1558742400<=1347580800
1558742400<=1348185600
1558742400<=1348790400
1558742400<=1349395200
1558742400<=1350000000
1558742400<=1350604800
1558742400<=1351209600
1558742400<=1351814400
1558742400<=1352419200
1558742400<=1353024000
1558742400<=1353628800
1558742400<=1354233600
1558742400<=1354838400
1558742400<=1355443200
1558742400<=1356048000
1558742400<=1356652800
1558742400<=1357257600
1558742400<=1357862400
1558742400<=1358467200
1558742400<=1359072000
1558742400<=1359676800
1558742400<=1360281600
1558742400<=1360886400
1558742400<=1361491200
1558742400<=1362096000
1558742400<=1362700800
1558742400<=1363305600
1558742400<=1363910400
1558742400<=1364515200
1558742400<=1365120000
1558742400<=1365724800
1558742400<=1303171200
1558742400<=1366934400
1558742400<=1367539200
1558742400<=1368144000
1558742400<=1368748800
1558742400<=1369353600
1558742400<=1369958400
1558742400<=1370563200
1558742400<=1371168000
1558742400<=1371772800
1558742400<=1372377600
1558742400<=1372982400
1558742400<=1373587200
1558742400<=1374192000
1558742400<=1374796800
1558742400<=1375401600
1558742400<=1376006400
1558742400<=1376611200
1558742400<=1377216000
1558742400<=1377820800
1558742400<=1378425600

Wojtyla: Nessuno ha fatto tanto per gli ebrei

in: Ebraismo | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Nessun Pontefice prima di Giovanni Paolo II ha stretto rapporti tanto intensi con il mondo ebraico. L’ha detto in un’intervista all’Osservatore Romano, Jack Bemporad, il rabbino che ha guidato le Comunità ebraiche in Texas, California e New Jersey.

Riguardo il viaggio di Wojtyla a Gerusalemme, il rabbino ricorda “l’immagine di un Papa fragile, che senza aiuto camminava lentamente verso il Muro per inserirvi la bellissima preghiera di perdono e riconciliazione, abbia colpito indelebilmente i cuori degli ebrei, non solo di quelli di Israele ma degli ebrei di tutto il mondo”. Bemporad ha aggiunto:

”Giovanni Paolo II credeva che i cambiamenti sopravvenuti fra cristiani ed ebrei dovessero avere un’esplicita espressione. Quale modo migliore poteva esserci se non entrare nella Sinagoga di Roma e abbracciare il rabbino Toaff davanti al mondo intero? Il popolo ebraico aveva la più alta opinione e il più alto rispetto per Giovanni Paolo II.
E’ stato il primo Papa a entrare in Sinagoga e a chiedere perdono per i passati atti di antigiudaismo, usando la parola ebraica teshuvah, che significa non solo richiesta di perdono ma determinazione a prendere una nuova direzione.
Oltre a questo, ha avviato e portato a termine la costruzione di piene relazioni diplomatiche fra Israele e la Santa Sede e ovunque lui andasse nel mondo, ha sempre incontrato la locale Comunità ebraica per stabilire legami di amicizia e mutua comprensione. Nessun Papa prima di lui aveva fatto così tanto”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , , , ,