1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Iran: nuove ombre su programma nucleare, “shopping” di Teheran in Cina

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Iran nucleare

Centomila magneti superconduttori da inserire nelle centrifughe per accelerare il processo di arricchimento dell’uranio. La richiesta, si legge sul Washington Post, avanzata da un intermediario iraniano a una società cinese, rivelata da fonti vicine al dossier nucleare, getta nuove ombre sulle reali finalità del programma atomico di Teheran, all’indomani della fumata nera tra l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (Aiea) e l’Iran che non hanno trovato un accordo sulle ispezioni ai siti nucleari della Repubblica Islamica. Leggi tutto l’articolo


Il patto d’acciaio tra Teheran e Gaza

in: Blog/News | di: Piero Di Nepi

Nessun Commento

Le minacce contro Israele costituiscono una pericolosa minaccia alla sicurezza internazionale. Pochi comprendono che le provocazioni di Hamas fanno presagire un conflitto tra sunniti e sciiti

Non sappiamo se l’Egitto dopo il golpe islamico del Presidente Morsi si vada avviando verso una Notte di San Bartolomeo nordafricana. A partire dalla mezzanotte del 23 agosto 1572, e durante le settimane successive, almeno 30.000 cristiani protestanti francesi furono assassinati dopo il matrimonio del Re di Navarra, ugonotto, con la principessa cattolica Margherita di Valois, sorella del Re di Francia Carlo IX. Leggi tutto l’articolo


Accanto ad Israele, il pericolo è il ruolo dell’Iran

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Daniele Capezzone: “C’è un preoccupante umore anti-israeliano”

Daniele Capezzone, portavoce Pdl, in una nota afferma:

“Da troppe parti, in primo luogo nei media italiani, si percepisce un preoccupante sottofondo anti-israeliano, che porta numerosi osservatori a mettere tra parentesi il dato di fondo: da una parte c’è una democrazia perennemente sotto assedio, cioè Israele, e dall’altra ci sono nuclei terroristici, chiaramente sostenuti da pericolose dittature mediorientali, Siria e Iran in testa, che puntano alla distruzione dello Stato di Israele, e non si fanno scrupolo di mettere a rischio, in questo disegno, la stessa popolazione civile palestinese, non di rado usata alla stregua di scudo umano”.

Per Capezzone “in particolare, chiunque voglia dare una lettura non banale e di fondo del conflitto in corso, deve considerare il ruolo dietro le quinte dell’Iran. È Teheran che arma e incoraggia le azioni anti-israeliane, ed è comprensibilissimo e ragionevole che il Governo di Gerusalemme pensi a difendersi”.


Il traffico di droga? Tutta colpa degli ebrei e del Talmud

in: Anti-Semitismo | Scritto da: Redazione

6 Commenti

La balzana e folle idea del vice presidente iraniano che dimostra l’antisemitismo di Teheran.

La dura risposta del ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi

”Il traffico della droga e la promozione di quest’industria nel mondo ha le proprie radici nello scorretto insegnamento contenuto nel libro del Talmud”, l’ha sostenuto due giorni fa il primo vicepresidente Mohammad Reza Rahimi.

In un discorso tenuto – ironia – in occasione della Giornata mondiale della lotta contro la droga, il numero due dell’esecutivo iraniano ha precisato che ”nel Talmud si insegna che, per raggiungere la ricchezza e ottenere IL profitto, si possono usare tutte le vie, legittime o illegittime”. Leggi tutto l’articolo


Gli iraniani a Tel Aviv. Ma era solo una finzione cinematografica

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Bandiere iraniane e vessilli degli Hezbollah libanesi hanno invaso improvvisamente alcuni giorni fa una tranquilla piazzetta nel cuore di Tel Aviv, destando – ovviamente -stupore, e preoccupazione fra le persone che dalla strade e dai balconi circostanti udivano salire – in arabo o in farsi -l’urlo fragoroso: ”No al terrorismo sionista”. Leggi tutto l’articolo


“Lobby”, una parola che in America non fa paura

in: Politica Internazionale | Scritto da: Redazione

Un Commento

Alla convention annuale dell’AIPAC sono intervenuti Barack Obama, Benjamin Netanyahu e Gianfranco Fini

In Italia esiste un pregiudizio diffuso rispetto al termine “lobby”, che si carica di valenze e significati negativi, che fa immaginare forme di cospirazione, ad entità misteriose che agiscono segretamente.

