1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Tornano a Roma le opere di David Gestein

in: Eventi, Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

In mostra alla Tedeschi Gallery, dal 6 dicembre

Il 6 dicembre alle 18,30, dopo quattro anni, l’artista israeliano David Gerstein tornerà ad esporre all’Ermanno Tedeschi Gallery di Roma con una retrospettiva completa del suo lavoro.

Pittore e scultore di fama internazionale, alcune sue monumentali sculture svettano al centro di piazze famose come quelle di Shanghai, Bangkok e San Francisco. Anche a Roma è presente nel giardino della sinagoga Maggiore la scultura “Cypress”, inaugurata in occasione della sua mostra nel 2008.

Con i suoi colori sgargianti le opere di Gerstein riconducono a cifre stilistiche legate a stilemi Pop. Profondamente curioso della vita quotidiana nelle metropoli, il suo approccio è quasi impressionista nel descrivere il movimento e l’energia che si sprigionano nelle diverse attività umane. Uomini che camminano di fretta, ciclisti che si arrampicano sui sentieri, ballerini che danzano, musicisti jazz che colorano l’aria di note, tutto è reso vitale e gioioso da David Gerstein.

In un’intervista, Gerstein riconosce: “I ricordi d’infanzia sono gli elementi dominanti di chi fa arte; le situazioni vissute durante l’infanzia diventano motivo d’ispirazione in adolescenza. Quando penso che ora sto ritagliando forme e figure, ricordo mio padre che era un tagliatore di pelli; aveva un laboratorio per il taglio del cuoio e sovente lo aiutavo. La gestualità di prendere e tagliare una forma sembra essere un elemento essenziale nella mia vita. Eseguire ritagli di carta fa parte della tradizione popolare ebraica di cui io faccio parte. La mia linea di disegno, che è molto sottile, taglia la sagoma; si tratta di una linea definita e determinata che si presta al taglio.”

La Galleria ospita installazioni parietali formate da lastre d’acciaio sagomate dipinte con accesi colori industriali e sovrapposte su vari livelli oltre a quadri di sculture di carta. Durante la retrospettiva saranno esposte anche alcune pitture e sculture che ripercorrono la vita artistica del Maestro.

Nel corso della serata sarà presentato anche il volume in lingua inglese “David Gerstein, past and present” pubblicato dalla casa editrice Skira, a cura di Paola Gribaudo, Gideon Ofrat e Irena Gordon, volume che racconta il percorso artistico di Gerstein negli ultimi quarant’anni.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,