1552953600<=1347580800
1552953600<=1348185600
1552953600<=1348790400
1552953600<=1349395200
1552953600<=1350000000
1552953600<=1350604800
1552953600<=1351209600
1552953600<=1351814400
1552953600<=1352419200
1552953600<=1353024000
1552953600<=1353628800
1552953600<=1354233600
1552953600<=1354838400
1552953600<=1355443200
1552953600<=1356048000
1552953600<=1356652800
1552953600<=1357257600
1552953600<=1357862400
1552953600<=1358467200
1552953600<=1359072000
1552953600<=1359676800
1552953600<=1360281600
1552953600<=1360886400
1552953600<=1361491200
1552953600<=1362096000
1552953600<=1362700800
1552953600<=1363305600
1552953600<=1363910400
1552953600<=1364515200
1552953600<=1365120000
1552953600<=1365724800
1552953600<=1303171200
1552953600<=1366934400
1552953600<=1367539200
1552953600<=1368144000
1552953600<=1368748800
1552953600<=1369353600
1552953600<=1369958400
1552953600<=1370563200
1552953600<=1371168000
1552953600<=1371772800
1552953600<=1372377600
1552953600<=1372982400
1552953600<=1373587200
1552953600<=1374192000
1552953600<=1374796800
1552953600<=1375401600
1552953600<=1376006400
1552953600<=1376611200
1552953600<=1377216000
1552953600<=1377820800
1552953600<=1378425600

Pietre d’inciampo, per non dimenticare

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Un Commento

A Roma ne verranno collocate 36

Saranno collocate a Roma, tra oggi e domani, 36 nuove “pietre di inciampo”, in ottone lucente che ricordano le vittime della persecuzione nazifascista nei luoghi dove vissero e dove – in molti casi – ebbe inizio la loro deportazione. Leggi tutto l’articolo


Ricollocata la targa in ricordo di Settimia Spizzichino

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Per il presidente della Comunità Riccardo Pacifici: “Serve l’intervento delle istituzioni e delle forze dell’ordine, perché c’è un problema di antisemitismo in Italia e in tutta Europa”

“Viale Settimia Spizzichino – vittima della persecuzione nazista (1921-2000)”. Recita così la targa al Parco della Pace intitolata a Settimia Spizzichino, l’unica donna superstite della retata al Ghetto di Roma del 16 ottobre del 1943. La targa è stata ricollocata al parco di via di Grottarossa, dopo che ignoti l’avevano trafugata pochi giorni fa.

Alla cerimonia, oltre all’assessore alla Cultura e alla Memoria del Municipio XI e nipote della Spizzichino, Carla Di Veroli, e ai pronipoti di Settimia, Jonathan e Miriam Spizzichino, erano presenti tra gli altri il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, il presidente della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, il presidente del Municipio XX, Gianni Giacomini, e il questore di Roma, Fulvio Della Rocca. Leggi tutto l’articolo


Il degrado culturale di Roma

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Rimossa da ignoti la targa che intitola una via a Settimia Spizzichino, unica donna tornata viva dalla retata del 16 ottobre del 1943 nel Ghetto di Roma

Si ripetono gli oltraggi alla memoria. In passato più volte anonimi hanno rimosso diverse Pietre di Inciampo (semplici sampietrini di bronzo) che ricordano nei luoghi in cui vissero i deportati ebrei verso i campi di sterminio nazisti.

Lo scempio, lo sfregio, si è ripetuto. A Roma, nel Parco Papacci del XX Municipio, è stata rimossa la targa che intitola una via a Settimia Spizzichino, unica donna tornata viva dalla retata del 16 ottobre del 1943 nel Ghetto di Roma. Leggi tutto l’articolo


Reinstallate le Pietre di inciampo in memoria delle sorelle Spizzichino

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Amba Chiara Zevi: “Questi sampietrini non sono un disturbo, ma come una opportunità per tramandare alle nuove generazioni la memoria di ciò che è stato”

Sono state oggi reinstallate, in via Santa Maria in Monticelli 67, le “pietre d’inciampo” – dedicate alle sorelle Spizzichino – che erano state profanate e divelte lo scorso gennaio all’indomani della loro installazione da un farmacista romano, inquilino del palazzo, nel silenzio e con la complicità degli altri residenti dello stabile infastiditi di “ritrovarsi davanti casa un cimitero”.

I sampietrini dorati hanno così ritrovato la loro originaria collocazione rinnovando il ricordo Shoah. Hanno presenziato ai lavori di reinstallazione il presidente di “Arte in Memoria” Ambra Chiara Zevi e l’Assessore alla Memoria del Municipio I Emiliano Pittueo, che ha commentato: ” questa reinstallazione vuole essere un monito contro gli atti di vandalismo, che non saranno più tollerati: siamo sicuri che vi sarà una sorveglianza attiva da parte della cittadinanza e delle forze dell’ordine, che hanno mostrato grande sensibilità e determinazione già in passato trovando in tempi brevissimi il responsabile dello gesto scellerato”. Leggi tutto l’articolo


Shoah, domani reinstallate a Roma le pietre d’inciampo per ricordare le sorelle Spizzichino

