1560729600<=1347580800
1560729600<=1348185600
1560729600<=1348790400
1560729600<=1349395200
1560729600<=1350000000
1560729600<=1350604800
1560729600<=1351209600
1560729600<=1351814400
1560729600<=1352419200
1560729600<=1353024000
1560729600<=1353628800
1560729600<=1354233600
1560729600<=1354838400
1560729600<=1355443200
1560729600<=1356048000
1560729600<=1356652800
1560729600<=1357257600
1560729600<=1357862400
1560729600<=1358467200
1560729600<=1359072000
1560729600<=1359676800
1560729600<=1360281600
1560729600<=1360886400
1560729600<=1361491200
1560729600<=1362096000
1560729600<=1362700800
1560729600<=1363305600
1560729600<=1363910400
1560729600<=1364515200
1560729600<=1365120000
1560729600<=1365724800
1560729600<=1303171200
1560729600<=1366934400
1560729600<=1367539200
1560729600<=1368144000
1560729600<=1368748800
1560729600<=1369353600
1560729600<=1369958400
1560729600<=1370563200
1560729600<=1371168000
1560729600<=1371772800
1560729600<=1372377600
1560729600<=1372982400
1560729600<=1373587200
1560729600<=1374192000
1560729600<=1374796800
1560729600<=1375401600
1560729600<=1376006400
1560729600<=1376611200
1560729600<=1377216000
1560729600<=1377820800
1560729600<=1378425600

Cooperazione islamica: si è chiuso il summit del Cairo

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

0Si è chiuso il vertice della Conferenza della cooperazione islamica alla quale hanno partecipato oltre 20 capi di stato e di governo, fra i quali il capo dello stato iraniano Mahmoud Ahmadinejad.

La conferenza ha nominato il nuovo segretario generale. Si tratta dell’ex ministro dell’informazione saudita, Iyyad Madadi, che sostituisce il turco Ekmeleddin Ihsanoglu. Il vertice ha adottato le conclusioni finali su Siria, Palestina e Mali. Leggi tutto l’articolo


Massima allerta in Israele, incubo armi chimiche ad Hezbollah

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

MISSILEÈ massima allerta in Israele. La notizia – mai confermata ufficialmente – dell’attacco aereo israeliano contro un convoglio di armi (secondo la stampa libanese si trattava di un centro di produzione di armi) che dalla Siria stava raggiungendo il Libano è rimbalzata subito come ‘breaking news’ su tutte le tv del Paese, che hanno interrotto i programmi per aggiornare gli israeliani. Una notizia che ovviamente ha poi fatto il giro del mondo. Leggi tutto l’articolo


Un tappetino speciale antisionista

in: Medioriente | di: Giacomo Kahn

5 Commenti

E’ all’ingresso di una toilette nell’aeroporto di Tunisi

Non basta stilare liste ‘nere’ dei prodotti israeliani, o cacciare i professori israeliani dalle università europee. Il boicottaggio e più in generale l’odio viscerale contro Israele assume una nuova e fantasiosa forma. Per chi si reca in una toilette dell’aeroporto di Tunisi ecco la ‘piacevole’ sorpresa: un tappetino su cui pulire le suole delle scarpe con sopra l’effigie della bandiera dello Stato di Israele. Leggi tutto l’articolo


La guerra in Siria, prima smentita poi raccontata dai drusi

in: Medioriente | di: Angelo Pezzana

Nessun Commento

Rientrano in Israele i ragazzi drusi che studiavano all’Università a Damasco, passano il confine, Israele facilita l’ingresso, sono accolti dalle rispettive famiglie, preoccupate per la situazione in generale, ma non in particolare per loro, dato che non avevano mai ricevuto notizie drammatiche, anzi, “qui va tutto bene”, scrivevano via e-mail o dicevano al cellulare. Leggi tutto l’articolo


Quei ragazzi drusi

in: Israele | di: Angelo Pezzana

Nessun Commento

Rientrano in Israele i ragazzi drusi che studiavano all’Università a Damasco, passano il confine, Israele facilita l’ingresso, sono accolti dalle rispettive famiglie, preoccupate per la situazione in generale, ma non in particolare per loro, dato che non avevano mai ricevuto notizie drammatiche, anzi, “qui va tutto bene”, scrivevano via e-mail o dicevano al cellulare. Leggi tutto l’articolo


Siria, l’eventuale trasferimento di armi chimiche a Hezbollah scatenerà la reazione di Israele

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

Si tratta di un ‘casus belli’, ha spiegato il ministro degli Esteri israeliano Lieberman: “Agiremo senza esitazione e moderazione”.

