1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Celebrazioni a Parigi per i 50 anni del Centro Comunitario Ebraico

in: Cultura | di: Claudia De Benedetti

Nessun Commento

Al centro degli incontri i temi della spiritualità e della violenza nella società francese del XXI secolo

Il Centro Comunitario di Parigi apre questa sera, con un solenne evento il suo cinquantesimo anno di attività.

Nella prestigiosa sede del Grand Amphithéâtre de la Sorbonne in rue des Ecoles David de Rothschild, Presidente della Fondation pour la Mémoire de la Shoah darà il benvenuto ai numerosissimi ospiti, seguirà la prolusione di François Weil, Rettore dell’Accademia di Parigi e Cancelliere delle Università di Parigi e l’intervento di Edmond Elalouf, Presidente del Centro Comunitario. Leggi tutto l’articolo


La Francia commemora il 70mo anniversario della retata al Velodromo d’inverno

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Un Commento

In due giorni, furono arrestati e deportati oltre 13.000 ebrei parigini. Ne tornarono meno di cento

Sono cominciate ieri mattina a Parigi, con una cerimonia di commemorazione delle vittime davanti all’ex campo di internamento della Citè de la Muette, le cerimonie di commemorazione della ‘retata del Velodromo d’inverno‘, uno degli episodi più tragici del collaborazionismo francese con il nazismo, di cui ricorre il 70/o anniversario.

In quella retata (avvenuta tra il 16 e il 17 luglio 1942), ricostruita qualche anno fa da un film, oltre 13.000 ebrei stranieri rifugiati in Francia per sfuggire alle persecuzioni naziste furono arrestati dalla polizia transalpina, e ammassati nel Velodromo d’inverno, uno stadio a pochi passi dalla Senna. Leggi tutto l’articolo


Francia: dopo la strage di Tolosa, l’antisemitismo non si ferma

in: Anti-Semitismo | di: Stefano Gatti

Nessun Commento

Francia: dopo la strage di Tolosa, l’antisemitismo non si ferma

Il 19 marzo scorso a Tolosa il terrorista Mohamed Merah ha aperto il fuoco davanti alla scuola ebraica Ozar Hatorah, uccidendo il rabbino Jonathan Sandler, due delle sue figlie, Aryhel e Gavriel, di sei e tre anni e la figlia del direttore della scuola Miriam Monsonego (sette anni).

A questo episodio terroristico di matrice antisemita tutti i mezzi di comunicazione hanno dedicato ampio spazio, tuttavia, malgrado la sua estrema gravità, nel giro di breve tempo è subentrato un silenzio pressoché assoluto, eppure l’ondata di antisemitismo che, ormai da dieci anni, colpisce violentemente la Francia s’è solo moderatamente attenuata, e continua a rappresentare un problema sociale, come il caso di Tolosa ha – appunto – drammaticamente evidenziato.

Ecco alcuni recenti esempi di antisemitismo in Francia.

Il 10 maggio a Parigi in Piazza della Borsa sono stati affissi dei manifesti che riproducevano la copertina di una rivista satirica di stampo fascista, datata 19 marzo 2012, giorno della strage di Tolosa annuncia a grandi caratteri: “Tragico Bar-Mitzvah a Tolosa, 4 morti”. Leggi tutto l’articolo


Il vero pluralismo? Solo se c’è una cultura dominante

in: Blog/News | di: Giorgio Israel

Nessun Commento

Il confronto autentico non si può realizzare in un indistinto multiculturalismo che non sa assicurare accoglienza e tolleranza. La profonda crisi europea sta nella perdita di qualsiasi identità sostituita con una miscela di tecnocrazia, di politicamente corretto e di comunitarismo. E gli ebrei dovrebbero saperlo bene.

In un celebre testo sul razzismo commissionato dall’Unesco nel 1971, Claude Lévi-Strauss previde gli esiti del multiculturalismo: «tensioni tali che gli odii razziali offriranno una misera immagine del regime di intolleranza esacerbata che rischia di instaurarsi, senza che le differenze etniche debbano neppure servirgli di pretesto»; e destò scandalo affermando che, «se l’umanità non vuol rassegnarsi a diventare consumatrice sterile dei soli valori che ha saputo creare nel passato, capace di dare alla luce soltanto opere bastarde e invenzioni grossolane e puerili, dovrà reimparare che ogni vera creazione implica una certa sordità all’appello degli altri valori, che può giungere fino al loro rifiuto se non anche alla loro negazione». Leggi tutto l’articolo


“La Chiave di Sara”, un film emozionante e commovente

in: Blog/News | di: Marco Spagnoli

Nessun Commento

Quello che mi è sembrato giusto fare è stato cercare di far sentire questa tragedia alla gente, prescindendo dai grandi discorsi, per restituirle una dimensione concreta e palpabile, una dimensione umana, facendo in modo che lo spettatore si senta a contatto con gli eventi. Il personaggio interpretato da Kristin Scott Thomas è americano e non ebreo. La storia di Sara e della Shoah quindi non è la sua storia, ma la toccherà in modo indiretto.

Questo potrebbe succedere a chiunque.” Il regista Gilles Paquet-Brenner racconta così il suo approccio al romanzo di Tatiana De Rosnay intitolato La chiave di Sara da cui ha tratto un film con protagonista principale l’attrice inglese Kristin Scott Thomas. Leggi tutto l’articolo


Tv Israele: la Livni avrebbe incontrato quattro inviati di Gheddafi

in: Israele | Scritto da: Redazione

2 Commenti

Secondo la tv privata israeliana Channel-2, la leader dell’opposizione dello Stato ebraico, Tzipi Livni, avrebbe avuto la scorsa settimana un incontro con quattro persone inviate dal leader della Libia Muammar Gheddafi.

Persone che avrebbero ricevuto il visto dall’ambasciata israeliana a Parigi e una volta entrati in Israele avrebbero consegnato alla Livni alcuni file mandati dal Colonnello. Sempre secondo questa tv, i quattro invitati sarebbero stati ricevuti anche da alcuni esponenti della Comunità ebraica di origine libica di Netanya e da Meir Sheetrit.

Leggi tutto l’articolo


M.O: Usa e Francia stanno organizzando una conferenza di pace

in: Israele, Politica Internazionale | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Usa e Francia hanno intenzione di organizzare il prossimo 2 settembre a Parigi una conferenza di pace sulla questione fra israeliani e palestinesi. Lo scrive il sito internet Debkafile, considerato vicino ai servizi segreti dello Stato ebraico.

Debkafile scrive che con il summit transalpino Barack Obama e Nicolas Sarkozy vogliono far ripartire il dialogo fra le due parti, anche per evitare il rischio che l’Anp richieda il riconoscimento dello Stato palestinese all’Assemblea generale dell’Onu.

Obama e Sarkozy, inoltre, puntano ad arrivare alla conferenza parigina con la risoluzione della crisi in Libia grazie “un accordo a quattro tra Usa, Francia, Muammar Gheddafi e ribelli libici“.


John Galliano: oggi è iniziato il processo

in: Anti-Semitismo | Scritto da: Redazione

3 Commenti

Si è aperto oggi il processo contro John Galliano, l’ex direttore creativo di Dior accusato di ingiurie a carattere antisemita.

Era il 24 febbraio scorso quando il 50enne è stato denunciato da una coppia, seduta nel bistrot La Perle di Parigi, che l’ha accusato di aver pronunciato frasi contro gli ebrei.

Stesso peccato di cui lo stilista si sarebbe macchiato anche qualche mese prima sempre nello stesso ristorante. Leggi tutto l’articolo