1558224000<=1347580800
1558224000<=1348185600
1558224000<=1348790400
1558224000<=1349395200
1558224000<=1350000000
1558224000<=1350604800
1558224000<=1351209600
1558224000<=1351814400
1558224000<=1352419200
1558224000<=1353024000
1558224000<=1353628800
1558224000<=1354233600
1558224000<=1354838400
1558224000<=1355443200
1558224000<=1356048000
1558224000<=1356652800
1558224000<=1357257600
1558224000<=1357862400
1558224000<=1358467200
1558224000<=1359072000
1558224000<=1359676800
1558224000<=1360281600
1558224000<=1360886400
1558224000<=1361491200
1558224000<=1362096000
1558224000<=1362700800
1558224000<=1363305600
1558224000<=1363910400
1558224000<=1364515200
1558224000<=1365120000
1558224000<=1365724800
1558224000<=1303171200
1558224000<=1366934400
1558224000<=1367539200
1558224000<=1368144000
1558224000<=1368748800
1558224000<=1369353600
1558224000<=1369958400
1558224000<=1370563200
1558224000<=1371168000
1558224000<=1371772800
1558224000<=1372377600
1558224000<=1372982400
1558224000<=1373587200
1558224000<=1374192000
1558224000<=1374796800
1558224000<=1375401600
1558224000<=1376006400
1558224000<=1376611200
1558224000<=1377216000
1558224000<=1377820800
1558224000<=1378425600

Quel che resta dopo un conflitto

in: Medioriente | di: Pierpaolo Pinhas Punturello

Nessun Commento

Costretti ad una guerra tutti uniti nella difesa di Israele

Cosa resta dopo una ennesima operazione difesa militare Israeliana? Cosa resta nel linguaggio, nella comunicazione, nei gesti quotidiani? Cosa resta del nome della operazione? Cosa resta sul campo che non è di battaglia, sul campo del vivere quotidiano, delle file alla posta, delle casse al supermercato, delle serate con gli amici?

Resta il senso di una difesa legittima ma non condivisa dal mondo, resta il senso di una paura rimandata ad un prossima volta, resta alto il senso vigile di un paese che adesso deve fare in modo che la tregua per Hamas non diventi un nuovo momento di riarmo e ripresa delle forze. Leggi tutto l’articolo


I media caduti nella trappola di Hamas

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Lo spiega l’ambasciatore israeliano negli Stati Uniti

I media internazionali si sono fatti “manipolare” da Hamas. Lo scrive oggi sul Washington Post l’ambasciatore israeliano a Washington, Michael Oren.

“Hamas sa che non può distruggerci militarmente, ma pensa di poterlo fare attraverso i media”, scrive l’ambasciatore, che accusa il movimento islamico di cercare “di uccidere il maggior numero di civili palestinesi mentre usa la propria popolazione come scudi umani”. Leggi tutto l’articolo


Tzipi Livni torna alla politica con un nuovo partito

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

“Sono venuta per combattere per la pace”

Tzipi Livni – ex ministro degli esteri di Israele – torna alla politica alla guida di un nuovo partito, Hat’nua (“Il Movimento”).

“Sono venuta per combattere per la pace, e non darò la mano a quelli che tentano di trasformare la parola ‘pace’ in una parola sporca”, ha detto l’ex leader di Kadima nel corso di una conferenza stampa a Tel Aviv, della quale danno conto i media israeliani. “Ho deciso di non mollare. Deve esserci un’alternativa nelle elezioni israeliane”, ha aggiunto. Leggi tutto l’articolo


“Se costretti entreremo nella Striscia”: lo spiega l’ambasciatore di Israele in Italia Naor Gilon

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

“Abbiamo reagito perché provocati, non vogliamo l’intervento dell’Onù”

”Se non usciamo da questa fase con un impegno e garanzie di Hamas che non si ritorni a un crescente lancio di razzi dopo pochi mesi dal conflitto, allora saremo costretti, malvolentieri, a entrare a Gaza anche via terra’. Lo afferma l’ambasciatore di Israele a Roma, Naor Gilon, in un’intervista al Tempo.

”Entrare con i soldati nel posto più densamente popolato del mondo comporta un rischio molto alto, ma Israele non può più vivere con l’esistenza di oltre un milione di cittadini minacciata continuamente”, osserva Gilon. Leggi tutto l’articolo


Maratona oratoria per cancellare le parole malate contro Israele

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

‘Summit’, l’Associazione presieduta da Fiamma Nirenstein, Vice Presidente della Commissione Esteri, insieme a un nutrito numero di altre organizzazioni ha organizzato per il prossimo giovedì 23 novembre – alle 18,00 – la maratona oratoria “Per la Verità per Israele” davanti a Montecitorio.