L’eventuale trasferimento di armi chimiche o biologiche siriane ad Hezbollah rappresenta per Israele “un casus belli”. È l’avvertimento lanciato oggi dal ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman, in una conferenza stampa a Bruxelles al termine del Consiglio di associazione Ue-Israele. Leggi tutto l’articolo


Israele pronto ad accogliere i profughi siriani sulle alture del Golan

in: Israele | Scritto da: Redazione

Un Commento

Israele si sta “preparando” ad accogliere i profughi siriani nelle alture del Golan, conquistato dallo Stato ebraico dal 1967, in caso di crollo del regime di Bashar al-Assad.

Il giorno che il regime di Assad cadrà, vi saranno ripercussioni sul clan alauita (di fede sciita e a cui appartiene lo stesso presidente, ndr). Ci stiamo preparando a ricevere i rifugiati alauiti nelle alture del Golan“, ha affermato il capo di Stato maggiore israeliano, il generale Benny Gantz, durante un’audizione alla commissione parlamentare Esteri e Difesa. Leggi tutto l’articolo


Più dell’arma nucleare iraniana, Israele ha paura dei missili

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

Non è la minaccia nucleare iraniana la grande preoccupazione di Israele, quando l’ingente capacità offensiva attraverso l’uso massiccio di armamenti convenzionali.

Se nel corso del 2012 dovesse scoppiare una guerra globale tra lo stato ebraico e i suoi nemici dell’area (Iran, Siria, Hezbollah nel sud del Libano e Hamas a Gaza) lo Stato di Israele sarebbe colpito da 8.000 tra razzi e missili.

Ciò causerebbe, nonostante l’utilizzo dei rifugi e del sistema antiaereo, la morte di un migliaio di israeliani, oltre ad ingenti danni alle infrastrutture. Leggi tutto l’articolo


Israele teme un attacco a sorpresa della Siria

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Tanto più il processo definitivo di agonia del regime di Bashar Assad in Siria si avvia al proprio compimento, tanto più cresce un elemento di minaccia verso Israele”: lo ha affermato oggi alla radio militare il presidente della Commissione parlamentare per gli affari esteri e la difesa, ed ex capo di stato maggiore, Shaul Mofaz.

Esiste una ragionevole probabilità – ha aggiunto Mofaz – che con il completarsi del declino di quel regime, Assad cerchi di distogliere la attenzione dai massacri che sta perpetrando verso il suo popolo, mediante un confronto con Israele”. Leggi tutto l’articolo


Israele: ecco perché Thomas Friedman si sbaglia

in: Medioriente | di: Jonathan Pacifici

3 Commenti

C’è molto pessimismo sulle pagine dei giornali in vista della prossima Assemblea delle Nazioni Unite. Thomas Friedman ha scritto sulle pagine del New York Times di non essere mai stato così preoccupato per il futuro d’Israele. E via poi con il valzer dei cosiddetti intellettuali, anche sulle pagine della stampa ebraica italiana. Non c’è da stupirsi che questo pessimismo abbia contagiato anche tanti ebrei romani.

Sono tornato da pochi giorni da Roma dove in molti mi hanno domandato un solenne ‘Che aria tira?’, quasi che Israele fosse sul patibolo.

Tutto ciò non è che il metro del successo della propaganda palestinese e della nostra incapacità di spiegare, a noi stessi ed agli altri, i successi di Israele.

Caro Sig. Friedman, cari tutti, io non sono mai stato tanto ottimista per il futuro di Israele!

Nonostante l’instabilità dell’Egitto, il voltafaccia della Turchia e la crisi della Siria. Nonostante i missili degli Hezbollah al nord e di quelli di Hamas al sud, Israele non è mai stato così forte. Leggi tutto l’articolo