1544832000<=1347580800
1544832000<=1348185600
1544832000<=1348790400
1544832000<=1349395200
1544832000<=1350000000
1544832000<=1350604800
1544832000<=1351209600
1544832000<=1351814400
1544832000<=1352419200
1544832000<=1353024000
1544832000<=1353628800
1544832000<=1354233600
1544832000<=1354838400
1544832000<=1355443200
1544832000<=1356048000
1544832000<=1356652800
1544832000<=1357257600
1544832000<=1357862400
1544832000<=1358467200
1544832000<=1359072000
1544832000<=1359676800
1544832000<=1360281600
1544832000<=1360886400
1544832000<=1361491200
1544832000<=1362096000
1544832000<=1362700800
1544832000<=1363305600
1544832000<=1363910400
1544832000<=1364515200
1544832000<=1365120000
1544832000<=1365724800
1544832000<=1303171200
1544832000<=1366934400
1544832000<=1367539200
1544832000<=1368144000
1544832000<=1368748800
1544832000<=1369353600
1544832000<=1369958400
1544832000<=1370563200
1544832000<=1371168000
1544832000<=1371772800
1544832000<=1372377600
1544832000<=1372982400
1544832000<=1373587200
1544832000<=1374192000
1544832000<=1374796800
1544832000<=1375401600
1544832000<=1376006400
1544832000<=1376611200
1544832000<=1377216000
1544832000<=1377820800
1544832000<=1378425600

Il commento della settimana. Parashà Beha’alotekhà: il secondo Pèsach

in: Ebraismo | di: Donato Grosser

Nessun Commento

Dopo l’uscita dall’Egitto gli israeliti vissero per quarant’anni nel deserto. Nel primo anniversario dell’uscita dall’Egitto, nel deserto del Sinai, il Signore disse a Moshè di fare Pèsach.

È interessante il fatto che nel Midràsh (Sifri, 13:1) rabbì [Yehudà il Nassì] afferma che gli israeliti contavano gli anni iniziando dall’uscita dall’Egitto perché è scritto: “E il Signore parlò con Moshè nel deserto del Sinai, nel primo mese del secondo anno dall’uscita dall’Egitto…”. Egli aggiunge che quando entrarono nella Terra d’Israele essi cambiarono il sistema e iniziarono a contare gli anni dall’entrata nella Terra; quando fu costruito il Bet ha-Miqdàsh (Santuario di Gerusalemme) iniziarono a contare dalla sua costruzione (“E fu dopo vent’anni dalla costruzione di Salomone”, Re, I, 9); quando il Bet ha-Miqdàsh fu distrutto, cominciarono a contare dalla sua distruzione (“Dopo che fu distrutta la città”, Yechezqèl, 26); quando caddero sotto il dominio straniero cominciarono a contare gli anni dall’inizio del regno del Re (“Nel secondo anno del regno di Dario”, Chagày, 1; e anche “Nel secondo anno del re Nabuccodonosor”, Daniel, 2). Fin qui il Midràsh. Leggi tutto l’articolo


Libreria Kiryat Sefer

in: | Scritto da: Redazione

Un Commento

La libreria ebraica della comunità recentemente inaugurata, si chiama Kiryat Sefer (“La città del libro”, in ebraico). All’interno del locale – che ospita anche il Centro di Cultura – è possibile trovare libri di preghiere per i giorni feriali, lo Shabbat e le feste ebraiche, Torot, Commenti, Midrashim, narrativa israeliana ed ebraica, libri di filosofia e di storia ebraica, libri di cucina ebraica e sulla kasherut, libri per ragazzi e CD di musica tradizionale ebraica di rito italiano, sefardita e askenazita.

Per gli studenti iscritti alla Comunità Ebraica sono disponibili libri di testo a prezzi calmierati

Kiryat Sefer – La Città del Libro
Libreria Ebraica della Comunità di Roma

Indirizzo: Via del Tempio 2 – 00186 roma

Telefono: +39 06 45596107

E-mail: libreria@romaebraica.it