1563580800<=1347580800
1563580800<=1348185600
1563580800<=1348790400
1563580800<=1349395200
1563580800<=1350000000
1563580800<=1350604800
1563580800<=1351209600
1563580800<=1351814400
1563580800<=1352419200
1563580800<=1353024000
1563580800<=1353628800
1563580800<=1354233600
1563580800<=1354838400
1563580800<=1355443200
1563580800<=1356048000
1563580800<=1356652800
1563580800<=1357257600
1563580800<=1357862400
1563580800<=1358467200
1563580800<=1359072000
1563580800<=1359676800
1563580800<=1360281600
1563580800<=1360886400
1563580800<=1361491200
1563580800<=1362096000
1563580800<=1362700800
1563580800<=1363305600
1563580800<=1363910400
1563580800<=1364515200
1563580800<=1365120000
1563580800<=1365724800
1563580800<=1303171200
1563580800<=1366934400
1563580800<=1367539200
1563580800<=1368144000
1563580800<=1368748800
1563580800<=1369353600
1563580800<=1369958400
1563580800<=1370563200
1563580800<=1371168000
1563580800<=1371772800
1563580800<=1372377600
1563580800<=1372982400
1563580800<=1373587200
1563580800<=1374192000
1563580800<=1374796800
1563580800<=1375401600
1563580800<=1376006400
1563580800<=1376611200
1563580800<=1377216000
1563580800<=1377820800
1563580800<=1378425600

Liberazione Shalit: la famiglia ringrazia Netanyahu

in: Blog/News, Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

I 1027 prigionieri palestinesi che Israele ha accettato di liberare in cambio del soldato Gilad Shalit saranno rilasciati in due momenti diversi. Il primo fra pochi giorni e il secondo fra due mesi.

La stampa dello Stato ebraico ha fatto sapere che l’accordo non comprende alcuni personaggi celebri fra cui Marwan Barghuti (al Fatah), Ahmed Saadat (Fronte popolare per la liberazioni della Palestina), Abdallah BarghutiIbrahim Hamed, due dirigenti di Hamas in Cisgiordania. Leggi tutto l’articolo


Israele: ecco perché Thomas Friedman si sbaglia

in: Medioriente | di: Jonathan Pacifici

3 Commenti

C’è molto pessimismo sulle pagine dei giornali in vista della prossima Assemblea delle Nazioni Unite. Thomas Friedman ha scritto sulle pagine del New York Times di non essere mai stato così preoccupato per il futuro d’Israele. E via poi con il valzer dei cosiddetti intellettuali, anche sulle pagine della stampa ebraica italiana. Non c’è da stupirsi che questo pessimismo abbia contagiato anche tanti ebrei romani.

Sono tornato da pochi giorni da Roma dove in molti mi hanno domandato un solenne ‘Che aria tira?’, quasi che Israele fosse sul patibolo.

Tutto ciò non è che il metro del successo della propaganda palestinese e della nostra incapacità di spiegare, a noi stessi ed agli altri, i successi di Israele.

Caro Sig. Friedman, cari tutti, io non sono mai stato tanto ottimista per il futuro di Israele!

Nonostante l’instabilità dell’Egitto, il voltafaccia della Turchia e la crisi della Siria. Nonostante i missili degli Hezbollah al nord e di quelli di Hamas al sud, Israele non è mai stato così forte. Leggi tutto l’articolo


Stato palestinese: Hamas boccia proposta dell’Anp

in: Blog/News, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Hamas boccia il discorso del presidente dell’Anp, Mahmoud Abbas, che ieri ha detto di volersi rivolgere alle Nazioni Unite in merito al riconoscimento dello Stato palestinese.

Discorso che Yusef Rizka, consigliere politico del primo ministro di Hamas a Gaza, Ismail Haniyeh, ritiene “vuoto di contenuti”.

Lo stesso Rizaka, citato dall’edizione online del quotidiano Yedioth Ahronoth, ha sottolineato che Abbas “ha lasciato alcune questioni indefinite e poco chiare a livello legale”.


Piazza Arrigoni? Una scelta sbagliata

in: Israele | di: Stefano Gatti

3 Commenti

La decisione assunta dal comune di Casalecchio di dedicare una piazza del paese al militante antisionista Vittorio Arrigoni ha profondamente colpito il noto studioso Emanuele Ottolenghi, Senior Fellow presso Foundation for Defense of Democracies di Washington (Defenddemocracy.org) e grande esperto di antiebraismo contemporaneo, che ha inviato questa lettera al Corriere di Bologna:

“Sono rimasto sorpreso nel leggere l’articolo di Marco Madonia sulla polemica per la decisione del Consiglio comunale di Casalecchio di intitolare una piazza a Vittorio Arrigoni.

Madonia definisce l’organizzazione Sinistra per Israele «militanti filo-israeliani di area Pd», ricorrendo a un termine francamente eccessivo, visto il loro tradizionale sostegno a una soluzione equa del conflitto: due stati per due popoli.

Se Sinistra per Israele fa polemica è per il fatto che invece Arrigoni, lungi dall’adoprarsi per la pace, non ha mai fatto mistero del suo odio viscerale per Israele. Né Arrigoni credeva nella soluzione due stati due popoli. Ad esempio, lo scorso ottobre Arrigoni lamentava di Israele, «più di sessant’anni di occupazione e oppressione». Per Arrigoni, il vero crimine di Israele era la sua esistenza, visto che datava l’inizio dell’occupazione israeliana al 1948, quando Israele fu fondato. Leggi tutto l’articolo


L’estate sta finendo

in: Israele | di: Ariel David

Nessun Commento

Settembre è arrivato e l’estate sta per finire. Non la stagione meteorologica, la torrida estate israeliana che è destinata a prolungarsi ancora per un bel po’.

A volgere al termine è una stagione politica che ha dato a Israele un periodo di relativa sicurezza e stabilità e che si chiude tra segnali quotidiani di cambiamenti imminenti e difficili da governare.

Ondate di missili e attentati da Gaza riportano la paura nel Sud, sottolineano il declino della deterrenza che Tsahal aveva ottenuto nel 2009 con l’operazione Piombo Fuso e preannunciano forse un nuovo conflitto con Hamas e le altre organizzazioni terroristiche che operano nella Striscia.

La tensione è ugualmente alta al nord del paese, dove il regime siriano di Bashar el-Assad, se messo con le spalle al muro dalla rivolta, potrebbe giocare la carta di Hezbollah e scatenare una guerra tra Libano e Israele per alleggerire le pressioni interne. Leggi tutto l’articolo


Nablus: Israele arresta Sheikh Hassan Yousef

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Le forze israeliane hanno arrestato Sheikh Hassan Yousef assieme alla moglie al figlio, mentre tentavano di attraversare un checkpoint a sud di Nablus.

A renderlo è stata l’agenzia Maan, che ha citato fonti palestinesi, secondo le quali al momento non si conosce il motivo dell’arresto del dirigente di Hamas.

Gli ultimi sei anni Yousef li ha trascorsi in un carcere dello Stato ebraico, che l’ha rilasciato poco più di un mese fa con altri 200 prigionieri palestinesi.


Hamas: Shalit ha festeggiato il proprio compleanno

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Hamas sostiene che Gilad Shalit abbia festeggiato il proprio compleanno con i suoi secondini ”con cui ha acceso candeline e dai quali ha ricevuto regali”.

Il gruppo islamico radicale l’ha reso noto attraverso un articolo di Mustafa Senwar (uomo di spicco di Hamas) comparso sul giornale Falastin. Una parte recita così:

Shalit ha trascorso il proprio compleanno in prigionia, fra gli uomini della resistenza e i detenuti che sono con lui, e ha ricevuto diversi regali dagli uomini della resistenza. Poi hanno acceso le candele”. Leggi tutto l’articolo


Piantato a Roma l’ulivo donato da Israele all’Italia

in: Eventi | Scritto da: Redazione

2 Commenti

E’ stato piantato in via dei Fori Imperiali l’albero di ulivo che Israele ha donato all’Italia in segno di “Amicizia fra i popoli” in occasioni dei 150 anni dell’unità del Bel Paese.

Alla cerimonia erano presenti l’ambasciatore di IsraeleGideon Meir, il presidente della nostra Comunità, Riccardo Pacifici, e Raffaele Sassun, presidente della fondazione Keren Kayemeth Leisrael (KKL) che ha consegnato l’ulivo. Leggi tutto l’articolo


Gaza: Hamas giustizia due collaborazionisti di Israele

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Secondo un comunicato del ministro dell’Interno di Hamas a Gaza due palestinesi sono stati “giustiziati” perché giudicati colpevoli di aver offerto la propria collaborazione a Israele.

Il comunicato che non ha rivelato l’identità dei due presunti colpevoli, la cui condanna a morte è la seconda eseguita nella Striscia dall’inizio dell’anno.


Barak blocca la restituzione degli 84 miltanti palestinesi morti dopo il 1967

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, ha deciso di bloccare la restituzione dei corpi di 84 militanti palestinesi morti dopo la Guerra dei Sei Giorni. Il provvedimento è figlio dello stallo nei negoziati per la liberazione di Gilad Shalit, il soldato dello Stato ebraico rapito in territorio israeliano nel 2006 e tuttora prigioniero di Hamas.

Dobbiamo assicurarci che non si tratti di un caso di restituzione poco opportuno alla luce dei negoziati per il rilascio di Gilad Shalit“, si legge in un comunicato emesso da Barak, che contraddice l’accordo sottoscritto dal premier Benjamin Netanyahu.