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Domani alle ore 12.00, verranno reinstallate, in via Santa Maria in Monticelli 67 a Roma le ‘pietre d’inciampo‘, dedicate alle sorelle Spizzichino, che erano state profanate e divelte lo scorso gennaio all’indomani della loro installazione. Lo rende noto il Comune di Roma, spiegando che ”i sanpietrini dorati ritroveranno, dunque, la loro originaria collocazione rinnovando il ricordo di quella grande tragedia umana che fu la Shoah”. Leggi tutto l’articolo


Tornano le Pietre di Inciampo in via Monticelli

in: Blog/News | di: Fabio Perugia

2 Commenti

Fra pochi giorni verranno reimpiantate davanti al civico dal quale furono deportate Graziella, Letizia ed Elvira Spizzichino

L’altro giorno passeggio vicino al ministero della Giustizia, dietro Portico d’Ottavia. Arrivo in via Santa Maria in Monticelli. Mi fermo davanti al primo portone e inizio a guardare per terra. Ma dove sono? Le pietre d’inciampo, i sampietrini della memoria, dove sono? Vi ricordate cos’era successo?

Era il gennaio scorso, un pomeriggio come un altro se non fosse che nel punto esatto dove erano state poste le pietre in ricordo della deportazione di Graziella, Letizia ed Elvira Spizzichino era comparso un buco. Qualcuno aveva tolto le pietre d’inciampo e vi aveva posto una colata di cemento. In poco tempo s’era sparsa la voce tra gli ebrei romani. Anche i media hanno dato subito la notizia: qualcuno ha divelto le pietre! Leggi tutto l’articolo


Pietra di Inciampo in ricordo del rabbino di Genova, Riccardo Pacifici

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

E’ stata collocata nella Galleria Mazzini

Una Pietra di Inciampo – realizzata dall’artista tedesco Gunter Demnig – per ricordare il rabbino capo di Genova, Riccardo Reuven Pacifici deportato ed ucciso ad Auschwitz, è stata posta ieri all’interno della Galleria Mazzini, il luogo in cui fu arrestato il 3 novembre del 1943.

Alla cerimonia – organizzata dalla Comunità ebraica di Genova, Goethe-Institut Genua, Centro culturale Primo Levi, Comunità di Sant’Egidio, con il patrocinio del Comune di Genova – erano presenti il sindaco Marta Vincenzi, il senatore Enrico Musso, il vicesindaco Paolo Pissarello, il rabbino capo Giuseppe Momigliano e il nipote del rabbino Pacifici, l’attuale presidente della comunità ebraica di Roma. Leggi tutto l’articolo


Restituite le Pietre di Inciampo

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Con una piccola cerimonia, presso il Comando della Stazione dei Carabinieri di Piazza Farnese, riconsegnate le targhe con i nomi delle sorelle Spizzichino

Con una piccola, ma sentita cerimonia presso il Comando dei Carabinieri di Piazza Farnese in Roma, sono state oggi riconsegnate le placche di bronzo delle Pietre di Inciampo che alcuni giorni fa erano state abusivamente asportate in via Santa Maria in Monticelli 67. Tre sampietrini della Memoria che erano stati posti davanti al palazzo in cui vivevano e furono deportate, con destinazione Auschwitz, le sorelle Elvira, Graziella e Letizia Spizzichino, i cui nomi sono su queste piccole targhe.

Le indagini immediatamente partite, dirette dal Comandante della Stazione Sandro Ottaviani, hanno consentito di individuare il responsabile dell’atto di sfregio alla memoria in un residente nello stesso edificio che ha giustificato il suo gesto dicendo che “non volevo il cimitero proprio davanti al portone di casa mia”. La stessa persona ha quindi poi provveduto a riconsegnare le targhe che sono state oggi riconsegnate personalmente dal colonnello Giuseppe La Gala, Comandante Gruppo Carabinieri di Roma, a Emma Hora Aboaf nipote delle sorelle Spizzichino. Leggi tutto l’articolo


“Pietre di Inciampo” anche a L’Aquila

in: Blog/News | di: Pierpaolo Pinhas Punturello

Nessun Commento

In memoria di Giulio Della Pergola su iniziativa della nipote Fausta Carli Finzi e di Guido Coen, pronipote della sua vedova, Ada Coen, è stata posta una “pietra di inciampo” a L’Aquila, dove Giulio Della Pergola, ebreo fiorentino di adozione aquilana, morto ad Auschwitz il 6 febbraio del 1944 all’età di 49 anni, viveva e gestiva il negozio di abbigliamento e stoffe dei suoceri, negozio situato in Piazza del Duomo, luogo dove è stata deposta la pietra.

La cerimonia è avvenuta alla presenza dei discendenti delle famiglie Della Pergola e Coen e dei loro amici arrivati da Torino, Milano, Roma, Terni e Gerusalemme. Il valore della memoria, la straziante emozione del ricordo di una vita distrutta dalla Shoà, così bene stigmatizzati nelle parole del nipote Corrado Vivanti lette dal figlio Alessandro, in una città come L’Aquila hanno acquisito un valore aggiunto. Leggi tutto l’articolo


Preso ladro delle Pietre d’inciampo: “Non volevo un cimitero davanti casa”

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

8 Commenti

Non è stato un gesto apertamente antisemita o razzista. Semplicemente ”non volevo il cimitero proprio davanti al portone di casa mia”.

L’ha detto un uomo di 41 anni, romano, che ha ammesso di essere stato il ladro delle ‘Pietre di inciampo‘, messe per ricordare nel ghetto di Roma la Shoah e la memoria delle tre sorelle Spizzichino. Leggi tutto l’articolo