1563580800<=1347580800
1563580800<=1348185600
1563580800<=1348790400
1563580800<=1349395200
1563580800<=1350000000
1563580800<=1350604800
1563580800<=1351209600
1563580800<=1351814400
1563580800<=1352419200
1563580800<=1353024000
1563580800<=1353628800
1563580800<=1354233600
1563580800<=1354838400
1563580800<=1355443200
1563580800<=1356048000
1563580800<=1356652800
1563580800<=1357257600
1563580800<=1357862400
1563580800<=1358467200
1563580800<=1359072000
1563580800<=1359676800
1563580800<=1360281600
1563580800<=1360886400
1563580800<=1361491200
1563580800<=1362096000
1563580800<=1362700800
1563580800<=1363305600
1563580800<=1363910400
1563580800<=1364515200
1563580800<=1365120000
1563580800<=1365724800
1563580800<=1303171200
1563580800<=1366934400
1563580800<=1367539200
1563580800<=1368144000
1563580800<=1368748800
1563580800<=1369353600
1563580800<=1369958400
1563580800<=1370563200
1563580800<=1371168000
1563580800<=1371772800
1563580800<=1372377600
1563580800<=1372982400
1563580800<=1373587200
1563580800<=1374192000
1563580800<=1374796800
1563580800<=1375401600
1563580800<=1376006400
1563580800<=1376611200
1563580800<=1377216000
1563580800<=1377820800
1563580800<=1378425600

Il commento della settimana: parashà di Devarim – Il 9 di Av

in: Ebraismo | di: Donato Grosser

Nessun Commento

Quest’anno Tishà Be-Av (il 9 del mese di Av) cade di Sabato. In questo giorno fu distrutto il primo Bet ha-Miqdash (il santuario di Gerusalemme) da Nabuccodonosor e il secondo Bet ha-Miqdash da Tito. Per questo motivo da millenovecentoquarantatre anni il 9 di Av è un giorno di lutto e di digiuno.

Non essendo permesso digiunare di Shabbàt il digiuno viene rimandato al giorno dopo.  La parashà di Devarim che viene letta sempre prima di Tishà Be-Av ha in comune con Tishà Be-Av la parola “Come”. Mosè disse:  “Come potrò sostenere  da solo… (1:12). E il profeta Geremia nella Lamentazioni chiede: “Come è successo che la città così popolosa è rimasta sola ed è diventata vedova…”.  Di Shabbat, nel leggere la parashà, in molte comunità  il versetto viene letto con la stessa melodia delle Lamentazioni. Leggi tutto l’articolo


C’è un tempo per la gioia e un tempo per il dolore

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

“Così dice il Signore degli eserciti: il digiuno del quarto mese (il 17 di Tammuz) e il digiuno del quinto mese (il 9 di Av) e il digiuno del settimo mese (il digiuno di Ghedalià) e il digiuno del decimo mese (il 10 di Tevet) diverranno per la casa di Giuda fonte di gioia e di allegria e ricorrenze buone; ma amate la verità e la pace.” (Zaccaria 8, 19).

“Quando inizia il mese di Av si diminuisce la gioia”: che riflesso pratico ha questa affermazione? Leggi tutto l’articolo


Tish’a’ Beav e altri digiuni

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Tish’a’ Beav ricorda la distruzione del 1° e del 2° Tempio di Gerusalemme e altre gravi sventure della storia ebraica, come la cacciata degli ebrei dalla Spagna.

In questo giorno è proibito:

a) Lavarsi (si possono lavare solo le dita e gli occhi). Chi ha le mani sporche se le può lavare. E’ proibito lavarsi i denti e la bocca, a meno che questa proibizione non comporti un fastidio eccessivo.
b) Spalmarsi il corpo con creme (a meno che non sia per fini sanitari).
c) Calzare scarpe di cuoio, sono permesse scarpe di gomma, pezza etc.
d) Avere rapporti sessuali
e) Mangiare e bere da venti minuti prima del tramonto della vigilia al comparire di tre stelle di Tish’a’ Beav.

Chi ha difficoltà a terminare il digiuno (malati, donne incinte, puerpere etc.) deve consultare un medico e un rabbino. E’ proibito studiare la Torah perché lo studio rallegra lo spirito. Si possono leggere Giobbe, i capitoli di Geremia che annunciano disgrazie, le Lamentazioni e i commenti relativi. Non si saluta; si può solo rispondere al saluto a bassa voce. E’ permesso lavorare, ma è preferibile astenersi dal lavoro, a meno che non si tratti di qualcosa di urgente.