1508371200<=1347580800
1508371200<=1348185600
1508371200<=1348790400
1508371200<=1349395200
1508371200<=1350000000
1508371200<=1350604800
1508371200<=1351209600
1508371200<=1351814400
1508371200<=1352419200
1508371200<=1353024000
1508371200<=1353628800
1508371200<=1354233600
1508371200<=1354838400
1508371200<=1355443200
1508371200<=1356048000
1508371200<=1356652800
1508371200<=1357257600
1508371200<=1357862400
1508371200<=1358467200
1508371200<=1359072000
1508371200<=1359676800
1508371200<=1360281600
1508371200<=1360886400
1508371200<=1361491200
1508371200<=1362096000
1508371200<=1362700800
1508371200<=1363305600
1508371200<=1363910400
1508371200<=1364515200
1508371200<=1365120000
1508371200<=1365724800
1508371200<=1303171200
1508371200<=1366934400
1508371200<=1367539200
1508371200<=1368144000
1508371200<=1368748800
1508371200<=1369353600
1508371200<=1369958400
1508371200<=1370563200
1508371200<=1371168000
1508371200<=1371772800
1508371200<=1372377600
1508371200<=1372982400
1508371200<=1373587200
1508371200<=1374192000
1508371200<=1374796800
1508371200<=1375401600
1508371200<=1376006400
1508371200<=1376611200
1508371200<=1377216000
1508371200<=1377820800
1508371200<=1378425600

Umberto Aboaf, il ricordo della Comunità Ebraica di Roma

in: Blog/News | Pubblicato da: Eleonora Pavoncello

Nessun Commento

Si è spento nella notte all’età di 95 anni Umberto Aboaf, uno degli ultimi sopravvissuti italiani della Shoah. Nato nel 1921 a Venezia, Aboaf fu catturato a Roma nel 1944, per poi essere trasferito a Fossoli e di qui a Buchenwald, dove rimase per otto mesi fino alla liberazione nell’aprile del 1945. “Alla vigilia del Giorno della Memoria, la scomparsa di Aboaf ci riporta alla necessità di mantenere viva la memoria, tanto più ora che le testimonianze vanno diminuendo. Abbiamo una grande responsabilità.”: queste le parole della Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS