1568678400<=1347580800
1568678400<=1348185600
1568678400<=1348790400
1568678400<=1349395200
1568678400<=1350000000
1568678400<=1350604800
1568678400<=1351209600
1568678400<=1351814400
1568678400<=1352419200
1568678400<=1353024000
1568678400<=1353628800
1568678400<=1354233600
1568678400<=1354838400
1568678400<=1355443200
1568678400<=1356048000
1568678400<=1356652800
1568678400<=1357257600
1568678400<=1357862400
1568678400<=1358467200
1568678400<=1359072000
1568678400<=1359676800
1568678400<=1360281600
1568678400<=1360886400
1568678400<=1361491200
1568678400<=1362096000
1568678400<=1362700800
1568678400<=1363305600
1568678400<=1363910400
1568678400<=1364515200
1568678400<=1365120000
1568678400<=1365724800
1568678400<=1303171200
1568678400<=1366934400
1568678400<=1367539200
1568678400<=1368144000
1568678400<=1368748800
1568678400<=1369353600
1568678400<=1369958400
1568678400<=1370563200
1568678400<=1371168000
1568678400<=1371772800
1568678400<=1372377600
1568678400<=1372982400
1568678400<=1373587200
1568678400<=1374192000
1568678400<=1374796800
1568678400<=1375401600
1568678400<=1376006400
1568678400<=1376611200
1568678400<=1377216000
1568678400<=1377820800
1568678400<=1378425600

Russia-Israele, Peres emozionato inaugura a Mosca il museo ebraico

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Era molto emozionato il presidente israeliano Shimon Peres, quando due giorni fa – accompagnato dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov – ha inaugurato a Mosca un nuovo museo ebraico che ripercorre la storia tumultuosa degli ebrei in terra russa, dai tempi dello zar al presente, passando per le repressioni staliniane e l’Olocausto.

Non esiste un altro museo come questo“, ha detto Peres in occasione dell’apertura in un sito già di per sé d’eccezione: un ex deposito di autobus costruito nel 1926 dall’architetto Konstantin Melnikov.

Questa è una importante testimonianza storica della grandezza dell’uomo, ma anche delle sue debolezze“, ha detto il capo dello Stato ebraico, che ha 89 anni ed è nato sul territorio dell’attuale Bielorussia prima che la famiglia emigrasse in Palestina nel 1930. Leggi tutto l’articolo


Tra israeliani e palestinesi si può aprire uno spiraglio di pace

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

3 Commenti

Il messaggio di speranza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione dell’incontro oggi al Quirinale con il Presidente palestinese Abu Mazen

Grazie “all’estrema saggezza e prudenza del presidente palestinese, ci sono le condizioni per aprire uno spiraglio” di pace, “almeno per invertire la tendenza ad un deteriorarsi o ad un congelamento di una situazione insostenibile”. Lo ha affermato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al termine dell’incontro al Quirinale, tenutosi oggi, con il presidente dell’Autorita’ nazionale palestinese Abu Mazen. Leggi tutto l’articolo


In Israele arrivano nuove leggi contro prostituzione e anoressia

in: Israele | di: Ariel David

3 Commenti

Carcere per i clienti delle prostitute, stop alle modelle anoressiche e alle immagini “photoshoppate”. Queste le nuove norme al vaglio del Parlamento israeliano

Negli ultimi mesi molte donne in Israele si sono sentite di nuovo al centro dello scontro tra laici e ultraortodossi, poco difese dalle istituzioni e sotto attacco da parte di un mondo religioso estremista che le vorrebbe relegate in fondo agli autobus e su marciapiedi separati dagli uomini.

Tra i toni (giustamente) accesi della polemica e delle proteste, arrivano però due proposte di legge a ricordare che comunque nello Stato ebraico la normativa in fatto di diritti e difesa delle donne è la più avanzata del Medio Oriente e, spesso, supera quella di molti paesi occidentali. Leggi tutto l’articolo


La Commissione Esteri della Camera in visita oggi in Israele e nei Territori palestinesi

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Prende avvio oggi la missione in Medio Oriente di una delegazione della Commissione Affari esteri della Camera, guidata dal presidente Stefano Stefani e composta da Franco Frattini e Francesco Tempestini.

Questo viaggio – ha dichiarato Stefani – contribuisce a confermare l’appoggio dell’Italia al processo di pace tra Israeliani e Palestinesi che deve rimanere il punto centrale del Medio Oriente. Di certo l’Italia continuerà a sostenere l’attuazione del percorso fissato nella Road Map che si basa sulla rinuncia alla violenza e sul riconoscimento reciproco delle parti”. Leggi tutto l’articolo


Ministro degli esteri israeliano: “Non accettiamo governo palestinese con Hamas”

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Lo ha spiegato Lieberman incontrando alcuni membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu

Il ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman, in occasione della recente visita negli Stati Uniti ha ribadito ad alcuni dei paesi membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu che Israele non accetterà un governo palestinese che includa anche Hamas“.

