita fino al raggiungimento dell´età adulta

2) la creazione di un ambiente in cui il bambino possa crescere in maniera che gli stimoli ebraici siano costanti e non sporadici.

Tutto ciò comporta un grande investimento di energie sia della famiglia che delle altre istanze che saranno coinvolte (Tribunale Rabbinico, eventuale Rav Omèn, Famiglie della Comunità ecc).


La conversione degli adulti

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Procedura

Colloquio preliminare – Chi è interessato alla conversione dovrà chiedere di parlare con un Rabbino del Tribunale Rabbinico che discuterà con lui le motivazioni. Dopo il colloquio, se lo ritiene, l’interessato potrà fare una domanda scritta, seguendo le istruzioni del Tribunale Rabbinico.

La domanda – Rappresenta un primo riferimento temporale, ma non è vincolante per il Tribunale Rabbinico . In base al risultato del colloquio preliminare e al contenuto delle domande il candidato sarà chiamato, non in tempo breve, a un nuovo colloquio nel quale gli verranno comunicati gli orientamenti decisi, che possono essere di rifiuto, di attesa, o di indirizzo allo studio. In tale ultimo caso verranno suggeriti programmi di studio e uno o più insegnanti di sostegno. Al candidato inoltre sarà richiesta, progressivamente, una presenza affettiva in seno alla comunità in particolar modo alle ufficiature ed agli shabbatoth ove organizzati. Bisognerà seguire assiduamente corsi di ebraismo, al fine di adeguare la vita personale e professionale ai dettami della halachà.

E’ bene precisare che nulla è dovuto al Tribunale per tutta la procedura, molti corsi comunitari sono pubblici e gratuiti e che i compensi agli insegnanti privati sono stabiliti con accordi personali tra docente e discente. I Rabbini del Tribunale Rabbinico valuteranno nel loro sviluppo le motivazioni e la volontà del candidato ad accettare il giogo della Maestà celeste e quello delle mizvot. La collaborazione tra candidato e Rabbini porterà alla valutazione definitiva della pratica. Il periodo di insegnamento – tutela è variabile e non è dato sapere, all’inizio, se la conversione si concluderà in capo ad uno o più anni. L’insegnante e i rabbini possono consigliare, aiutare, ma toccherà al candidato dare prova con il suo attaccamento all’Eterno, alla Torà, al popolo d’Israele senza riserve.

Esame – Nel corso del processo di preparazione e maturazione saranno fatte delle verifiche più avanti, trascorso un periodo ragionevole, di concerto con insegnanti e rabbini del Tribunale Rabbinico, sarà stabilita una prova di esame per valutare il livello delle conoscenze acquisite e il livello di pratica religiosa. La prova potrà essere scritta e/o orale. Le domande verteranno su tutti i temi del programma proposto. Prima degli esami verranno proposti degli schemi di domande, in modo che il candidato valuti il tipo di preparazione richiesto e il livello da lui raggiunto. Se il candidato ha studiato seriamente, frequenta la comunità ed osserva le mizwot (allo scopo di abituarsi) non avrà difficoltà a superare la prova.

La valutazione dell’esame può dar luogo a due ipotesi:

  1. Si sono palesate lacune nella cultura e nelle attitudini ed il candidato si sottoporrà ad altro esame dopo aver approfondito i punti deboli.
  2. L’esame è soddisfacente e viene proposta la tappa successiva

Tribunale Rabbinico Il candidato si sottoporrà al Beth Din (tre rabbini) che giudicherà con criteri personali, non solo il livello di conoscenza acquisito, ma anche le motivazioni presentate dal candidato stesso. Se anche questa prova ha esito positivo, il Beth Din fisserà, a conclusione del percorso, la data della Milà (per gli uomini) e del Mikwè e inizierà così la nuova vita di un figlio di Abramo e Sara. Dopo il Mikwe il convertito è considerato a pieno titolo figlio d’Israele, appartenente al reame di sacerdoti ed alla nazione santa e tenuto ad osservare l’insieme delle mizwot della Torà. Al termine del cammino il convertito comprenderà che tutte le difficoltà che gli sono state frapposte erano solo prove d’amore.

