1558224000<=1347580800
1558224000<=1348185600
1558224000<=1348790400
1558224000<=1349395200
1558224000<=1350000000
1558224000<=1350604800
1558224000<=1351209600
1558224000<=1351814400
1558224000<=1352419200
1558224000<=1353024000
1558224000<=1353628800
1558224000<=1354233600
1558224000<=1354838400
1558224000<=1355443200
1558224000<=1356048000
1558224000<=1356652800
1558224000<=1357257600
1558224000<=1357862400
1558224000<=1358467200
1558224000<=1359072000
1558224000<=1359676800
1558224000<=1360281600
1558224000<=1360886400
1558224000<=1361491200
1558224000<=1362096000
1558224000<=1362700800
1558224000<=1363305600
1558224000<=1363910400
1558224000<=1364515200
1558224000<=1365120000
1558224000<=1365724800
1558224000<=1303171200
1558224000<=1366934400
1558224000<=1367539200
1558224000<=1368144000
1558224000<=1368748800
1558224000<=1369353600
1558224000<=1369958400
1558224000<=1370563200
1558224000<=1371168000
1558224000<=1371772800
1558224000<=1372377600
1558224000<=1372982400
1558224000<=1373587200
1558224000<=1374192000
1558224000<=1374796800
1558224000<=1375401600
1558224000<=1376006400
1558224000<=1376611200
1558224000<=1377216000
1558224000<=1377820800
1558224000<=1378425600

Il commento alla parashà, Vezòt Haberakhà e Simchàt Torà

in: Blog/News | di: Donato Grosser

2 Commenti

L’ultima parashà (brano) della Torà è Vezòt Haberakhà che significa “Questa è la benedizione” e comprende le benedizioni che Mosè diede alle dodici tribù prima di morire.

Dal momento che questa parashà conclude il ciclo annuale della lettura della Torà, la lettura di quest’ultimo e conclusivo brano della Torà viene fatta con una celebrazione che viene chiamata “Simchàt Torà”, la festa della Torà, nell’ultimo giorno della ricorrenza di Sheminì ‘Atzèret che ha luogo dopo i sette giorni della festa di Sukkòt (la festa delle capanne).

A differenza di tutte le altre parashòt della Torà, Vezòt Haberakhà non viene quindi letta di Sabato. Leggi tutto l’articolo


Chi ha paura della voce delle donne?

in: Blog/News | di: Ariel David

4 Commenti

Alcune settimane fa, nel corso di una cerimonia presso l’accademia ufficiali dell’esercito israeliano, quattro cadetti ebrei ortodossi hanno improvvisamente abbandonato la sala per protesta.

La ragione? Sul palco una soldatessa del coro dell’esercito aveva iniziato a cantare e, in base alla stretta interpretazione di una norma talmudica sul pudore, agli uomini è proibito ascoltare la “kol ishà”, la voce di una donna che canta.

I cadetti hanno rifiutato l’ordine di rientrare in sala e sono stati espulsi dalla scuola, ma l’episodio ha riacceso le polemiche sul crescente conflitto fra i valori laici di uguaglianza, dignità e libertà su cui si fonda Tsahal e le pressioni da parte dei settori più ortodossi per introdurre norme e costumi religiosi nella vita militare. Leggi tutto l’articolo


Shminì Atzeret e Simchat Torah

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Shminì AtzeretSi mangia in Sukkà senza dire la relativa benedizione. Si dice Shehechejànu durante il kiddush. A Musaf si inizia a dire Mashiv harùach umorid ha-Gheshem (“che fa soffiare il vento e fa cadere la pioggia”). La sera dopo non si mangia in Sukkà.

Simchat TorahLa “gioia della Torah”, giorno in cui il Chatan Torah viene chiamato alla lettura dell’ultimo brano della Torah. Sefarditi e ashkenaziti iniziano anche il nuovo ciclo di lettura della Torah. Gli italiani leggono l’inizio della parashà di Bereshit da un libro stampato. Si fanno le Hakkafot – i sette giri con i sefarim – intorno alla Tevà.