Lieberman, che ha incontrato 15 ambasciatori presso le Nazioni Unite, nove dei quali di paesi del Consiglio di sicurezza, ha fatto riferimento all’accordo di riconciliazione concluso a Doha tra il presidente palestinese Abu Mazen e il leader di Hamas Khaled Meshaal. Leggi tutto l’articolo


Un libro per orientarsi sulla strada della geopolitica

in: Cultura | di: Fabio Perugia

Nessun Commento

Presentato in Israele il saggio di Giancarlo Elia Valori “Il Nuovo Mediterraneo, confine o rinascenza d’Europa”

Sbarca in Israele il libro del professor Giancarlo Elia Valori “Il Nuovo Mediterraneo, confine o rinascenza d’Europa”. Davanti a un pubblico d’eccezione, ospite nella residenza dell’ambasciatore italiano Luigi Mattiolo, martedì scorso Valori ha presentato la sua ultima fatica assieme, tra gli altri, all’ex capo di Stato Yitzhak Navon, l’ambasciatore Avi Pazner e Yossi Maiman. Al centro, gli scenari futuri del Mediterraneo alla luce delle rivolte che hanno scosso diversi Paesi arabi, e la necessità di ripensare un modello che, sotto il profilo commerciale e finanziario, sposti il baricentro dall’Europa verso il “Mare Nostrum”.

Nel testo, insignito nel 2011 del Gran Premio letterario del Consiglio mondiale panafricano, emergono le intenzione degli Stati Uniti di riconquistare un ruolo di primo piano in Africa, l’interesse dalla Russia nella correlazione economica del gas e del petrolio africano ai suoi prezzi, la crescente attenzione della Cina per il Mediterraneo e – per quanto riguarda l’Europa – la necessità di una più stretta integrazione con i Paesi della sponda Sud del Mediterraneo. Leggi tutto l’articolo


Solidarietà al giornalista Giuseppe Caldarola condannato per aver criticato Vauro

in: Blog/News | di: Giacomo Kahn

2 Commenti

Iniziata una sottoscrizione delle comunità ebraiche italiane

Quattro anni fa, nel marzo del 2008, in piena definizione delle liste elettorali e quindi della campagna elettorale – che avrebbe poi visto la vittoria della coalizione guidata dal Pdl – la giornalista Fiamma Nirenstein, all’epoca editorialista ed inviata dal Medio Oriente per Il Giornale, confermò la sua intenzione di candidarsi per il centro destra.

Una scelta che non piacque al vignettista Vauro che – pochi giorni dopo – pubblicò sul Manifesto una acida vignetta – per alcuni sfacciatamente antisemita – che demonizzava la scelta della Nirenstein, usando i soliti simbolismi razzisti e razziali: il naso adunco e la stella di David, per di più associati al fascio littorio.

Mesi dopo Giuseppe Caldarola in un corsivo sul Riformista criticò quella vignetta che a suo giudizio esprimeva il concetto di un Vauro che giudicava la Nirenstein ‘come sporca ebrea’.

L’espressione non piace al ‘sensibile’ vignettista, in passato ben caustico disegnatore delle vicende italiane e medio orientali, che pensò bene di querelare Caldarola. In questi giorni la sentenza a dir poco clamorosa: Peppino Caldarola è stato infatti condannato a risarcire Vauro di 25000 euro per diffamazione. Leggi tutto l’articolo


Rai, a “Mediterraneo” reportage sul Medio Oriente

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Imponenti manifestazioni per chiedere diritti e libertà. In Medio Oriente, Israele compreso, il vento della protesta sta soffiando con forza. Le tende in strada sono uno dei simboli della protesta sociale a Gerusalemme, come a Tel Aviv, come a piazza Tahrir in Egitto.

Gli slogan dei giovani israeliani sono simili a quelli ascoltati durante la protesta araba. Dicono: ”Il popolo vuole giustizia sociale”. Leggi tutto l’articolo


Iran: innalzato stato di allerta, Teheran si prepara alla guerra

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha innalzato il suo stato di allerta per il timore di un attacco militare da parte di Stati Uniti o Israele. Stando a quanto riferito al quotidiano britannico Telegraph da fonti dell’intelligence occidentale, Teheran avrebbe infatti iniziato a posizionare missili a lungo raggio, esplosivi, artiglieria e unità di guardia in punti strategici per la difesa del Paese.

Il comandante della Guardia rivoluzionaria, Mohammed Ali Jaafari, ha dato infatti l’ordine di prepararsi a possibili raid e attacchi sotto copertura a causa delle crescenti pressioni internazionali sul programma nucleare iraniano. Leggi tutto l’articolo


Medio oriente, quali scenari? Convegno promosso da Fondazione Magna Carta e Associazione Summit

in: Blog/News | di: Jonatan Della Rocca

Nessun Commento

Gli ultimi sviluppi delle cronache mediorientali, come il pericolo del riarmo nucleare iraniano a fini militari, certificato anche dall’agenzia internazionale, la vittoria dei Fratelli Musulmani alle elezioni egiziane e l’assalto alla rappresentanza diplomatica di Londra a Teheran, sono stati i temi al centro dell’incontro “Israele, la sfida diplomatica e il pericolo atomico”, svoltosi alla Fondazione Magna Carta che ha riunito la vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, on. Fiamma Nirenstein, il corrispondente Rai da Gerusalemme, Claudio Pagliara, Giancarlo Loquenzi direttore de L’Occidentale e Udi Segal giornalista del Channel 2 News Israel. Leggi tutto l’articolo