Il candidato farà suo il proponimento di Ruth: “Ma Ruth rispose: non insistere con me perché ti lasci e mi allontani da te (Naomi). Dove tu andrai io andrò, dove abiterai abiterò, il tuo popolo sarà il mio popolo, il tuo D. sarà il mio D.” (Ruth 1:16)

Citazioni: (anche dei Saggi) “Un candidato alla conversione che dicesse di accettare tutta la Torà eccetto una legge, non sarebbe convertibile” (Midrash Torah Cohanim, Parashà Kedoshim XIX, 34)

“I convertiti di una generazione sono lo specchio del valore di quella generazione” (Midrash Vaherà nella II 8 ) “In ogni generazione si presenteranno dei convertiti. Da dove lo sappiamo? Da Moshè che annunciò: < stipuli l’Alleanza con coloro che non sono presenti oggi> M (TB Shevuoth 39a)

“I convertiti devono stare all’erta per non ritornare alla loro condotta precedente “(Midrash Bemidbar rabbà VIII “9) “Il Santo Benedetto Egli sia ama profondamente i convertiti poichè essi hanno abbandonato la famiglia e la casa del loro padre per avvicinarsi a Lui” (Midrash Rabbà VIII 2)

“I convertiti che studiano Torà sono sullo stesso piano del Cohen Gadol che entra nel Kodesh haKodashim” (Midrash Vayehel VIII)

“Dopo la conversione, ogni candidato è considerato Israel” (Midrash rabbà VIII, 1) “Non si dirà ad un convertito: ricordati la tua precedente condotta, ieri nella tua bocca entravano cibi proibiti, oggi essa pronuncia parole di Torà” (TB Baba Metzia 58b)

“Un candidato che desideri sinceramente convertirsi, troverà la nostra mano tesa verso di lui, perché entri sotto le ali della Shehinà” (Midrash Waiqrà rabbà II, 8 )

“Il candidato è simile al neonato, tutte le sue colpe gli saranno condonate (TB Jevamoth 22a)

“Il convertito che compie la sua scelta in nome dell’Eterno merita di vedere le sue figlie andare spose dei Cohanim d’Israele” (Midrash Kohelet rabbà VII 20).


La conversione all’Ebraismo

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

L’ebraismo ortodosso è riluttante ad accettare le conversioni all’ebraismo per due motivi principali:

1. Non è necessario essere ebrei per ottenere la salvezza e i premi del mondo futuro, è sufficiente seguire le 7 regole noachidi.

2. Chi entra nell’ebraismo deve accettare la disciplina dell’osservanza religiosa senza alcuna riserva, e ciò rappresenta un impegno gravoso (tanto più nel nostro ambiente), difficile da valutare e da mantenere nel tempo. L’ingresso nell’ebraismo deve comportare una rivoluzione radicale nei modi di pensare, di agire, di relazioni sociali e familiari; in molti casi la richiesta di conversioni viene rifiutata perché non è giusto che vengano interrotti rapporti familiari preesistenti procurando sofferenze affettive a terzi (come genitori, coniugi, figli).

In altri casi, non rari, gli ostacoli a un impegno di osservanza possono provenire proprio dal potenziale partner ebreo. Se invece esistono i presupposti per un processo maturo e sereno, il candidato deve sapere che si deve impegnare in un iter complesso, sciogliendo molte riserve che dipendono dalle sue origini, della sua educazione e dal suo ambiente; nessuno gli chiede di farlo, ma se vuole entrare le condizioni sono queste.

Gli impegni principali di fede e comportamento che si richiedono nel processo di avvicinamento e di integrazione possono essere così riassunti:

  1. Monoteismo assoluto secondo la visione ebraica senza alcun sincretismo.
  2. Osservanza globale delle Mizvot come prescritte dai codici classici dell’ebraismo, senza riserve.
  3. Studio della Torah, dei suoi commenti e delle sue regole.
  4. Identificazione con la sorte del popolo ebraico.
  5. Familiarità con la lingua ebraica.
  6. Partecipazione alla vita comunitaria.
  7. Formazione di una famiglia ebraica.
  8. Scelta di una guida rabbinica alle cui direttive attenersi.
  9. Quando sarà ricostruito il Beth hamiqdash (presto ai nostri giorni) il gher completerà il suo processo di integrazione offrendo un sacrificio.

Clicca qui per saperne di più sulla conversione degli adulti

Clicca qui per saperne di più sulla conversione di minori


Per ulteriori informazioni:

Ufficio Rabbinico: 06 68400651/2

ghiur@romaebraica.it