1552953600<=1347580800
1552953600<=1348185600
1552953600<=1348790400
1552953600<=1349395200
1552953600<=1350000000
1552953600<=1350604800
1552953600<=1351209600
1552953600<=1351814400
1552953600<=1352419200
1552953600<=1353024000
1552953600<=1353628800
1552953600<=1354233600
1552953600<=1354838400
1552953600<=1355443200
1552953600<=1356048000
1552953600<=1356652800
1552953600<=1357257600
1552953600<=1357862400
1552953600<=1358467200
1552953600<=1359072000
1552953600<=1359676800
1552953600<=1360281600
1552953600<=1360886400
1552953600<=1361491200
1552953600<=1362096000
1552953600<=1362700800
1552953600<=1363305600
1552953600<=1363910400
1552953600<=1364515200
1552953600<=1365120000
1552953600<=1365724800
1552953600<=1303171200
1552953600<=1366934400
1552953600<=1367539200
1552953600<=1368144000
1552953600<=1368748800
1552953600<=1369353600
1552953600<=1369958400
1552953600<=1370563200
1552953600<=1371168000
1552953600<=1371772800
1552953600<=1372377600
1552953600<=1372982400
1552953600<=1373587200
1552953600<=1374192000
1552953600<=1374796800
1552953600<=1375401600
1552953600<=1376006400
1552953600<=1376611200
1552953600<=1377216000
1552953600<=1377820800
1552953600<=1378425600

Il commento della settimana: Parashà di Reè – La mitzwà della Tzedaqà

in: Ebraismo | di: Donato Grosser

Nessun Commento

Rav Mordekhai Hacohen di Aleppo (XVII secolo) nel suo commento Siftè Cohen alla Parashà di Reè, osserva che rovesciando l’ordine delle lettere della parola “Tzedaqà” (Tzadi, Dalet, Qof)  con il sistema “Atbash” (cioè sostituendo alla Alef la Tav, alla Bet la Shin, alla Ghimel la Qof e così via) ritorna la parola tzedaqà.

Egli spiega che questo significa che la ricompensa del Cielo per chi dà Tzedaqà è di ricevere beni materiali per potere continuare a dare ancora tzedaqà. Leggi tutto l’articolo


Deputazione Ebraica: il nuovo sito è online

in: Blog/News, Ebraismo | Scritto da: Redazione

2 Commenti

“Abbiamo da poco compiuto 125 anni, ma non li dimostriamo”, è uno degli slogan scelti per l’home page del nuovo sito della Deputazione Ebraica, e che secondo noi meglio rappresenta il nuovo corso di questa antica istituzione ebraica, nata addirittura per Regio Decreto nel 1885.

Proprio il termine “azione” contenuto nel nome, è al centro del gioco cromatico e semantico del nuovo logo, come a sottolineare l’estrema prontezza nel rispondere alle esigenze dei bisognosi e della mobilità dei suoi operatori, il cui lavoro si basa su un’autentica passione per il lavoro assistenziale e solidale svolto.

Immaginiamo che l’obiettivo prefissato sia quello di convogliare attraverso una spinta emotiva tutti gli appartenenti alla nostra Comunità che hanno voglia di mobilitarsi per aiutare le persone in difficoltà ma spesso non sanno qual è la maniera giusta per farlo. Leggi tutto l’articolo