1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Il Viaggio della Memoria 2011 parte da Cracovia

in: Eventi, Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Dal ghetto ebraico di Cracovia è partito il Viaggio della Memoria promosso dalla Regione Lazio insieme alla nostra Comunità che si concluderà nei luoghi simbolo della Shoah.

Luoghi che verranno visitati da 38 giovani calciatrici e calciatori del Lazio, che hanno vinto il Trofeo della Memoria e 35 studenti dell’Istituto professionale “Carlo Cattaneo” di Roma.

Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini, gli assessori regionali all’Istruzione alla Cultura, Gabriella Sentinelli e Fabiana Santini, il presidente della nostra Comunità Riccardo Pacifici e il direttore del museo della Shoah Marcello Pezzetti accompagneranno i ragazzi nel loro viaggio-studio.

Ragazzi che hanno ascoltato le parole di Renata Polverini:

“Spero che abbiate iniziato a comprendere il senso di questo viaggio quest’anno ci sono due novità: la squadra femminile di calcio e la presenza dei ragazzi dell’Istituto Cattaneo. Penso che il Viaggio della Memoria è il modo più semplice ma diretto per capire, per fare in modo che queste immagini, che porteremo con noi, non accadano più. Siamo qui perché vogliamo trasferire a voi il senso della tragedia per fare di voi, ragazzi, testimoni e dare un contributo positivo. In gita ci si diverte, sono stata giovane anche io, ma domani farete i conti con la vostra coscienza. Martedì saremo più ricchi; non si può certo parlare di un’esperienza bella, perché non è il termine più adatto ma di un’esperienza che fa crescere”.

Riccardo Pacifici ha aggiunto:

“Vorrei dedicare questo viaggio ad Ida Marcheria, che ci ha lasciato pochi giorni fa ed a Salmonì, che se n’è andato prima dell’estate. La Fondazione del museo della Shoah sta lavorando a pieno ritmo sulla ricerca, la formazione di nuovi testimoni, tre giovani che sono qui con noi, che ci consentirà di fare questo passaggio. E’ la nostra unica arma: la verità e la giustizia. Raccontare, ricordare o prepararsi al racconto con è facile perché con la mente significa ritornare a quei luoghi della tragedia. Ragazzi, prendete quest’opportunità con forza e grinta tutto, pensando e ricordandovi che durante l’olocausto non sono morti solo prevalentemente ebrei ma anche zingari, disabili, omosessuali”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , , ,