1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Viaggio virtuale alla scoperta del Museo della Shoà di Roma

in: Blog/News, Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

3 Commenti

E’ già possibile consultare documenti e fotografie. Una esperienza forte ma educativa contro tutti i negazionismi

Contro i negazionisti, contro gli antisemiti, contro chi banalizza il genocidio del popolo ebraico commesso dai nazisti e dai loro alleati, non vi è che la documentazione, la testimonianza e il racconto. E’ questo quello che si prefigge il Museo della Shoà di Roma – che avrà sede in Villa Torlonia – i cui lavori partiranno fra pochi mesi. Ma già da oggi è possibile consultare parte della documentazione che sarà esposta.

Attraverso un originale progetto grafico, lo staff della Fondazione del Museo della Shoà (guidato da Leone Paserman e da Marcello Pezzetti) ha infatti ricostruito gli ambienti virtuali del futuro Museo, consentendo a tutti coloro che visiteranno il sito (Museodellashoah.it) di consultare documenti, di zoomare su foto, di muoversi con l’uso del mouse tra le varie sale espositive.

E’ una novità importante, soprattutto per l’uso didattico che se ne potrà fare nelle scuole, anche perché la possibilità di ingrandire le foto storiche – scattate nei lager e nei ghetti – consente di cogliere la drammaticità e l’orrore che provarono le vittime, ma anche la disumanità dei loro carnefici. Si scoprono così dettagli mai visti prima, anche in foto che molti già conoscono, come quella delle donne ebree nude, con i loro bambini, in attesa di essere uccise sul ciglio delle fosse piene di cadaveri ammucchiati. Sono alcune delle fotografie della fucilazione di massa di 1.700 ebrei del ghetto di Mizocz (Ucraina), diventate fra le immagini simbolo della Shoah.

Il materiale proposto è quello che proviene dal catalogo della mostra ‘Auschwitz-Birkenau’ (curata da Marcello Pezzetti e Bruno Vespa, con il coordinamento di Alessandro Nicosia), ed esposta lo scorso anno al Vittoriano.

Un aspetto importante di questa esposizione virtuale e che sarà disponibile anche su cd o dvd, senza collegamento ad Internet. La mostra virtuale è stata ideata e progettata da Alé Comunicazione Srl, sotto la direzione di Robert Hassan e il coordinamento tecnico di Alessandro Tortorella.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,