Nirenstein spiega: “Ritengo che per amore della pace dobbiamo ristabilire la verità sul conflitto in corso e cancellare le parole malate con cui si criminalizza Israele e si delegittima il sacrosanto diritto di qualsiasi stato democratico a difendere la sua popolazione civile gratuitamente attaccata”.

Da giorni l’opinione pubblica è coperta da messaggi ingannevoli sulla natura del conflitto in atto fra Israele e Hamas. Israele si difende, non ha attaccato. Leggi tutto l’articolo


“Gaza come Auschwitz”, la frase choc nella pagina Facebook del Pd di Cagliari

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Che la sinistra italiana abbia un rapporto conflittuale con Israele e che non riesca a liberarsi di un profondo preconcetto nei confronti dello Stato ebraico è un fatto risaputo.

Basta, ad esempio, leggere la pagina Facebook del Pd di Cagliari dove campeggia la scritta ‘Gaza come Auschwitz‘, frase dello scrittore portoghese Jose Saramago “gli israeliani vivono nell’ombra dell’Olocausto aspettando di essere perdonati di ogni cosa che fanno, mentre quello che sta accadendo in Palestina è un crimine che possiamo paragonare agli orrori di Auschwitz“. Leggi tutto l’articolo


Su Gaza, Israele lancia volantini agli abitanti: “Allontanatevi subito”

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Si accusa Israele di crimini contro l’umanità, ma ecco il modo in cui Israele opera contro i miliziani di Hamas: sta seminato a pioggia su Gaza città volantini in lingua araba destinati alla popolazione palestinese, in cui la si sollecita ad allontanarsi “immediatamente”, in particolare da due quartieri situati nella parte sud-orientale del capoluogo della Striscia. Leggi tutto l’articolo


Israele ha diritto di vivere in sicurezza

in: Blog/News | di: Riccardo Pacifici

Nessun Commento

“Restiamo umani”, con queste parole ieri dalle pagine del Messaggero Nichi Vendola comincia e conclude il suo contributo. Cerca di dare una spiegazione alle mie dichiarazioni dei giorni scorsi, che celavano – mi spiace che il segretario di Sel non abbia colto questa sfumatura – più che accuse, il timore di un tradimento e il senso di delusione. Speravamo che la sinistra si fosse lasciata alle spalle una certa retorica, dopo i grandi sforzi compiuti da Fassino, Veltroni, Zingaretti, Caldarola, etc.

Eppure di rabbia ne abbiamo molta. Siamo storditi da un giudizio di certi ambienti politici, sempre i soliti, che guardano il dito e non la luna. Hanno la capacità di indignarsi di fronte alle terrificanti immagini di morte, solo quando, a produrle involontariamente, sono i «jet dello Stato Ebraico», ma rimangono silenti quando a morire sono i bambini sull’altro fronte del conflitto. Leggi tutto l’articolo


Manifestazione pro Israele al ghetto di Roma

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Sabato notte una veglia di preghiera e una manifestazione a sostegno di Israele, impegnato in un’operazione militare nella Striscia di Gaza, si sono tenute nell’antico quartiere ebraico di Roma.

E’ innanzitutto il segno tangibile dell’ansia e della preoccupazione con le quali gli ebrei romani, ma in fondo tutti gli ebrei, guardano alle vicende del conflitto israelo-palestinese.

E’ stato un momento nel quale – alla presenza del capo rabbino rav Riccardo Di Segni, del presidente della Comunità Riccardo Pacifici, degli ambasciatori israeliani in Italia e presso la Santa Sede, Naor Gilon e Zion Evrony – è stata espressa vicinanza, solidarietà e sostegno al popolo israeliano ma soprattutto per chiarire all’opinione pubblica e ai media che Israele sta operando nel pieno diritto all’autodifesa. Leggi tutto l’articolo


Sondaggio, l’84% degli israeliani appoggia operazione contro Hamas

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Ma solo il 30% favorevole a un attacco di terra

A circa sei giorni dall’inizio dell’operazione “Pilastro di Difesa“, lanciata dall’esercito israeliano contro i gruppi armati della Striscia di Gaza, l’84 per cento degli israeliani è favore dell’intervento militare deciso dal governo Netanyahu. Lo afferma un sondaggio pubblicato dal quotidiano Haaretz.

Il sondaggio è stato condotto su un campione di israeliani, ebrei ed arabi. Tra gli ebrei israeliani il 90% si dice a favore dell’operazione. Leggi tutto l’articolo