Non a caso la citazione della fantomatica “lobby ebraica” è uno dei cavalli di battaglia degli antisemiti ed evoca la “cospirazione segreta” raccontata nei “Protocolli dei Savi di Sion”, il più celebre falso antisemita del ventesimo secolo.

Il lobbismo è invece un’attività presente in tutto il mondo, e in molti paesi le lobbies, a differenza dell’Italia, sono regolate da leggi specifiche (come accade negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, solo per citare alcuni esempi) ed agiscono alla luce del sole e in totale trasparenza, come parte integrante del sistema democratico, all’interno del quale operano diversi e contrapposti gruppi di opinione. Leggi tutto l’articolo


La lezione di Tiran vale anche per Hormuz

in: Blog/News | di: Piero Di Nepi

Nessun Commento

Il mare non porta fortuna ai dittatori. Ed anche la geografia, spesso, non li aiuta. Hitler e Mussolini subirono le prime sconfitte grazie alla flotta britannica delle Falkland e poi del Mediterraneo.

Oggi le ricorrenti, periodiche minacce iraniane di chiudere al traffico navale lo Stretto di Hormuz stanno rapidamente avviando ad esaurimento le scorte di pazienza di tutti gli attori di una crisi regionale che tende fatalmente a coinvolgere anche due superpotenze emergenti quali l’India e la Cina.

Tanto più che i progetti nucleari del regime iraniano allarmano non solo Israele, ormai rassegnato all’irragionevole ostilità del clero sciita di Tehran, quanto piuttosto le monarchie arabe del Golfo. Leggi tutto l’articolo


Iran, un video gioco da vietare

in: Blog/News | di: Fabio Perugia

Nessun Commento

Succede che il regime di Teheran ha deciso di bandire un videogame, molto diffuso tra i ragazzi, che si chiama “Battlefield 3“. E’ un gioco di guerra e uno degli scenari descrive i soldati americani sul territorio iraniano.

Ai vertici del Paese arabo tutti questi spari Made in Usa non sono andati giù, così il direttore dell’Iran National Foundation of Computer Games, Behrooz Minaei, è partito al contrattacco. E riunendo i più fidati programmatori della nazione (e non solo) sta dando vita a un nuovo videogame che si intitolerà “Attacco a Tel Aviv“.


Iran: innalzato stato di allerta, Teheran si prepara alla guerra

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha innalzato il suo stato di allerta per il timore di un attacco militare da parte di Stati Uniti o Israele. Stando a quanto riferito al quotidiano britannico Telegraph da fonti dell’intelligence occidentale, Teheran avrebbe infatti iniziato a posizionare missili a lungo raggio, esplosivi, artiglieria e unità di guardia in punti strategici per la difesa del Paese.

Il comandante della Guardia rivoluzionaria, Mohammed Ali Jaafari, ha dato infatti l’ordine di prepararsi a possibili raid e attacchi sotto copertura a causa delle crescenti pressioni internazionali sul programma nucleare iraniano. Leggi tutto l’articolo


Medio oriente, quali scenari? Convegno promosso da Fondazione Magna Carta e Associazione Summit

in: Blog/News | di: Jonatan Della Rocca

Nessun Commento

Gli ultimi sviluppi delle cronache mediorientali, come il pericolo del riarmo nucleare iraniano a fini militari, certificato anche dall’agenzia internazionale, la vittoria dei Fratelli Musulmani alle elezioni egiziane e l’assalto alla rappresentanza diplomatica di Londra a Teheran, sono stati i temi al centro dell’incontro “Israele, la sfida diplomatica e il pericolo atomico”, svoltosi alla Fondazione Magna Carta che ha riunito la vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, on. Fiamma Nirenstein, il corrispondente Rai da Gerusalemme, Claudio Pagliara, Giancarlo Loquenzi direttore de L’Occidentale e Udi Segal giornalista del Channel 2 News Israel. Leggi tutto l’articolo