1566518400<=1347580800
1566518400<=1348185600
1566518400<=1348790400
1566518400<=1349395200
1566518400<=1350000000
1566518400<=1350604800
1566518400<=1351209600
1566518400<=1351814400
1566518400<=1352419200
1566518400<=1353024000
1566518400<=1353628800
1566518400<=1354233600
1566518400<=1354838400
1566518400<=1355443200
1566518400<=1356048000
1566518400<=1356652800
1566518400<=1357257600
1566518400<=1357862400
1566518400<=1358467200
1566518400<=1359072000
1566518400<=1359676800
1566518400<=1360281600
1566518400<=1360886400
1566518400<=1361491200
1566518400<=1362096000
1566518400<=1362700800
1566518400<=1363305600
1566518400<=1363910400
1566518400<=1364515200
1566518400<=1365120000
1566518400<=1365724800
1566518400<=1303171200
1566518400<=1366934400
1566518400<=1367539200
1566518400<=1368144000
1566518400<=1368748800
1566518400<=1369353600
1566518400<=1369958400
1566518400<=1370563200
1566518400<=1371168000
1566518400<=1371772800
1566518400<=1372377600
1566518400<=1372982400
1566518400<=1373587200
1566518400<=1374192000
1566518400<=1374796800
1566518400<=1375401600
1566518400<=1376006400
1566518400<=1376611200
1566518400<=1377216000
1566518400<=1377820800
1566518400<=1378425600

Tu Bishvat

in: | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Il 15 di Shevat è Rosh Hashanà Lailanot, capodanno degli alberi. La ricorrenza viene celebrata in vari modi: si mangiano frutti di varie specie, in particolare quelli per cui è lodata Erez Israel (uva, fichi, melograno, olive e datteri), si piantono alberi in Erez Israel; la sera si fa il Seder Tu Bishvat, nel corso del quale si mangiano frutti e si leggono brani secondo un ordine prestabilito. Tu Bishvat è un giorno feriale, ma per sottolineare il carattere speciale della giornata, ci si astiene dal dire Tachannun.

Seder Tu Bishvat – Si usano leggere brani tratti dalla Bibbia e dalla successiva letteratura ebraica (Mishnà, Midrash, Zohar). Si recita una speciale “preghiera per gli alberi perché diano dei buoni frutti” e si mangiano vari tipi di frutta, prodotti vegetali e dolci recitando prima le benedizioni specifiche.